0 3 minuti 2 mesi

Dieci agenti della Polizia penitenziaria del carcere di Reggio Emilia indagati, otto sono accusati di tortura

di Piero Filippi

Incappucciato con un federa, messo pancia a terra con uno sgambetto e poi preso a pugni sul volto e sul costato, calpestato con gli scarponi, trattenuto alcuni minuti per braccia e gambe dagli agenti della polizia penitenziaria. Poi denudato e sollevato di peso, sempre col cappuccio in testa, fino ad essere trascinato in cella.

L’inchiesta

Il pestaggio subito da un 40enne detenuto tunisino, il 3 aprile scorso in un corridoio di un carcere italiano, l’istituto di Reggio Emilia, è documentato dai video delle telecamere interne, finiti agli atti dell’inchiesta chiusa dalla Procura reggiana a carico di 10 agenti, otto accusati di tortura.
Qualcosa di “brutale, feroce e assolutamente sproporzionato rispetto al comportamento del detenuto”, aveva scritto il Gip Luca Ramponi che a luglio ha emesso un’ordinanza di interdizione dal servizio per dieci indagati.

L’accaduto

Il detenuto era appena uscito dalla stanza del direttore, dopo aver avuto una sanzione di isolamento per condotte che avevano violato il regolamento. Mentre si dirigeva verso le celle, le telecamere riprendono come sia stato incappucciato, sgambettato e poi colpito mentre è a terra. Poi si osserva come il detenuto sia stato sollevato a mezz’aria, sempre con il cappuccio e a quel punto denudato. Viene condotto verso la cella e nuovamente percosso, poi sarebbe rimasto lì per oltre un’ora, nonostante le richieste di aiuto. A quel punto, è stato ricostruito, il tunisino avrebbe rotto il lavandino della cella per cercare di attirare l’attenzione, cominciando a ferirsi coi cocci: le immagini mostrano il corridoio davanti alla cella che si allaga di sangue. Dopo circa un’ora sono intervenuti un medico e un altro detenuto e lo hanno soccorso. In seguito la vittima ha presentato una denuncia che ha dato il via alle indagini.

Parla il legale del detenuto

“Sono immagini agghiaccianti e inaccettabili, una violenza gratuita contro un uomo solo, privato della libertà, incappucciato, ammanettato e a terra. Ci tengo a sottolineare il lavoro della Procura di Reggio Emilia, che con la dovuta tempestività e determinazione ha svolto le indagini ed estrapolato quanto ripreso dalle telecamere interne, che altrimenti avremmo perso”Ha commentato l’avvocato Luca Sebastiani, legale del detenuto vittima del pestaggio.

“Non è la prima volta che si parla di tortura all’interno delle carceri – prosegue l’avvocato – pertanto mi auguro che questa gravissima vicenda possa finalmente far avviare nel nostro Paese una seria riflessione politica. Parliamo di un fatto grave, avvenuto in Italia. Peraltro, solo pochi giorni fa abbiamo dovuto assistere al trattamento disumano riservato a una cittadina italiana in un carcere di un altro Stato europeo“.

Sorgente: Reggio Emilia, tortura in carcere: il video agghiacciante | TG LA7

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20