0 13 minuti 2 mesi

Permettetemi di iniziare questo pezzo condividendo la storia di un bambino di Gaza. A differenza di tua figlia, sorella o nipote, Hind Rajab non è vissuta abbastanza da raggiungere il suo sesto compleanno. I bambini della sua età in genere hanno grandi progetti, anticipano con impazienza l’inizio della scuola e magari sono alle prese con la sfida di completare un gioco Lego. Da bambino di sei anni, Hind, tuttavia, fissava la morte negli occhi attraverso la canna nera spalancata di una mitragliatrice israeliana.

Lo zio di Hind, Bashar Hamada, guidava una Kia Picanto nera insieme a sua moglie e i loro figli: Sarah di quattro anni, Mohammed, 11, Raghad, 12, Sana, 13, Layan 15, e il loro cugino di sei anni, Posteriore. Bashar ha obbedito agli ordini israeliani che cercavano una “zona sicura” per la sua famiglia e sua nipote a Gaza. Non essendo rimasto più spazio nella piccola vettura affollata, la madre di Hind e i fratelli maggiori sono fuggiti a piedi.

Il 29 gennaio, era poco dopo l’una del pomeriggio, quando un carro armato israeliano ha bloccato la strada davanti all’auto. Bashar sventolò freneticamente una bandiera bianca. La mitragliatrice sulla torretta puntava verso l’auto. Il labirinto della ragnatela del mirino della mitragliatrice proteggeva il volto dell’artigliere. Il carro armato puntò rapidamente il suo pesante cannone in direzione dell’auto. Il minaccioso buco nero da 120 mm li fissava. I bambini gridavano terrorizzati. All’improvviso, un bagliore ardente e una palla di fuoco guizzarono dalla mitragliatrice. Una raffica di proiettili ha frantumato il parabrezza, i proiettili sono rimbalzati sulla carrozzeria dell’auto.

LEGGI: ​​Bambino palestinese ai soldati israeliani: “Non ci arrenderemo… Dio è il nostro protettore e voi non avete alcun protettore”

Hind cadde tra il sedile posteriore e sua zia in riva al mare. Layan, dall’altra parte del sedile posteriore, si incuneò dietro suo padre al posto di guida. I corpi di Sana e Raghad rimbalzavano avanti e indietro mentre i proiettili trovavano il segno. Sangue caldo schizzò sui loro volti, Layan cominciò a sanguinare e Hind tremò di terrore, riparato sotto il corpo senza vita di suo cugino, Raghad.

Alle 14:28, Omar del centro principale di spedizione della Mezzaluna Rossa Palestinese (PRCS) a Ramallah era in contatto con il quindicenne Layan.

“Ci stanno sparando”, urla assordante. “Il carro armato è accanto a me”, dice con orrore.

“Stai nascondendo?” chiede Omar.

Gli spari risuonavano in sottofondo; Layan strillò. Poi, all’improvviso, è caduta la linea.

 

Sotto shock e traumatizzato, Omar è andato a cercare la sua collega, Rana Faqih, in un’altra stanza. Le raccontò quello che aveva sentito. Con il cuore che le batteva forte nel petto, Rana lo guidò di nuovo nella sala spedizioni e gli chiese di chiamare il numero. Le sue dita tremavano sulla tastiera mentre componeva il numero di telefono, alla disperata ricerca di qualsiasi segno di vita dall’altra parte.

OPINIONE: Sull’orlo di un bagno di sangue

Questa volta, Hind risponde al telefono. La sua voce instabile.

“Sei in macchina adesso?” le chiese.

“Sì”, disse la vocina dall’altra parte.

Omar passa il telefono a Rana, che assicura gentilmente a Hind che rimarrà in linea con lei fino all’arrivo dei soccorsi.

La voce di Hind crepitava di scariche statiche, Rana non riusciva a capire.

“Con chi sei?” chiese Rana.

“Con la mia famiglia”, la voce di Hind tremava.

Rana ha chiesto a Hind degli altri occupanti dell’auto.

“Sono morti”, arrivò una voce stridula dall’altra parte.

“Come è stata colpita l’auto?” chiede Rana.

“Un serbatoio.” Hind respira pesantemente. “Il carro armato è accanto a me… viene verso di me… è molto, molto vicino”, grida disperata.

Tentando di nascondere la paura nella sua voce, Rana continua a rassicurare Hind, promettendo che organizzerà l’aiuto il più rapidamente possibile.

“Non aver paura”, disse a Hind. “Non ti faranno del male. … Non lasciare la macchina.” Rana dubitava delle sue stesse parole.

Seguì il silenzio per lunghi secondi. Rana non era sicura se il suo panico fosse evidente quanto quello di Omar che stava sudando.

“Se potessi tirarti fuori, lo farei.” Rana ha cercato di coinvolgere nuovamente Hind. “Stiamo facendo del nostro meglio.” Pianse in silenzio, trattenendo le lacrime mentre lottava per mantenere una voce ferma.

“Per favore, vieni a prendermi”, disse Hind. Ancora e ancora: “Vieni a prendermi”. In sottofondo un lontano rombo di fuoco. “Vieni a prendermi”, implorò Hind disperatamente.

Intorno alle 15, i colleghi di Rana a Gaza hanno individuato la posizione dell’auto vicino all’Università di Al-Azhar. Tuttavia, l’accesso a un’ambulanza in una zona militare chiusa richiedeva l’autorizzazione dell’esercito israeliano. Rana ha immediatamente contattato un funzionario del Ministero della Salute palestinese (PMH), fornendo la posizione di Hind e chiedendo il permesso all’esercito israeliano di inviare un’ambulanza. Il funzionario del PMH, Fathi Abu Warda, si è quindi rivolto al Coordinatore delle attività governative nei territori (COGAT) per garantire un passaggio sicuro ai paramedici.

Aspettando con ansia una risposta, Rana rimase al telefono con Hind. Si trascinavano ore dal contatto di Abu Warda con il COGAT, il freddo e l’oscurità seguivano il minaccioso tramonto.

«Ho paura del buio», rabbrividì Hind.

“Ci sono spari intorno a te?” chiese Rana.

“SÌ. Vieni a prendermi”, pregò ancora Hind. “Ho tanta paura, vieni per favore.” Rana era impotente.

 

Intorno alle 18, il COGAT ha dato al funzionario del PMH l’autorizzazione a inviare un’ambulanza. Con il via libera finalmente concesso , il PCRS ha ritenuto sufficientemente sicuro inviare un equipaggio di due persone composto da Youssef Zeino e Ahmed Al-Madhoon.

L’ambulanza si è avvicinata, a pochi metri dalla Kia. Rana provò un’ondata di sollievo, fiduciosa che Hind sarebbe stato presto salvato. Ma poi il rapporto dei paramedici al centralinista ha infranto le sue speranze: un carro armato israeliano li aveva presi di mira con un raggio laser . Presto sono seguiti degli spari e una forte esplosione. Poi, un silenzio inquietante avvolse la scena. Il contatto con la squadra dell’ambulanza e Hind si è perso, facendo precipitare Rana in uno stato di angosciosa incertezza.

Per 12 giorni dolorosi, la madre di Hind ha sopportato il tormento di non conoscere il destino del suo bambino di sei anni e dei due uomini coraggiosi che erano stati autorizzati dall’esercito israeliano a salvarla. Contro ogni previsione, si è aggrappata alla speranza, pregando che fossero stati arrestati dall’esercito israeliano. Ogni volta che sentiva il lamento della sirena di un’ambulanza o vedeva le luci stroboscopiche lampeggianti, il suo cuore batteva forte per l’attesa, pensando che forse finalmente poteva essere Hind.

LEGGI: ​​Funzionario ONU: “Israele viola i diritti dei bambini di Gaza”

Il 13° giorno, e dopo che i carri armati israeliani ebbero finalmente ripulito l’area, fu scoperta la Kia , che portava i tristi resti della tragedia . Tra i corpi decomposti di due adulti e sei bambini, la piccola forma decomposta di Hind è stata trovata dietro il sedile del passeggero anteriore. A pochi metri di distanza, tra le rovine dell’ambulanza bruciata, giacevano i resti carbonizzati dei due paramedici , i loro corpi intrecciati tra i rottami mescolati.

Se Hind fosse stata Kateryna ucraina o una ragazza israeliana, il suo volto sarebbe apparso sugli schermi televisivi occidentali. I media “liberi” avrebbero chiesto a gran voce di intervistare sua madre e ogni membro sopravvissuto della sua famiglia. Eppure, a differenza di un bambino israeliano privilegiato che potrebbe aver vissuto nella casa originaria dei genitori di Hind, Hind, nato da due genitori sfollati, ha sopportato una vita di indigenza e alla fine è stato assassinato da un artigliere di carri armati israeliani. La sua memoria è stata ulteriormente messa a tacere da media occidentali “liberi”, scoraggiati dalle “vittime professionali” e intimiditi per non essere etichettati come “antisemiti” nel caso avessero denunciato le atrocità e le ingiustizie israeliane.

Hind, insieme alla sua famiglia e ai paramedici, non ha fatto eccezione nella guerra di Israele contro i civili. Sono stati assassinati secondo le stesse regole d’ingaggio autoinflitte da Israele che hanno ucciso i tre prigionieri israeliani in fuga sventolando una bandiera bianca nelle strade di Gaza. Dopotutto, l’esercito israeliano è il prodotto di una cultura manifestata da dichiarazioni come quelle del presidente israeliano che ha dichiarato che “l’ intera nazione là fuori è responsabile …”

Hind era solo uno degli oltre 12.000 bambini che Netanyahu aveva promesso, il 28 ottobre 2023, avrebbero affrontato una vendetta imminente : “Ricorda ciò che Amalek ti ha fatto… noi ricordiamo…” Il suo riferimento si rifà a un versetto della Bibbia ebraica che sostiene per “uccidere sia l’uomo che la donna, il bambino e il lattante”.

I principali media occidentali, insieme ai governi, sono stati direttamente complici nel consentire la guerra criminale di Netanyahu a livello diplomatico, finanziario e militare nel genocidio “biblico” contemporaneo. Inoltre, i media sono diventati uno strumento accessorio delle pubbliche relazioni israeliane, rispettando le direttive di non inviare corrispondenti per coprire il conflitto dall’interno di Gaza, incorporando invece i propri reporter nell’esercito israeliano e riportando solo ciò che Israele permette loro di vedere.

OPINIONE: La BBC e la sua scelta delle parole la rendono sicuramente complice di crimini di guerra

Tutto ciò ha rafforzato l’apparente pregiudizio cognitivo del presidente americano, Joe Biden, e dei leader occidentali in generale. Perché la loro interpretazione della realtà a Gaza, e in Palestina in generale, è predisposta da convinzioni preconcette, indipendentemente dall’evidenza contraria. Allo stesso modo, i media “liberi” occidentali gestiti continuano a commercializzare vere e proprie bugie israeliane, non disinformazione, creando così una disconnessione dalla realtà modellando le prospettive e le percezioni degli individui in modi che divergono dalla realtà oggettiva.

Ad esempio, in mancanza di obiettivi militari fissi in una guerriglia, i media occidentali hanno fatto eco acriticamente alle bugie israeliane, dipingendo i centri medici come presunti centri di comando, giustificando così le azioni israeliane volte a disabilitare strutture mediche vitali, arrestando personale medico con falsi pretesti in chiara violazione del diritto internazionale. . Ciò ha provocato la morte di neonati nelle incubatrici privati ​​di ossigeno e supporto vitale. Questo schema è continuato mentre le forze israeliane avanzavano da un grande ospedale (presunto obiettivo militare) a quello successivo, raggiungendo infine Rafah, ai confini meridionali di Gaza.

Rafah, originariamente designata da Israele come “zona sicura”, è un’area di 23 miglia quadrate che attualmente ospita 1,4 milioni di persone, ovvero circa 61.000 individui per miglio quadrato. Di questi, il 71% sono stati sfollati con la forza da Israele dal centro e dal nord di Gaza. La strategia israeliana di assegnare una regione di confine come “zona sicura”, sovrappopolandola di sfollati e poi cambiando unilateralmente la designazione in teatro di guerra, fa parte dell’obiettivo finale di Israele di pulire etnicamente i palestinesi nel deserto del Sinai.

Nonostante tutto ciò, la realtà distorta, perpetuata da un innato razzismo occidentale profondamente radicato, oscura la capacità dell’Occidente di riconoscere il collegamento evidente che guida le moderne atrocità israeliane e la convinzione metafisica, vecchia di 3000 anni, di provocare la distruzione totale e “… mettere a morte gli uomini”. e donne, bambini e neonati, bovini e pecore, cammelli e asini”. E spingono coloro che sopravvivono dalle loro case in una ripetizione della “ Nakba ” del 1948 in terre straniere.

Sorgente: Rafah between Netanyahu’s metaphysical power and the West’s disconnect with reality – Middle East Monitor

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20