0 3 minuti 2 mesi

Per diverse settimane, la città di Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza, è stata testimone di intensi bombardamenti israeliani via terra e via aria, nonché di feroci scontri tra le forze israeliane e i combattenti di Hamas. Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha annunciato la scorsa settimana che l’esercito aveva smantellato con successo le capacità di Hamas nella città – un’affermazione che Israele aveva fatto in precedenza riguardo a Gaza City, nel nord, solo per essere smentita . Ma a Khan Younis, come nel resto di Gaza, siamo noi civili a subire il peso maggiore della violenza. 

I carri armati israeliani hanno assediato due dei più importanti ospedali ancora parzialmente funzionanti nel sud di Gaza: Nasser e Al-Amal. Entrambi si trovano nella parte occidentale di Khan Younis, e da quando è iniziata la guerra sono stati sopraffatti non solo dall’afflusso di pazienti ma anche da famiglie in cerca di rifugio dopo essere state sfollate dalle parti settentrionali della Striscia. Le forze israeliane hanno aperto il fuoco sugli oltre 8.000 sfollati che si rifugiavano nelle vicinanze dell’ospedale Nasser e hanno demolito le tombe nel cimitero adiacente, uno degli almeno 16 cimiteri che Israele ha profanato durante la sua operazione a Gaza. 

I carri armati israeliani sono penetrati anche nelle vicinanze dell’Università di Al-Aqsa, all’estremità occidentale della città, vicino alla “zona sicura” di Al-Mawasi, precedentemente designata ; ha preso di mira il Centro di formazione dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione (UNRWA), uno dei più grandi rifugi di tutta Gaza che ha ospitato fino a 40.000 sfollati; e circondò completamente la parte occidentale del campo profughi di Khan Younis. 

L’esercito israeliano ha lanciato volantini che ordinavano ai residenti di evacuare Khan Younis, e negli ultimi giorni circa 120.000 palestinesi sono fuggiti dalla città attraverso un presunto “corridoio sicuro” che si estende dalla parte occidentale del campo profughi all’area di Al-Mawasi vicino all’Università di Al-Aqsa. . Tuttavia, il passaggio attraverso questo corridoio, costituito da tre posti di blocco militari israeliani, è stata per molti palestinesi una delle prove più strazianti dall’inizio della guerra. 

Secondo le testimonianze dei palestinesi che hanno compiuto il viaggio, compreso uno degli autori, coloro che attraversavano il corridoio erano costretti a scandire slogan contro Hamas; a molti furono confiscati i loro averi; e gli uomini venivano separati dalle loro famiglie, spogliati e sottoposti a ore di abusi fisici e privazioni. Nel frattempo, migliaia di persone rimangono intrappolate a Khan Younis, incapaci di lasciare i loro rifugi per paura di essere colpiti per strada.

Sorgente: Palestinians abused, forced to chant anti-Hamas slogans in ‘safe corridor’

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20