0 6 minuti 3 mesi

0802.20240CondividereIl numero di persone con disabilità sta aumentando rapidamente alla luce dell’aggressione israeliana, che ne aggrava la sofferenza e riduce le loro possibilità di sopravvivenza Le organizzazioni palestinesi per i diritti umani avvertono del peggioramento della sofferenza delle persone con disabilità alla luce della continuazione del genocidio commesso dalle forze di occupazione israeliane nella Striscia di Gaza per il 125° giorno consecutivo. Le nostre istituzioni ricordano la protezione offerta alle persone con disabilità in tempi di conflitto armato, evidenziata dalla Risoluzione 2475 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, e sottolineano la responsabilità degli Stati nel garantirla. Circa 58.000 persone con disabilità nella Striscia di Gaza sono esposte a gravi violazioni durante la diffusa e continua aggressione militare israeliana, che ha portato alla morte e al ferimento di centinaia di loro. Secondo le stime preliminari; Si prevede che l’aggressione militare causerà circa 12.000 nuovi casi di disabilità, su oltre 67.000 feriti derivanti dai raid e dai bombardamenti israeliani. Le persone con disabilità affrontano enormi difficoltà durante gli sfollamenti forzati e le forze di occupazione non le hanno escluse dagli arresti e dalle torture che hanno colpito decine di migliaia di civili. Secondo la testimonianza del cieco Khamis Raed Khamis Abu Arab, 24 anni, residente nel campo profughi di Bureij nella Striscia di Gaza centrale, ai nostri equipaggi:“Il 28 dicembre 2023, i carri armati israeliani hanno attaccato il centro di accoglienza (scuola di Abu Helu) dove eravamo sfollati nel campo di Bureij, e hanno iniziato a sparare contro i muri, e i soldati di occupazione hanno chiesto attraverso gli altoparlanti che tutti gli uomini di età compresa tra i 16 anni e quelli di 60 anni escono nel cortile della scuola.” Senza vestiti, uno dei giovani mi prese la mano e mi portò fuori nel cortile della scuola, poi i soldati di occupazione ci portarono nel sito a est di Al-Maghazi, e loro hanno cominciato a interrogarmi mentre ero nudo, e mi hanno picchiato senza preoccuparsi della mia disabilità, e quando ho detto ai soldati che ero cieco, uno di loro mi ha risposto dicendo: “Posso ucciderti qui senza che lui lo sappia”. . Poi i soldati ci portarono in un posto che poi scoprii essere una località nella zona di Zikim. Venivo picchiato e insultato ogni giorno, finché i soldati si offrirono di curarmi in cambio di informazioni. Quando dissi loro che non lo facevo “Non sapevo alcuna informazione, mi hanno aggredito brutalmente. E quando ho chiesto loro una goccia per curare l’alta pressione oculare. Mi hanno portato solo Acamol. Ero costantemente picchiato e il soldato a volte mi metteva il piede sul collo. Eravamo in una luogo aperto e stavo sotto la pioggia per 5-6 ore al giorno. Sono stato rilasciato il 10 gennaio 2024 da Durante la traversata di Kerem Shalom, mi hanno minacciato di non parlare con i media in modo che non mi arrestassero di nuovo. Durante l’aggressione, le forze di occupazione hanno preso di mira un gran numero di strutture mediche e umanitarie che forniscono servizi medici e riabilitativi alle persone con disabilità. Ha distrutto l’ospedale di riabilitazione e protesi Sheikh Hamad, l’ospedale di riabilitazione medica di Al-Wafa, il centro di assistenza medica per gli strumenti di assistenza, il quartier generale dell’Unione generale palestinese per le persone con disabilità nel Governatorato del Nord e la Città della speranza per lo sviluppo delle capacità. della Mezzaluna Rossa a Gaza. Sono state gravemente danneggiate anche numerose associazioni per la riabilitazione dei disabili e aree di sosta balneari adatte alle persone con disabilità. Il portavoce del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF), James Elder, ha rivelato che le gambe di più di mille bambini sono state amputate nella Striscia di Gaza, indicando che l’amputazione è stata fatta per una gamba o entrambe. Il dottor Nahed Abu Taima, direttore del Nasser Medical Complex di Khan Yunis, ha affermato che il significativo aumento delle lesioni da amputazione è dovuto all’uso da parte delle forze di occupazione di nuovi tipi di armi che portano a queste gravi lesioni. L’afflusso quotidiano di un gran numero di feriti negli ospedali ha aumentato la possibilità di invalidità permanenti per i feriti. Il ritardo nel trasporto di alcuni feriti agli ospedali ha inoltre peggiorato le loro condizioni di salute e ha reso difficile per le équipe mediche occuparsi di loro. Le persone con disabilità – indipendentemente dalla loro disabilità – motoria, uditiva, visiva, mentale – affrontano enormi difficoltà nei ripetuti spostamenti forzati. A causa della loro difficoltà a muoversi e del bisogno di aiutare gli altri, in un momento in cui ognuno cerca di sopravvivere da solo. La loro sofferenza è inoltre aggravata durante la fuga dai bombardamenti, a causa della massiccia distruzione delle strade e delle infrastrutt

Sorgente: Il numero di persone con disabilità sta aumentando rapidamente alla luce dell’aggressione israeliana, che aggrava la loro sofferenza e riduce le loro possibilità di sopravvivenza – Centro Palestinese per i Diritti Umani

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20