0 10 minuti 2 mesi

Nelle prime ore del 23 febbraio, le forze israeliane hanno bombardato un veicolo nel campo profughi di Jenin, uccidendo tre residenti palestinesi del campo. L’obiettivo dell’attacco dei droni era il 27enne Yasser Mustafa Hanoun, comandante sul campo della Brigata Jenin – apparentemente il braccio armato della Jihad islamica palestinese (PIJ), ma che negli ultimi anni ha operato come gruppo ombrello per una varietà di giovani palestinesi che vanno dal PIJ, a Hamas, a Fatah e persino al Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP), di sinistra e laico. Hanoun è stato ucciso sul colpo, in un attentato che ha ucciso anche il diciassettenne Saeed Jaradat e il ventenne Majdi Nabhan , ferendone altre 15.

Negli ultimi mesi, e in concomitanza con il continuo bombardamento israeliano della Striscia di Gaza, la Cisgiordania ha subito una forte intensificazione delle violente incursioni da parte delle forze israeliane. Sebbene il 2023 sia stato l’anno più mortale della Cisgiordania per circa due decenni con più di 500 vittime , almeno un quinto proveniva dalla sola Jenin.

Con una tendenza simile dal 7 ottobre, soldati e coloni israeliani hanno ucciso 410 palestinesi nel territorio, di cui 93 solo a Jenin. L’anno scorso, la città ha dovuto demolire un appezzamento di terreno appena fuori dal campo profughi per farne un nuovo cimitero, poiché il cimitero comune era diventato troppo pieno e troppo in fretta. 

Il campo profughi di Jenin funge da microcosmo degli attacchi israeliani ai palestinesi che osano resistere alle sue politiche di esproprio e sfollamento . Mentre l’esercito israeliano sta pianificando un’operazione di “controinsurrezione” a lungo termine a Gaza come fase successiva della sua guerra, Jenin offre una finestra su ciò che potrebbe esserci in serbo.

Il punto è il palestinese, non il palestinese che resiste

Le incursioni dell’esercito israeliano a Jenin e nel suo campo profughi sono state quasi ininterrotte dal 7 ottobre. L’invasione di gran lunga più grande si è verificata tra il 12 e il 15 dicembre, quando i soldati israeliani hanno assediato l’intero campo per 60 ore: il raid più lungo e violento. di questo genere da quando il campo fu quasi distrutto durante l’“ Operazione Scudo Difensivo ” nel 2002, nel mezzo della Seconda Intifada. 

Le forze israeliane operano all’interno della città occupata di Jenin, in Cisgiordania, il 14 dicembre 2023. (Nasser Ishtayeh/Flash90)

Le forze israeliane operano all’interno della città occupata di Jenin, in Cisgiordania, il 14 dicembre 2023. (Nasser Ishtayeh/Flash90)

Dopo aver portato a termine l’offensiva, il portavoce dell’esercito israeliano ha affermato di aver arrestato 14 persone ricercate e di “eliminato 10 terroristi” nel campo. Ma secondo testimoni oculari e residenti, almeno 12 palestinesi sono stati uccisi – 10 dei quali erano civili e non combattenti, compreso un bambino – mentre almeno altri 42 sono rimasti feriti da colpi di arma da fuoco, gas lacrimogeni e droni d’attacco israeliani . 

“Non esiste una cosa come ‘questo è un combattente e questo no’”, ha detto a +972 Sami, un uomo sulla trentina, che ha scelto di usare uno pseudonimo per paura di misure punitive da parte dell’esercito israeliano, durante l’invasione ha avuto luogo la sera del 13 dicembre.  “Siamo tutti un bersaglio”, ha aggiunto, mentre le jeep militari pattugliavano le strade appena fuori dal campo profughi.

Alcune ore dopo il ritiro dell’esercito, la mattina del 15 dicembre, Umm Imad Ghrayeb, 72 anni, ha camminato per le strade fangose ​​e rovinate del campo per la prima volta in tre giorni. Non sapeva da dove cominciare per spiegare le ore di orrore che aveva dovuto sopportare. 

“Eravamo solo noi anziani e mio marito non riusciva nemmeno ad alzarsi in piedi”, ha raccontato Ghrayeb a +972. “[L’esercito] ha sfondato le porte di casa nostra, anche se l’avevamo lasciata aperta per dimostrare che non abbiamo nulla da nascondere”. 

Come è successo a dozzine di altre famiglie, i soldati hanno chiuso Ghrayeb e suo marito in una stanza mentre l’esercito ha trasformato la casa in una base militare. Nel frattempo, intorno alle loro case continuavano spari e bombardamenti. “Tutto quello che potevamo sentire erano forti colpi, uno dopo l’altro”, ha ricordato Ghrayeb.

Un edificio viene visto in fiamme durante un raid delle forze israeliane nella città occupata di Jenin, in Cisgiordania, il 13 dicembre 2023. (Nasser Ishtayeh/Flash90)

Un edificio viene visto in fiamme durante un raid delle forze israeliane nella città occupata di Jenin, in Cisgiordania, il 13 dicembre 2023. (Nasser Ishtayeh/Flash90)

L’attacco di dicembre non è stata una semplice operazione di ricerca e arresto, e nemmeno un’operazione contro i combattenti della resistenza, come affermato dall’esercito israeliano. Secondo quanto riferito, almeno 1.000 palestinesi – tutti uomini e ragazzi, per lo più giovani, comprese persone con malattie croniche – sono stati detenuti nel corso delle 60 ore di invasione. La maggior parte è stata infine rilasciata, ma non prima di essere portata al campo militare di Salem a nord-ovest di Jenin o sottoposta a brutali interrogatori sul campo. 

Coloro che erano sottoposti a quest’ultima pratica venivano spesso bendati, spogliati e lasciati in faticose posizioni sedute, spesso all’aperto al freddo e alla pioggia. Alcuni detenuti hanno riferito che i soldati avevano attaccato loro la bandiera israeliana mentre erano in custodia; i video successivamente hanno confermato queste testimonianze.   

Da una casa del campo, i soldati hanno pubblicato video sui loro account TikTok e sui social media in cui si mostravano allegramente fumare il narghilè in un soggiorno mentre gli uomini palestinesi bendati erano costretti a sedersi sul pavimento.

Più che voler descrivere gli abusi subiti, gli abitanti del campo continuavano a porre la stessa domanda: “Perché?” Tenendo i palmi uniti e riuscendo comunque a mantenere un sorriso, Ghrayeb ha ricordato con voce tremante: “Tutto quello che abbiamo fatto è stato pregare: ‘Oh caro Dio, aiutaci.’ Cos’altro potremmo fare, caro?”

“Se ce ne andiamo, chi resta?”

Mentre i residenti del campo di Jenin stavano subendo una campagna terroristica, i combattenti della resistenza palestinese hanno affrontato i soldati israeliani dall’esterno del campo. Si radunarono anche giovani disarmati provenienti dalle zone vicine, alcuni lanciando pietre, altri facendo la guardia e alcuni imprecando ad alta voce contro i soldati.

Giovani palestinesi affrontano le forze israeliane durante l’incursione nel campo profughi di Jenin, 14 dicembre 2023. (Maen Hammad)

Giovani palestinesi affrontano le forze israeliane durante l’incursione nel campo profughi di Jenin, 14 dicembre 2023. (Maen Hammad)

Quando ho chiesto ad alcuni giovani palestinesi perché fossero in strada durante l’invasione, pur sapendo che non sarebbero stati in grado di entrare nel campo assediato, molti hanno risposto con un sentimento collettivo: “Almeno ci stiamo provando” e , “Forse potremmo attirare l’attenzione dei soldati su di noi, per contribuire ad alleviare la forza della violenza nel campo”.

Poiché i combattenti della resistenza armata non erano più all’interno del campo, la popolazione rifugiata è stata lasciata senza protezione e alla mercé dei soldati israeliani. L’esercito ha assediato la zona, bloccando la circolazione delle merci e tagliando la fornitura di elettricità e acqua. “Non è consentito l’ingresso di beni di prima necessità per un essere umano”, ha detto Eli, che ha scelto anche lui di usare uno pseudonimo, a +972 mentre osservava da lontano le jeep militari.

“Guarda il campo”, ha detto Sami mentre la sera del 13 dicembre diventava più fredda, con i militari che avanzavano più vicini a un gruppo di giovani riuniti vicino a una clinica adiacente al campo. “Nessuno può entrare. Nessuna ambulanza. Niente latte per i neonati. Nemmeno il pane”, ha detto.

Oltre a tutto ciò, i soldati israeliani, compresi i cecchini, hanno ostacolato l’ingresso dei giornalisti e delle ambulanze nel campo. Qualsiasi tentativo di avvicinarsi al campo è stato accolto con l’aggressione israeliana, incluso il lancio di proiettili veri direttamente contro il personale medico e i giornalisti.

All’interno del campo, nel frattempo, le forze israeliane hanno danneggiato gravemente numerosi edifici mentre imperversavano di strada in strada. Nash’at Samara, insieme alla moglie e ai figli, si trovava a casa di suo fratello fuori dal campo quando iniziò l’invasione; ha potuto rientrare nel suo quartiere solo dopo il ritiro dell’esercito. Non è tornato a una casa, ma alle rovine di una: era stata fatta saltare in aria, le piastrelle della sua cucina si erano staccate dai muri e gli averi della sua famiglia erano stati saccheggiati. 

Le conseguenze di un raid delle forze israeliane nella città occupata di Jenin, in Cisgiordania, il 26 novembre 2023. (Nasser Ishtayeh/Flash90)

Le conseguenze di un raid delle forze israeliane nella città occupata di Jenin, in Cisgiordania, il 26 novembre 2023. (Nasser Ishtayeh/Flash90)

“Perché hanno distrutto la nostra casa?” chiese al +972 mentre camminava tra i rottami della sua cucina. Guardando il cibo, ora sul pavimento, ha detto con voce dolorosa: “La resistenza si combatteva nelle strade, o fuori, non nelle case, e certamente non nel frigorifero”.

“Il punto era l’umiliazione”, ha detto Walid Abu el-Fahed, 45 anni, dell’invasione il giorno in cui le forze israeliane si ritirarono, mentre guidava attraverso la scia di distruzione che avevano lasciato nel campo. 

Sorgente: In Jenin, brazen Israeli raids fuel fiercer Palestinian resistance

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20