0 7 minuti 6 mesi

Nihal a-Najar

(24 dicembre 2023)

Nihal, una studentessa di pubbliche relazioni di 21 anni e residente nelle Torri Mukhabarat a Gaza City, ha descritto il bombardamento della casa di suo zio che ha ucciso le sue sorelle e la vita in un campo DIP:

Nihal a-Najar nella tenda della sua famiglia nel campo DIP di Khan Yunis.  Foto: Olfat al-Kurd, 24 dicembre 2023
NIHAL A-NAJAR NELLA TENDA DELLA SUA FAMIGLIA NEL CAMPO DIP DI KHAN YUNIS. FOTO: OLFAT AL-KURD, 24 DICEMBRE 2023

Subito dopo l’inizio della guerra, ci furono pesanti bombardamenti su tutta Gaza City. Il 12 ottobre 2023 abbiamo ricevuto telefonate e messaggi dall’esercito israeliano che ci dicevano di lasciare il nostro edificio, la Torre 3 delle Torri Mukhabarat, perché lo avrebbero bombardato. La torre aveva 11 piani e io vivevo in uno dei quattro appartamenti al terzo piano con i miei genitori, due delle mie sorelle e i miei fratelli. Un’altra sorella era sposata e non viveva con noi. Sono fidanzato e avrei dovuto sposarmi a novembre.

Alcune persone abbandonarono l’edificio non appena iniziò la guerra, a causa dei bombardamenti. Sono partita con mia madre e le mie sorelle il 12 ottobre. Siamo andati a stare da mia zia, Samira a-Najar, 55 anni, nel campo profughi di Jabalya. Mio padre e i miei fratelli rimasero a casa. Ma quel giorno la Torre 1 fu bombardata e loro si trasferirono al Mashtal Hotel a nord-ovest di Gaza City. Poi ci sono stati dei bombardamenti anche vicino all’hotel, così ci hanno detto che si stavano trasferendo nel campo profughi improvvisato presso il complesso di addestramento dell’UNRWA a Khan Yunis.

Restammo a casa di mia zia per circa due settimane. Intorno a noi c’erano continuamente bombardamenti e pezzi di vetro continuavano a volare verso di noi. Il 24 ottobre mia zia ha ricevuto un messaggio dall’esercito israeliano che diceva che dovevamo lasciare la casa perché l’avrebbero bombardata. Siamo andati a stare da mio zio Muhammad, 40 anni, anche lui viveva nel campo in un appartamento al piano terra.

Il giorno successivo, 25 ottobre, intorno alle 19:00, ero seduto in soggiorno con mia madre, mia sorella Mays, la moglie di mio zio Khulud, il loro bambino di due mesi Mahmoud e tre delle loro figlie, Shahd , 15, Wa’d, 13, e Jana, 10. Le mie sorelle Muna e Nur erano in un’altra stanza. Mio zio Muhammad era fuori e la loro figlia Ghazal, 11 anni, era a casa dei vicini per caricare il telefono. All’improvviso ci siamo ritrovati sotto le macerie.

Eravamo in dieci e non sapevamo chi era vivo e chi era morto. Non abbiamo sentito il bombardamento in sé, solo che all’improvviso ci siamo ritrovati sotto un mucchio di macerie. La gente è venuta ad aiutarci. Non so esattamente cosa sia successo dopo. C’era così tanto fumo e detriti che non riuscivo a vedere nessuno.

Ho perso i sensi e mi sono svegliato nell’ospedale indonesiano a nord di Gaza City. C’era anche mia madre, con ustioni di terzo grado sul viso, sul braccio, sulla schiena e sulle gambe. Mi sono ferito a entrambe le mani e mi hanno messo impianti di platino nelle dita e nella gamba sinistra. Anche Mays aveva ustioni e ferite suturate.

Mi è stato detto che le mie due sorelle Muna e Nur sono state uccise, e che anche Khulud, il suo bambino e le sue figlie che erano con noi sono stati uccisi. Quando l’ho scoperto, ho pianto e urlato. Non potevo calmarmi. Non riesco ancora a smettere di piangere per loro. La mattina successiva furono sepolti nel cimitero di Beit Lahiya a nord di Gaza City. Rimasi in ospedale con mia madre e Mays e non potemmo partecipare al funerale.

Il mio fidanzato, Yaser Mhanna, 30 anni, mi ha portato dall’ospedale indonesiano all’ospedale a-Shifaa di Gaza City, e mia madre e Mays sono rimaste all’ospedale indonesiano. Ma poi i bombardamenti intorno ad a-Shifaa sono diventati più pesanti, e abbiamo deciso di partire e andare a sud, a Khan Yunis. Siamo arrivati ​​al Checkpoint di Netzarim a piedi, con me su una sedia a rotelle. Dopo il posto di blocco abbiamo preso un carretto trainato da asini e poi un camion. Verso le 17:00 arrivammo a Khan Yunis. Il giorno dopo arrivarono anche mia madre e Mays. Anche loro sono dovuti scappare perché c’erano pesanti bombardamenti anche intorno all’ospedale indonesiano.

Siamo presenti nel campo profughi di Khan Yunis da circa un mese. Abbiamo incontrato mio padre e i miei fratelli qui. Le condizioni sono pessime. Viviamo in una tenda di nylon e tessuto rigido. Siamo arrivati ​​solo con i vestiti addosso, feriti. Ogni giorno andiamo all’ospedale giapponese vicino al campo per cambiare le bende. La gente ci ha dato coperte e vestiti.

Non ci sono servizi igienici nelle vicinanze e dobbiamo camminare per circa 100 metri per raggiungerne uno. Ogni volta che abbiamo bisogno del bagno, i nostri fratelli ci portano perché facciamo fatica a camminare.

Tutti i miei sogni sono andati. Le mie sorelle sono state uccise, la mia casa è stata bombardata. Gli abiti da sposa e i miei gioielli d’oro sono sotto le macerie. L’esercito israeliano non mi ha lasciato niente. Nessuna speranza per la felicità. Mi ha portato via ogni cosa dolce della mia vita. Le nostre vite sono terribili adesso. Piango continuamente per le mie sorelle, per la situazione, per la disperazione di tutto ciò.

Le persone uccise nel bombardamento della casa di Muhammad a-Najar:

Muna Nidal Hussein a-Najar, 20 anni

Nur Nidal Hussein a-Najar, 18 anni

Khulud Mas’ud, 30 anni, e i suoi figli:

Shahd Muhammad Hussein a-Najar, 15 anni

Wa’d Muhammad Hussein a-Najar, 13 anni

Jana Muhammad Hussein a-Najar, 10 anni

Mahmoud Muhammad Hussein a-Najar, 2 mesi

*Testimonianza resa al ricercatore sul campo di B’Tselem Olfat al-Kurd il 24 dicembre 2023.

Sorgente: Voci da Gaza | B’Tselem


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.