0 8 minuti 5 mesi

 

I timori di una guerra più ampia hanno colpito nuovamente il Libano mentre si prevede che Hezbollah reagirà al bombardamento mortale di Beirut da parte di Israele.
Foto:
Le persone si radunano vicino al luogo dell’esplosione che ha ucciso Saleh al-Arouri a Dahieh, sobborgo meridionale di Beirut, il 2 gennaio 2024 (Reuters/Mohamed Azakir).

L’assassinio dell’alto funzionario di Hamas Saleh al-Arouri nel sobborgo di Dahieh a Beirut ha provocato un’onda d’urto in tutto il Libano , dove il conflitto con Israele è stato finora in gran parte contenuto nelle aree di confine.

Arouri era il vicepresidente dell’ufficio politico di Hamas e uno dei fondatori della sua ala militante, le Brigate al-Qassam. Il suo assassinio a Dahieh, un denso quartiere residenziale che funge anche da roccaforte per il gruppo libanese Hezbollah, segna una significativa escalation nel teatro libanese dell’attuale guerra israeliana a Gaza.

L’attacco ha ucciso  quattro palestinesi , tra cui Arouri, e tre libanesi. Due dei palestinesi uccisi erano ufficiali della Brigata Qassam, mentre due libanesi appartenevano al gruppo Jamaa al-Islamiya.

Con Hezbollah che promette “risposta e punizione” per l’attacco, molti temono che il Libano sarà trascinato in una guerra in piena regola.

Israele, pur non rivendicando la responsabilità dell’attacco, si sta preparando ad una ritorsione da parte di Hezbollah, che secondo gli esperti sarà significativa.

“Deve essere un’escalation”, ha detto Amal Saad, esperta di Hezbollah e docente di politica all’Università di Cardiff.

“Deve andare ben oltre i tipi di attacchi e tattiche utilizzati finora. Ovviamente deve essere qualitativamente diverso.

Il leader di Hamas Saleh al-Arouri assassinato da Israele in Libano

Per saperne di più “

Mercoledì è previsto un discorso del segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, per commemorare l’assassinio del generale iraniano Qassem Soleimani da parte degli Stati Uniti. Molti ora aspettano con ansia di sentirlo parlare dell’assassinio di Arouri.

Gli esperti si aspettano ancora che la ritorsione del gruppo non sia all’altezza di una guerra totale, poiché rimane irremovibile nell’evitare questo risultato.

Mohanad Hage Ali, membro senior del Carnegie Middle East Center, ritiene che “Hezbollah non abbia alcun interesse a cambiare il corso degli eventi mentre si svolgono a Gaza”.

Hage Ali ha aggiunto che il gruppo vede ancora principalmente questa come una guerra in corso a Gaza, nella quale Hezbollah agisce come supporto secondario.

“La traiettoria è che Israele perderà questa guerra”, ha aggiunto, “Loro [gli israeliani] non riescono a raggiungere i loro obiettivi, Hamas è ancora attivo nel nord di Gaza, sta ancora colpendo le forze israeliane, aumentando il costo dell’occupazione israeliana di Gaza. .”

La diminuzione del sostegno internazionale a Israele significa anche che Hezbollah potrebbe non vedere il motivo di aprire completamente il suo fronte per includere tutto il Libano.

Cercherà, tuttavia, di garantire che Israele non ripeta l’attacco di Dahieh.

“Bisogna dissuadere Israele dal continuare questa campagna perché Israele ha minacciato di continuare per anni”, ha detto Saad.

L’assassinio di Arouri è stato seguito mercoledì da un doppio attentato dinamitardo durante un evento commemorativo per Soleimani a Kerman, in Iran, che ha causato la morte di oltre 100 persone. Non sono ancora note le responsabilità dell’esplosione.

“Non aggiungerà fuoco al fuoco”

Poche settimane prima dell’attacco di Beirut, funzionari israeliani, compreso il primo ministro Benjamin Netanyahu,  avevano annunciato l’intenzione di prendere di mira i funzionari di Hamas in qualsiasi parte del mondo.

Il capo dell’agenzia di sicurezza interna israeliana, lo Shin Bet, ha addirittura affermato in una registrazione trapelata che le loro operazioni potrebbero richiedere anni e si svolgeranno “in Libano, in Turchia , in Qatar , ovunque…”

Inoltre, poiché sono emersi rapporti che rivelano le preoccupazioni americane sulle azioni di Israele che potrebbero scatenare una guerra più ampia in Libano, gli esperti ritengono che Hezbollah stia cercando di evitare di dare al suo nemico ciò che vuole.

“È nelle mani di Israele lanciare o iniziare una guerra, altrimenti Hezbollah non inizierà”

– Mohanad Hage Ali, Carnegie Middle East Center, Libano

“Non andrà ad aggiungersi al fuoco acceso dagli israeliani”, ha detto Hage Ali.

Funzionari israeliani hanno ripetutamente minacciato Hezbollah e il Libano sin da quando sono iniziati gli scontri al confine l’8 ottobre, il giorno dopo l’attacco a sorpresa di Hamas alle città meridionali israeliane. Netanyahu ha anche detto che “trasformeranno Beirut e il sud del Libano” in “Gaza e Khan Younis” nel caso scoppiasse una guerra.

Israele ha anche chiesto che le forze d’élite Radwan di Hezbollah si ritirassero a nord del fiume Litani in Libano, dandogli una zona cuscinetto in qualche modo sicura, sostenendo che lo farà con la forza se necessario.

Anche se una guerra oggi potrebbe essere dannosa per il Libano colpito dalla crisi, potrebbe non necessariamente portare alla desiderata sconfitta di Hezbollah da parte di Israele.

Il gruppo aveva già combattuto una guerra contro Israele nel 2006, finendo con il fallimento di Israele nel raggiungere gli obiettivi prefissati. Da allora, ha notevolmente aumentato il proprio arsenale e acquisito anni di esperienza di combattimento nella guerra civile siriana, combattendo a fianco del governo siriano.

Libano: al Sud il Natale arriva all’ombra della guerra

Per saperne di più “

Gli attuali scontri con Israele hanno ucciso almeno 140 combattenti Hezbollah, un numero non chiaro di soldati israeliani e dozzine di civili sul versante libanese. Le aree settentrionali di Israele sono state evacuate e decine di migliaia di libanesi residenti nelle città meridionali sono stati sfollati interni.

Alcuni esperti ritengono che la ritorsione di Hezbollah potrebbe essere in linea con ciò che il gruppo e i suoi alleati hanno fatto in seguito all’assassinio di personaggi come l’iraniano Soleimani, quando l’Iran ha lanciato diversi missili balistici su una base aerea americana in Iraq.

Saad ritiene che l’assassinio di Arouri sia più legato al fatto che Israele ha dato “la parvenza di una vittoria simbolica al suo pubblico” nonostante la mancanza di risultati militari a Gaza.

“Se avesse voluto provocare una guerra totale come risposta da parte di Hezbollah, non credo che avrebbe preso di mira solo un funzionario di Hamas”, ha detto.

Per quanto riguarda Hezbollah, Hage Ali sostiene che “niente” potrebbe spingerli a iniziare una guerra a meno che Israele non lanci un’invasione completa del Libano meridionale o bombardi pesantemente Dahieh.

“È nelle mani di Israele lanciare o iniziare una guerra, altrimenti Hezbollah non inizierà”, ha detto.

Sorgente: Guerra a Gaza: come risponderà Hezbollah all’assassinio del leader di Hamas Arouri? | Occhio del Medio Oriente