Seguiteci su Telegram https://t.me/Nuovaresistenza on Telegram
18 April 2024
0 8 minuti 3 mesi

Crisi di Gaza: circa 20.000 bambini sono nati “all’inferno” in una grave carenza di aiuti

(Dall'archivio) I bambini vengono nutriti all'ospedale Al-Shifa, nel nord di Gaza.
©UNICEF/Eyad El Baba
(Dall’archivio) I bambini vengono nutriti all’ospedale Al-Shifa, nel nord di Gaza.

Pace e sicurezza

Gli operatori umanitari delle Nazioni Unite hanno avvertito venerdì che i bambini “nascono all’inferno” a Gaza e che molti altri bambini probabilmente moriranno a causa delle condizioni sempre più dure nella Striscia.

URL del tweet

Il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) ha riferito che ci sono state quasi 20.000 nascite dall’inizio dei diffusi bombardamenti israeliani nella Striscia di Gaza. Ha sottolineato che i problemi cronici nell’accesso agli aiuti hanno portato a tagli cesarei senza anestesia, mentre altre donne non sono riuscite a dare alla luce i loro bambini che sono morti nel grembo materno a causa dell’eccessiva pressione sul personale medico.

“Le madri affrontano sfide inimmaginabili nell’accesso a cure mediche adeguate, nutrizione e protezione prima, durante e dopo la nascita”, ha affermato Tess Ingram, specialista in comunicazione dell’UNICEF, alla conferenza stampa quindicinale delle agenzie delle Nazioni Unite a Ginevra, in video da Tess Ingram, specialista in comunicazione dell’UNICEF. Amman . E ha aggiunto : “Diventare madre dovrebbe essere un momento per festeggiare. A Gaza è un altro bambino che nasce all’inferno ” .

Una situazione incredibile

Per aiutare le donne e i bambini più vulnerabili a Gaza, l’UNICEF ha consegnato latte artificiale e integratori alimentari alle madri che non possono allattare, insieme a forniture mediche per le équipe mediche sopraffatte, ma serve molto di più.

Tess Ingram, appena tornata dal sud di Gaza, ha spiegato che gli operatori del sovraffollato ospedale emiratino di Rafah hanno dovuto rimuovere le madri dall’ospedale “entro tre ore dall’esecuzione del taglio cesareo ”, una situazione che “è incredibile e richiede un’azione immediata”.  .

Ha aggiunto che i bombardamenti e gli sfollamenti in corso “colpiscono direttamente i neonati, portando ad alti tassi di malnutrizione, problemi di crescita e altre complicazioni sanitarie ” . Il funzionario delle Nazioni Unite ha affermato che si ritiene che circa 135.000 bambini sotto i due anni siano attualmente a rischio di malnutrizione acuta, a causa di condizioni “disumane” in rifugi temporanei, malnutrizione e acqua non sicura.

“Vedere i neonati soffrire, mentre alcune madri muoiono dissanguate, dovrebbe tenerci tutti svegli la notte”, ha aggiunto . Ha anche detto: “Anche sapere che due giovani bambini israeliani rapiti il ​​7 ottobre non sono stati ancora rilasciati dovrebbe tenerci svegli ” .

Registrazione dei casi di epatite C

A sua volta, il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha espresso preoccupazione per la conferma di casi di epatite A a Gaza. “Condizioni di vita disumane, dove c’è a malapena acqua pulita, servizi igienici puliti e (è impossibile) mantenere pulito l’ambiente circostante, consentiranno all’epatite A di diffondersi ulteriormente, evidenziando quanto sia pericoloso l’ambiente”, ha affermato il dottor Tedros in un post sul sito web di X. ) per diffondere enormemente le malattie .

Gli ultimi dati dell’OMS indicano che in media 500 persone condividono un bagno e più di 2.000 persone sono costrette a utilizzare lo stesso bagno, aumentando il rischio di diffusione della malattia. L’organizzazione ha riferito che oltre al forte aumento delle infezioni delle vie respiratorie superiori, i casi di diarrea tra i bambini sotto i cinque anni registrati negli ultimi tre mesi del 2023 sono stati 26 volte superiori a quelli registrati nello stesso periodo nel 2022.

Nella conferenza stampa tenutasi oggi, venerdì, presso l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra, il portavoce dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tarik Jasarevic, ha affermato che le persone vengono spinte in spazi più piccoli che mai, dove vivono in rifugi sovraffollati senza accesso a servizi igienici puliti. acqua, o ai… gabinetti.

Il funzionario delle Nazioni Unite ha aggiunto che un ampio segmento della popolazione di Gaza, comprese le persone ferite ed esposte ai bombardamenti, “ha bisogno di assistenza medica immediata ” . Ha sottolineato che nel complesso medico Nasser di Khan Yunis sono rimasti solo due medici al pronto soccorso, rispetto ai 24 medici prima della guerra, con solo 14 letti di terapia intensiva oggi, rispetto a 45 letti, e solo quattro infermieri su 20 prima. l’escalation.

(Dall'archivio) Membri delle Forze di Protezione Civile a Gaza, mentre cercano di salvare le persone sotto le macerie di un edificio demolito a causa di un attacco aereo.
CHI
(Dall’archivio) Membri delle Forze di Protezione Civile a Gaza, mentre cercano di salvare le persone sotto le macerie di un edificio demolito a causa di un attacco aereo.

Il bilancio delle vittime si avvicina alle 25.000

A sua volta, l’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani ha espresso profonda preoccupazione per le notizie secondo cui, secondo il Ministero della Sanità di Gaza, sono state uccise quasi 25.000 persone, il 70% delle quali si ritiene fossero donne e bambini, e almeno altre 61.500 sono rimaste ferite, mentre “Altre migliaia sono sotto le macerie, molti di loro si presume siano morti . “

Ajith Songai, direttore dell’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani nei territori palestinesi occupati, ha dichiarato alla conferenza stampa di Ginevra tramite video da Rafah a Gaza, che gli sfollati continuano ad arrivare a Rafah a migliaia.

“Ho visto uomini e bambini scavare alla ricerca di mattoni per poter installare tende fatte di sacchetti di plastica”, ha aggiunto Songai . “Si tratta di un’enorme crisi dei diritti umani. Un grave disastro umanitario causato dall’uomo. Gaza ha bisogno di un urgente aumento degli aiuti umanitari, compresi la risposta di protezione . ”

Songai ha osservato che le interruzioni delle comunicazioni sono continuate per giorni, aggiungendo che questo “ha aumentato la confusione e la paura” perché ha impedito agli abitanti di Gaza di accedere ai servizi e alle informazioni su dove dovevano evacuare. Il funzionario delle Nazioni Unite ha continuato dicendo: “L’ambiente qui è come una pentola a pressione, nel caos più completo, data la terribile situazione umanitaria, le carenze e la diffusione di paura e rabbia ” . 

Songai ha descritto come il pesante bombardamento del centro di Gaza e di Khan Yunis fosse “chiaramente visibile e udibile da Rafah, soprattutto di notte ” . Ha detto che dopo essere arrivato a Gaza lunedì scorso, poteva “sentire i bombardamenti a volte più volte in un’ora ” . Ha detto che la notte è stato il “momento più terrificante” durante le incursioni per gli abitanti di Gaza.

Ha sottolineato che nella Striscia sono ancora tenuti in ostaggio più di 100 civili, che “non possono essere visti e certamente sentono le stesse voci e provano la stessa paura ” .

Restrizioni e divieti

Nel suo ultimo aggiornamento sulla crisi, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari ha ribadito la profonda preoccupazione che le missioni di soccorso sicure ed efficaci ovunque a Gaza rimangano gravemente compromesse dalle restrizioni israeliane sull’ingresso di attrezzature vitali, comprese le apparecchiature di comunicazione adeguate.

L’ufficio ha sottolineato che il rifiuto da parte dell’esercito israeliano di accedere alle aree a nord della valle di Gaza “ha anche ostacolato gli sforzi per aumentare la fornitura di assistenza salvavita lì, e ha aggiunto un costo significativo alla risposta complessiva ” .

Sorgente: Crisi di Gaza: circa 20.000 bambini sono nati “all’inferno” in una grave carenza di aiuti | Notizie delle Nazioni Unite

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20

Enjoy this blog? Please spread the word :)

RSS
Follow by Email
Facebook0
YouTube20
YouTube
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot