0 3 minuti 6 mesi

Il bilancio delle vittime degli attacchi israeliani sulla Striscia di Gaza dal 7 ottobre è salito a oltre 18.400 e il numero dei feriti a oltre 50.000.

Il portavoce del Ministero della Sanità di Gaza, Ashraf al-Qudra, ha riferito martedì in una conferenza stampa che, dall’inizio della guerra fino ad oggi, 18.412 palestinesi sono stati uccisi e 50.100 feriti negli attacchi israeliani. Si teme che la cifra sia molto più alta perché sono migliaia le persone disperse tra le macerie degli edifici bombardati dal regime israeliano.

Ha inoltre affermato che nelle ultime 24 ore più di 200 palestinesi hanno perso la vita e altri 450 sono rimasti feriti, sottolineando che “un gran numero di vittime sono ancora sotto le macerie e giacciono nelle strade”.

“L’occupazione (Israele) continua a impedire l’arrivo delle ambulanze per evacuare i feriti, che muoiono dissanguati”, denuncia un comunicato pubblicato dal ministero sul suo account Telegram.
In un’altra parte delle sue dichiarazioni, Al-Qudra ha avvertito che “la situazione sanitaria negli ospedali nel sud di Gaza è più che catastrofica, poiché mancano il livello minimo di servizi per curare i feriti”, sottolineando che “le squadre “Medici non possono prendersi cura del gran numero di feriti che arrivano negli ospedali del sud.”

Onu: Ospedali di Gaza paralizzati dai bombardamenti israeliani
“Chiediamo alle istituzioni internazionali di aiutarci con medicinali, beni, carburante e attrezzature specializzate”, ha indicato.

Allo stesso modo, ha descritto la situazione sanitaria e umanitaria nei rifugi e nei centri di accoglienza come “fatale” a causa “della diffusione di epidemie, malattie infettive, malnutrizione e mancanza di acqua potabile e di igiene”.

Striscia di Gaza: “Israele” distrugge scuole e ospedali. (Video) “Le punizioni collettive dovrebbero finire”, chiede Medici Senza Frontiere
Scuole e ospedali sono specificamente presi di mira dalle forze di occupazione israeliane, hanno riferito nei giorni scorsi i media palestinesi e arabi.

Questo martedì, durante un’incursione nelle regioni confinanti con il campo di Jabalia nel nord della Striscia di Gaza, in particolare a Fallujah, Hamdane e al-Maqbara, hanno seminato intenzionalmente morte e distruzione nel quartiere delle sue scuole, Madares al-Fawqa.

Secondo testimoni sul posto, una trentina di veicoli israeliani sono stati coinvolti in questo assalto durante il quale le forze di occupazione hanno assediato tutte le scuole.

I soldati hanno radunato le persone in queste scuole, poi hanno rilasciato le donne, quindi hanno giustiziato sommariamente alcuni uomini prima di ritirarsi. Hanno lasciato dietro di sé uno spettacolo lugubre di persone che andavano in tutte le direzioni, presumibilmente per lasciare questa regione e dirigersi a sud.

Fonti: Hispan TvAl Manar

Traduzione: Fadi Haddad

Sorgente: Il bilancio delle vittime sale a oltre 18.400 negli attacchi israeliani a Gaza – controinformazione.info