0 3 minuti 6 mesi

Negli ultimi due mesi e mezzo, dall’inizio della guerra a Gaza, il governo israeliano ha portato avanti piani di costruzione senza precedenti a Gerusalemme Est. Come ricordato, pochi giorni dopo l’inizio della guerra, il comitato di pianificazione approvò la creazione dell’insediamento di Kidmat Zion nel cuore della popolazione palestinese in Gerusalemme Est. Questo martedì, 19 dicembre 2023, i comitati di pianificazione discuteranno le obiezioni all’accordo di Givat Hashaked. Questo insediamento confina con i quartieri palestinesi di Beit Safafa e Shorafat, situati nelle immediate vicinanze. Tra queste decisioni, sono stati approvati tre nuovi insediamenti a Gerusalemme Est e sono stati avanzati piani di costruzione nel bacino della Città Vecchia. Tutto ciò avviene in concomitanza con un aumento del ritmo delle demolizioni delle case palestinesi nella parte orientale della città rispetto ai mesi precedenti la guerra.

Peace Now: Il recente aumento dello sviluppo a Gerusalemme Est negli ultimi due mesi non ha eguali. Sembra che il governo stia lavorando frettolosamente per ostacolare qualsiasi potenziale soluzione politica che coinvolga Gerusalemme Est. La costruzione nel bacino della Città Vecchia e nei nuovi insediamenti mira a complicare la prospettiva di una soluzione politica con i palestinesi. È interessante notare che queste azioni si stanno svolgendo deliberatamente in un momento in cui l’attenzione globale è focalizzata principalmente sulla guerra a Gaza.

Kidmat Sion

Il 9 ottobre 2023, il Comitato di pianificazione distrettuale di Gerusalemme ha esaminato gli emendamenti al piano preliminare di Gerusalemme est per il nuovo insediamento di Kidmat Zion e ne ha approvato il deposito (con condizioni). Questa discussione è avvenuta a seguito di una precedente riunione dell’11 settembre 2023, in cuiil piano è stato approvato con riserve, inclusa la necessità di un esame da parte di un rappresentante del Ministero dei Trasporti e nulla osta del Ministero della Difesa. Il nuovo insediamento dovrebbe essere costruito nel cuore del quartiere palestinese di Ras al-Amud, adiacente al quartiere di Abu Dis, e comprenderà 384 unità abitative. Nonostante le richieste dei membri del comitato di pianificazione distrettuale di rinviare la discussione e l’assenza di un rappresentante del Ministero della Difesa a causa del conflitto in corso, si è deciso di procedere con la riunione che ha approvato il piano. Per ulteriori informazioni, leggi qui.

Sorgente: Unprecedented Advancement of Settlements in East Jerusalem Amidst the War in Gaza – Peace Now


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Rispondi