0 5 minuti 8 mesi

Mercoledì la Camera si dirige verso un voto di resa dei conti sull’opportunità di punire la deputata democratica Rashida Tlaib del Michigan – l’unica palestinese americana al Congresso – per la sua retorica sulla guerra di Israele a Gaza .

Martedì è stata avanzata una votazione sulla censura di Tlaib, una punizione un gradino sotto l’espulsione dalla Camera, in una votazione procedurale. Il rappresentante repubblicano Rich McCormick della Georgia ha proposto la risoluzione di censura in risposta a quella che chiama la promozione della retorica antisemita da parte di Tlaib.

“È un peccato che i miei colleghi siano più concentrati nel mettermi a tacere che nel salvare vite umane, dato che il bilancio delle vittime a Gaza supera le 10.000”, ha detto Tlaib in una nota. “Molti di loro mi hanno dimostrato che per loro la vita dei palestinesi semplicemente non ha importanza, ma continuo a non controllare la loro retorica o le loro azioni”.

La spinta alla censura pone le basi per un drammatico voto alla Camera nel mezzo delle tensioni politiche sul continuo e mortale bombardamento di Gaza da parte di Israele. Mentre la maggioranza di entrambi i partiti si è storicamente schierata fermamente dalla parte di Israele, dallo scoppio della guerra sono emerse divisioni nel Partito Democratico.

Alcuni a sinistra hanno criticato la posizione del presidente Joe Biden e lo hanno esortato a porre condizioni al sostegno degli Stati Uniti a Israele mentre la loro aggressiva campagna militare fa aumentare di giorno in giorno il bilancio delle vittime palestinesi.

Anche se il voto contro Tlaib si svolgerà in un contesto straordinario, la spinta a censurarla fa parte di un modello crescente alla Camera.

La censura è stata a lungo vista come una punizione di ultima istanza, da attivare solo per gli illeciti più gravi. Ma le risoluzioni di censura stanno rapidamente diventando una routine in Aula, spesso gestite in modi sorprendentemente partigiani. Anche se la censura in sé non ha alcun effetto pratico, lascia una nota storica che segna la carriera di un deputato.

Anche una seconda risoluzione della deputata Marjorie Taylor Greene, R-Ga., per censurare Tlaib era stata programmata per un voto procedurale martedì sera tardi. Entrambe le risoluzioni di censura sono “privilegiate”, ovvero uno strumento procedurale che i legislatori possono utilizzare per aggirare la leadership e le commissioni e forzare i voti alla Camera.

Tlaib, che è una delle due donne musulmane presenti alla Camera, è stata a lungo bersaglio di attacchi repubblicani per le sue opinioni critiche nei confronti del governo israeliano e del modo in cui tratta i palestinesi nella regione.

Queste critiche hanno raggiunto nuove vette dopo l’ attacco del 7 ottobre da parte di Hamas . Tlaib, che ha famiglia in Cisgiordania, è stata oggetto di pesanti critiche per non aver condannato immediatamente Hamas dopo l’attacco.

Poco dopo, Greene, il membro di estrema destra della Georgia, ha presentato una risoluzione che accusa Tlaib di “attività antisemita” dopo aver espresso preoccupazione per il ruolo continuato dell’America nella fornitura di armi a Israele mentre è impegnato in un’attività militare che ha ucciso oltre 10.300 persone, tra cui oltre 4000 bambini. Greene è stato in passato accusato di fare commenti antisemiti e islamofobici. 

Greene ha anche accusato falsamente Tlaib di “guidare un’insurrezione” nel complesso del Campidoglio quando ha partecipato a una manifestazione pro-Gaza organizzata da gruppi di difesa ebraica il mese scorso.

La Camera ha votato contro l’avanzamento di quella risoluzione di censura iniziale la scorsa settimana, con 23 repubblicani che si sono uniti a tutti i democratici nel votare il provvedimento. L’ampio sostegno bipartisan è arrivato dopo che entrambi i partiti hanno espresso preoccupazione per la violazione dei diritti del Primo Emendamento di Tlaib.

Sorgente: US House advances effort to censure Tlaib over Gaza stance


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.