0 4 minuti 5 mesi

08 novembre 2023 | Movimento di Solidarietà Internazionale | Tulkarem

Di Diana Khwaelid

L’occupazione israeliana non commette crimini solo a Gaza, ma continua a commetterli anche in Cisgiordania.

Una rapida operazione militare è stata effettuata dalle forze speciali israeliane in pieno giorno, mentre pianificavano un’imboscata per tre giovani del campo profughi di Tulkarem, vicino al quartiere orientale – la rotonda del mattatoio nella città di Tulkarem.

Lunedì sera (6 ottobre), intorno alle 16:38, le forze speciali israeliane hanno assassinato 3 giovani palestinesi all’interno della loro auto nel quartiere orientale della città di Tulkarem. Un altro palestinese è stato ucciso più tardi, portando il numero dei palestinesi che si trovavano nella zona a 4.
Sono stati sparati almeno 70-80 proiettili veri.


Le forze speciali israeliane hanno aperto il fuoco a bruciapelo sui tre giovani e hanno continuato a sparare sui cadaveri anche dopo che i tre palestinesi erano stati uccisi. Sono stati colpiti anche altri 5 civili palestinesi che si trovavano nella zona, compreso un ragazzo di 14 anni, le cui ferite sono state descritte come gravi.

 

Le forze di occupazione israeliane non erano soddisfatte di questo brutale assassinio e martedì notte (7 novembre) alle 03:00 del mattino le forze di occupazione hanno invaso e preso d’assalto il campo profughi di Tulkarem, con la presenza di enormi veicoli militari, tra cui un cingolato di tipo D9, per demolire e sabotare le strade principali del campo, soprattutto nel quartiere di Balawneh.


Durante una notte difficile, all’ombra della tensione e della paura, le forze di occupazione hanno vandalizzato le infrastrutture del campo, le strade principali e le strade che conducono al campo, e hanno preso di mira anche il trasformatore di corrente e la rete elettrica. Le forze di occupazione israeliane e i loro veicoli militari hanno bombardato due case palestinesi, la prima appartenente alla famiglia Al-Banna, e l’altra appartenente al martire Azzedine Awad, uno dei giovani assassinati all’interno dalle IOF (Forze di occupazione israeliane). il giorno prima.

Due negozi appartenenti ai familiari del martire Azzedine Awad sono stati distrutti e sua madre è stata colpita da un proiettile israeliano al viso, sebbene la sua ferita sia stata descritta come superficiale.

Centinaia di palestinesi nel campo di Tulkarem e in città hanno pianto i quattro martiri nella loro ultima dimora: Jihad Shehada, 24 anni; Ezzedine Awad, 27 anni; Mo’min Belaoui, 20 anni; Qasem Rogby, 20 anni.

I loro genitori, amici e residenti del campo hanno rivolto loro un’ultima occhiata di addio e hanno cantato parole di rabbia e unità nazionale mentre trasportavano i cadaveri dei martiri alla moschea Al-Salam nel campo per pregare per loro, e più tardi alla moschea di Al-Salam nel campo. il cimitero Nabi, dall’altra parte del campo di Tulkarem. Uno stato di tristezza regna nel campo profughi di Tulkarem dopo l’uccisione di 4 dei suoi giovani.

Le forze di occupazione continuano a uccidere brutalmente i giovani palestinesi, in Cisgiordania e a Gaza.

Secondo il Ministero della Sanità palestinese, dal 7 ottobre nella città di Tulkarem sono stati uccisi 29 palestinesi, mentre in tutta la Cisgiordania si sono contati più di 160 martiri nello stesso periodo.

Sorgente: Due attacchi in meno di 24 ore nel campo di Tulakrm – Movimento di solidarietà internazionale

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20