0 8 minuti 4 mesi

Nonostante le affermazioni di promuovere “pause umanitarie”, gli Stati Uniti hanno fornito a Israele bombe a guida di precisione per un valore di 320 milioni di dollari. La posizione cinica percepita dall’Occidente è vista come favorevole a Israele, consentendo un genocidio contro i palestinesi.

 

 

Di Finian Cunningham

Nei media occidentali, ci viene detto che il regime israeliano sta prestando scarsa attenzione alle richieste dell’amministrazione Biden di “pause umanitarie” nella sua “guerra a Hamas” – che in realtà non è una guerra ma un massacro di massa di palestinesi.

I media statunitensi e occidentali riferiscono che il presidente americano Joe Biden è “preoccupato” per il crescente numero di vittime civili dopo più di quattro settimane di assedio israeliano e bombardamento aereo senza sosta della Striscia di Gaza, un’enclave costiera equivalente all’area di Detroit.

 

 

Biden ha inviato il suo principale diplomatico Antony Blinken in un tour del Medio Oriente, apparentemente nel tentativo di persuadere Israele a consentire “pause umanitarie” nella sua offensiva contro una popolazione in gran parte civile. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu non ne vuole sapere, mentre le sue forze militari procedono con un’invasione di terra.

La farsa presentata qui dai media occidentali è che Washington agisce in qualche modo come un’influenza restrittiva. E non di grande successo. Una sorta di sfortunata potenza straniera ben intenzionata che cerca di aiutare un alleato ma è anche preoccupata per la sofferenza umanitaria.

Potere Navale USA in Medio Oriente

 

 

E’ solo una totale sciocchezza. Innanzitutto, Israele sta conducendo un genocidio contro una popolazione di 2,3 milioni di persone, nella quale risiede un gruppo militante, Hamas, che comprende l’1% di quella popolazione. È come far esplodere un lago per uccidere i pesci.

Gli attacchi omicidi di Hamas del 7 ottobre contro Israele, che hanno provocato la morte di 1.400 israeliani (molti dei quali sarebbero stati uccisi dalle forze di sicurezza israeliane con un uso eccessivo della forza), non giustificano in alcun modo il successivo annientamento di oltre 10.000 palestinesi a Gaza, così come di oltre 130 palestinesi in Cisgiordania. Quasi il 70% delle vittime sono donne e bambini.

Questo non è un diritto all’autodifesa, come continuano a ripetere l’amministrazione Biden e altri governi occidentali, offrendo così a Israele una parvenza di copertura politica. È una licenza per omicidio di massa.

Questo è un genocidio.

 

 

L’idea che gli Stati Uniti siano in qualche modo preoccupati per la morte dei civili palestinesi e stiano agendo per frenare Israele è smentita da quanto segue:

L’amministrazione Biden ha firmato la fornitura di bombe a guida di precisione per un valore di 320 milioni di dollari a Israele. Ciò si aggiunge al più grande pacchetto di aiuti militari di 14 miliardi di dollari su cui il Congresso degli Stati Uniti sta attualmente votando.

Ma più di questa generosità di via libera c’è il sostegno militare a propulsione nucleare che gli Stati Uniti si sono affrettati a raccogliere nella regione. Il posizionamento di questa temibile potenza parcheggiata a sole poche miglia dalla zona costiera dove Israele sta portando avanti una guerra lampo omicida la dice lunga. Solo i media occidentali stanno distorcendo l’evidente mostruosa criminalità di ciò che sta realmente accadendo.

Il Comando Centrale degli Stati Uniti che copre la regione del Medio Oriente ha annunciato l’arrivo di un sottomarino a propulsione nucleare. La nave si unirà a due gruppi da battaglia di portaerei con capacità nucleare già inviati nel Mediterraneo orientale.

 

 

Il Pentagono ha anche pubblicato una foto di bombardieri B-1 Lancer con capacità nucleare appena schierati in Medio Oriente.

Gaza disastro umanitario

Gli annunci pubblici di queste “armi strategiche” da parte degli Stati Uniti – di solito l’ubicazione di tali risorse non vengono divulgate – sono visti come una minaccia calcolata, provocatoria e terribile per l’Iran e altri partiti mediorientali, come la Siria e Hezbollah in Libano. .

 

 

Lloyd Austin, il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, ha espresso la minaccia in una telefonata con la controparte israeliana Yoav Gallant “I palestinesi sono animali umani” nel fine settimana. Austin “ha riaffermato l’impegno degli Stati Uniti a scoraggiare qualsiasi attore statale o non statale che cerchi di intensificare questo conflitto”.

Anche il direttore della CIA William Burns è in visita in Israele questa settimana lanciando lo stesso messaggio di sostegno a Tel Aviv e avvertendo gli altri stati e partiti di tirarsi indietro da qualsiasi idea di intervento per fermare l’offensiva omicida a Gaza.

Antony Blinken, il Segretario di Stato americano, ha lanciato un avvertimento altrettanto duro all’Iran e ad altri, durante il suo ultimo tour in Medio Oriente, mentre presumibilmente cercava “pause umanitarie”. Blinken ha detto: “Non pensate nemmeno” di attaccare le forze americane nella regione altrimenti affronterete ritorsioni schiaccianti.

Quando la settimana scorsa il capo di Hezbollah Hassan Nasrallah ha tenuto un discorso molto atteso, ha sorpreso molti osservatori astenendosi dal dichiarare guerra aperta contro Israele a sostegno dei palestinesi. Sembra che Nasrallah stia prestando attenzione alle minacce lanciate da Israele e dal suo protettore statunitense. (E chi potrebbe biasimarlo!)

 

 

Netanyahu di Israele ha avvertito Hezbollah che qualsiasi allargamento della guerra si tradurrebbe in una risposta militare che “non poteva essere immaginata”. Questa formulazione di parole può significare solo una minaccia all’uso di armi nucleari.

Questo discorso folle sull’uso delle armi nucleari è stato apertamente articolato da uno dei ministri del gabinetto di Netanyahu, Amichai Eliyahu, nel fine settimana durante un’intervista radiofonica. Netanyahu in seguito ha rimproverato il suo ministro, ma il rimprovero sembrava essere stato fatto per uno spettacolo di pubbliche relazioni, nient’altro.

Il drastico posizionamento delle armi nucleari statunitensi nel Mediterraneo orientale e l’emissione di minacce senza precedenti all’Iran, a Hezbollah e ad altri non hanno nulla a che fare con la preoccupazione americana di prevenire un’escalation della guerra nella regione. È così che lo dipingono l’amministrazione Biden e i media occidentali.

Quanto è assurdo anche solo prendere in considerazione questa nozione. No, la cruda verità è che gli Stati Uniti stanno utilizzando come arma il regime fascista israeliano per portare avanti il ​​genocidio contro i palestinesi con la minor opposizione possibile. Le minacce – compreso l’uso di armi nucleari – servono a garantire che il genocidio non venga impedito in alcun modo da nazioni e partiti che potrebbero assistere legalmente i palestinesi.

 

 

Come la retorica sull’autodifesa, sulle pause umanitarie e così via, la presunta preoccupazione dell’amministrazione Biden di fermare una guerra regionale è un altro stratagemma cinico. Non si tratta di fermare un conflitto più ampio. È una grottesca copertura verbale del genocidio nucleare.

Finian Cunningham, ex redattore e scrittore per le principali organizzazioni di mezzi di informazione.

Fonte: Information Clearing House

Traduzione: Luciano Lago

 

 

Sorgente: Biden e i media occidentali raccontano bugie scandalose… – controinformazione.info