0 5 minuti 4 mesi

JEDDAH/GAZA: Martedì fino a 900.000 civili palestinesi sono rimasti nel nord di Gaza e nella città di Gaza, circondati da carri armati e truppe israeliane che si preparavano ad un attacco militare.

Israele ha esortato i civili a fuggire a sud e ha offerto una finestra di quattro ore per viaggiare, ma anche il sud di Gaza è stato attaccato. Almeno 23 persone sono state uccise negli attacchi aerei israeliani sulle città di Khan Younis e Rafah.

“Siamo civili”, ha detto Ahmed Ayesh, che è stato salvato dalle macerie di una casa a Khan Younis dove sono state uccise 11 persone. “Questo è il coraggio del cosiddetto Israele: mostrano la loro forza e il loro potere contro i civili, i bambini all’interno, i bambini all’interno e gli anziani”.

Mentre parlava, i soccorritori della casa hanno usato le mani per cercare di liberare una ragazza sepolta fino alla vita tra i detriti.

Adam Fayez Zeyara, residente a Gaza City diretto a sud, ha dichiarato: “Il viaggio più pericoloso della mia vita. Abbiamo visto i carri armati da un punto in bianco. Abbiamo visto parti del corpo decomposte. Abbiamo visto la morte”.

Israele ha detto che le sue forze si stanno spingendo in profondità nella città di Gaza, dove i carri armati sono stati posizionati alla periferia per un assalto al cuore urbano di Gaza.

Fin dall’inizio della guerra, ormai al suo secondo mese, l’esercito ha esortato i civili a spostarsi a sud, anche annunciando brevi finestre temporali per quello che sarebbe stato un passaggio sicuro attraverso Salah Al-Din, che attraversa il centro dell’enclave assediata. .

Ma decine di migliaia di civili sono rimasti nel nord, molti dei quali hanno trovato rifugio negli ospedali o nelle strutture delle Nazioni Unite.

Coloro che sono rimasti affermano di essere scoraggiati dal sovraffollamento nel sud, dalla diminuzione delle scorte di acqua e cibo e dai continui attacchi aerei israeliani in quelle che dovrebbero essere aree sicure.

Lunedì, il portavoce del Ministero della Sanità di Gaza, Ashraf Al-Qidra, ha respinto le offerte israeliane di un passaggio sicuro definendole “nient’altro che corridoi della morte”.

Ha detto che i corpi sono allineati lungo la strada da giorni e ha chiesto al Comitato internazionale della Croce Rossa di accompagnare le ambulanze locali per recuperare i morti.

L’esercito israeliano ha detto che, ad un certo punto, le truppe di Hamas si sono trovate sotto il fuoco di Hamas mentre cercavano di aprire temporaneamente la strada ai civili.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha fatto eco alle affermazioni dell’esercito in un’intervista con ABC News trasmessa lunedì sera.

“Stiamo combattendo un nemico particolarmente brutale. Stanno usando i loro civili come scudi umani e, mentre chiediamo alla popolazione civile palestinese di lasciare la zona di guerra, loro glielo impediscono puntando le armi”, ha detto Netanyahu.

Non è stato possibile verificare le affermazioni in modo indipendente.

“Per la prima volta da decenni, l’IDF sta combattendo nel cuore di Gaza City. Nel cuore del terrorismo”, ha affermato il Magg.Gen. Yaron Finkelman, capo del comando militare meridionale. “Ogni giorno e ogni ora le forze uccidono militanti, rivelano tunnel e distruggono armi e continuano verso i centri nemici”.

L’ala militare di Hamas ha affermato che i suoi combattenti stanno infliggendo pesanti perdite e danni all’avanzata delle forze israeliane.

La guerra è iniziata il 7 ottobre, quando i combattenti di Hamas hanno sfondato la recinzione che racchiudeva Gaza uccidendo 1.400 israeliani e rapindone più di 200. Da allora, Israele ha bombardato incessantemente Gaza, uccidendo più di 10.000 persone, circa il 40% delle quali bambini. “È stato un mese intero di carneficina, di sofferenza incessante, spargimento di sangue, distruzione, indignazione e disperazione”, ha detto il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite Volcker Turk.

Discutendo per la prima volta i piani a lungo termine, Netanyahu ha affermato che Israele si assumerà la responsabilità della sicurezza di Gaza “per un periodo indefinito”.

Simcha Rothman, membro della coalizione estremista di estrema destra di Netanyahu, ha dichiarato: “Le nostre forze non devono spargere sangue per consegnare la Striscia di Gaza all’Autorità Palestinese avvolta in un arco. Solo il pieno controllo israeliano e la completa smilitarizzazione della Striscia ripristineranno la sicurezza”.

Ma il portavoce della Casa Bianca John Kirby ha detto che il presidente americano Joe Biden si è opposto alla rioccupazione israeliana. “Non va bene per Israele, non va bene per il popolo israeliano”, ha detto.

Sorgente: 900,000 Palestinians face Israeli onslaught, those fleeing recount terrifying journey

Rispondi