0 6 minuti 9 mesi

GAZA CITY, Striscia di Gaza: edifici crollati, infrastrutture devastate, strade trasformate in campi di macerie.
Scene di violenza e distruzione nella Striscia di Gaza, a lungo bloccata, hanno riempito le onde radio di tutto il mondo durante quattro guerre e innumerevoli tornate di ostilità tra Israele e militanti di Hamas. Ma questo conflitto, dicono i palestinesi, è diverso.
Martedì, dopo una notte di intensi bombardamenti, i residenti faticavano a comprendere la portata dei danni inflitti al lussuoso quartiere Rimal di Gaza City, con i suoi centri commerciali, ristoranti, edifici residenziali e uffici appartenenti a gruppi umanitari e media internazionali lontani dalle sedi del territorio. città di confine duramente colpite e campi profughi impoveriti.
Israele ha colpito Rimal, sede anche dei ministeri del governo di Hamas, nella guerra del 2021, ma mai in questo modo.
Le bombe israeliane hanno fatto saltare i muri e strappato i tetti dei grattacieli di appartamenti di classe superiore. Hanno abbattuto gli alberi che costeggiavano i marciapiedi. Hanno sradicato le strade che pullulavano di uomini d’affari che si affrettavano a lavorare e di venditori che vendevano noccioline tostate. Hanno raso al suolo moschee ed edifici universitari e distrutto grattacieli di uffici di aziende e organizzazioni come la principale compagnia di telecomunicazioni di Gaza e l’Ordine degli avvocati.
Tra quegli ampi viali pieni di saloni di bellezza, negozi di falafel e pizzerie batte il cuore di Gaza City. Per molti, l’entità della devastazione che colpì le classi medie e alte del territorio aveva un significato simbolico.
“Israele ha distrutto il centro di tutto”, ha detto l’uomo d’affari palestinese Ali Al-Hiyak dalla sua casa vicino a Rimal. “Questo è lo spazio della nostra vita pubblica, della nostra comunità”.
“Ci stanno distruggendo”, ha aggiunto.
Dopo che i governanti di Hamas di Gaza hanno sferrato l’attacco più mortale contro Israele degli ultimi decenni, uccidendo oltre 1.000 persone e prendendo decine di ostaggi in un’offensiva su più fronti, Israele ha scatenato quella che i residenti di Gaza hanno descritto come la più intensa campagna di bombardamenti degli ultimi tempi, con centinaia di attacchi aerei lunedì notte. .
“Questi suoni sono diversi”, ha scritto Saman Ashour, 30 anni, di Gaza City, mentre giaceva sveglia in un quartiere a nord di Rimal, ascoltando il ruggito delle esplosioni. “È il suono della vendetta.”
I residenti hanno detto che l’esercito israeliano ha colpito alcuni edifici senza prima lanciare missili di avvertimento come precauzione. Il bilancio delle vittime civili è in rapido aumento. Nel complesso, i funzionari sanitari di Gaza hanno riferito che gli attacchi aerei hanno ucciso oltre 800 persone e ne hanno ferite altre migliaia. Israele ha anche tagliato le forniture di acqua ed elettricità a Gaza, peggiorando le già pessime condizioni umanitarie del territorio.
Il portavoce arabo dell’esercito israeliano, Avichay Adraee, ha detto che Israele sta cercando di “evacuare la popolazione civile dalle aree in cui Hamas ha una presenza militare” prima di scatenare “una potente distruzione”.
Questa tattica è evidente dalle sconcertanti riprese dei droni che mostrano vaste aree del centro di Gaza City ridotte a nient’altro che crateri di terra e rovine di edifici demoliti.
Ma la maggior parte dei civili palestinesi non è stata evacuata. Non ci sono rifugi antiaerei. Israele ed Egitto controllano strettamente i confini dell’enclave e non lasciano uscire nessuno. I rifugi delle Nazioni Unite si stanno rapidamente riempiendo.
Dopo l’attacco senza precedenti del gruppo militante contro civili e soldati israeliani, che ha sbalordito e terrorizzato un paese a lungo considerato invincibile, gli analisti hanno affermato che era chiaro che il gruppo aveva scommesso tutte le sue fiches, indipendentemente dalle conseguenze. Israele ora stava conducendo una guerra non per respingere Hamas, come nelle precedenti tornate, ma per distruggerla.
“La prospettiva strategica è annientare, distruggere e demolire la capacità militare di Hamas”, ha affermato Kobi Michael, membro senior dell’Institute for National Security Studies, un think tank israeliano. “Hamas ha portato questo sulla testa degli abitanti di Gaza”.
“Se Israele non è abbastanza aggressivo”, ha aggiunto, “questo non farà altro che trascinarci su un altro fronte e verso un altro conflitto”.
Ma i palestinesi di Gaza vedono l’ira dell’esercito israeliano come una punizione collettiva.
“Stiamo parlando di danni agli ospedali che non possono nemmeno funzionare senza carburante, della demolizione totale di case e infrastrutture”, ha detto Iyad Bozum, portavoce del ministero degli Interni di Gaza. “Alla fine di tutto ciò non ci sarà più nulla da ricostruire. Sarà impossibile vivere qui”.
Gli attacchi a Rimal di martedì scorso hanno ucciso residenti comuni come negozianti e giornalisti locali e hanno distrutto dozzine di case.
Issa Abu Salim, 60 anni, ribolliva in mezzo alle macerie della sua casa, i suoi vestiti sporchi della polvere della distruzione.
“I nostri soldi sono finiti. Le mie carte d’identità sono perse. L’intera casa, tutti e quattro i piani, è andata perduta”, ha detto. “La zona più bella, l’hanno distrutta”.

Sorgente: Un bombardamento israeliano senza precedenti devasta Rimal a Gaza City


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.