0 8 minuti 8 mesi

NEW YORK CITY: Mercoledì l’osservatore permanente dello Stato di Palestina presso le Nazioni Unite ha espresso incredulità sul fatto che “alcuni parlino ancora del diritto all’autodifesa di un potere che cerca il trasferimento forzato e l’annientamento” dei palestinesi.

Riyad Mansour è intervenuto durante una riunione del Consiglio di Sicurezza per discutere della guerra in corso tra Israele e Hamas. Ciò è seguito a un voto in cui gli Stati Uniti hanno posto il veto a un progetto di risoluzione che chiedeva “pause umanitarie” nel conflitto e condannava l’attacco contro Israele da parte di Hamas il 7 ottobre. A giustificazione della decisione, l’inviato americano ha citato il fallimento della risoluzione di menzionare il “diritto di Israele all’autodifesa”.

L’incontro ha avuto luogo nel mezzo della più grande escalation della guerra dall’inizio, il giorno dopo l’attacco di martedì all’ospedale Al-Ahli di Gaza che ha ucciso centinaia di pazienti e civili a cui era stato chiesto di rifugiarsi nell’ospedale. Israele accusa il gruppo armato palestinese Jihad islamica di aver compiuto l’attacco.

“Se questo consiglio avesse chiesto un cessate il fuoco due giorni fa, avrebbe salvato centinaia di vite”, ha detto Mansour ai membri del consiglio, riferendosi a un precedente progetto di risoluzione proposto dalla Russia lunedì. Aveva anche chiesto un cessate il fuoco per motivi umanitari, ma allo stesso modo è stato respinto dal Consiglio. I membri che hanno votato contro hanno addotto come motivo la mancata menzione di Hamas.

“Fermate lo spargimento di sangue. Ripeto, fermate lo spargimento di sangue”, ha detto Mansour al consiglio, aggiungendo che “uccidere i palestinesi non renderà mai, mai più Israele più sicuro”.

Ha esortato i membri a “dare ascolto all’appello del segretario generale delle Nazioni Unite, dei leader religiosi di tutto il mondo, del Papa, degli stati arabi, dei paesi musulmani del sud del mondo, di miliardi di persone in tutto il mondo, compresi milioni di persone che hanno marciato nelle vostre strade . Ascoltateli e fermate lo spargimento di sangue. Smetti subito.”

Parlando a nome degli Stati membri del Consiglio di Cooperazione del Golfo, l’inviato dell’Oman Mohammed Al-Hassan ha detto al Consiglio di Sicurezza che il fallimento nel restare uniti ha portato solo ad ulteriori spargimenti di sangue.

“Per decenni questo Consiglio non è stato in grado di trovare una soluzione duratura ed equa alla questione palestinese sulla base del diritto internazionale, comprese le risoluzioni adottate dal Consiglio stesso. Il risultato sono vittime da entrambe le parti e totale mancanza di sicurezza”, ha affermato

Ha aggiunto che “i doppi standard hanno portato Israele a sfidare questo consiglio e le sue risoluzioni. Innumerevoli volte (Israele) ha commesso massacri contro i palestinesi”.

Il massacro all’ospedale Al-Ahli è una “pericolosa escalation e una violazione del diritto internazionale e del diritto umanitario internazionale”, ha affermato Al-Hassan.

“Israele sta facendo a pezzi i civili palestinesi davanti agli occhi del mondo. Non è questo un atto terroristico e una flagrante violazione del diritto internazionale?” chiese agli ambasciatori.

“Gli atti criminali israeliani, dal provocare la carestia alla punizione collettiva, furono praticati dai nazisti durante la seconda guerra mondiale e non trovano posto nel mondo di oggi”.

Ha chiesto al Consiglio di sostenere il diritto internazionale e ha aggiunto: “Dimostraci che nessuno è al di sopra della legge, anche se si tratta di Israele”.

Parlando a nome del gruppo arabo alle Nazioni Unite, l’inviato giordano Mahmoud Hmoud ha affermato che i paesi arabi condannano “nei termini più forti il ​​massacro da parte delle criminali IDF (Forze di difesa israeliane) di civili innocenti che erano in cura” nell’ospedale Al-Ahli. Israele è l’unico responsabile di “questo atroce crimine di guerra”, ha aggiunto.

Hmoud, il cui paese detiene attualmente la presidenza di turno del Gruppo arabo, ha esortato il Consiglio di sicurezza a intraprendere “azioni immediate per un cessate il fuoco immediato e porre fine all’aggressione israeliana a Gaza”.

Ha affermato che l’occupazione israeliana è la ragione dietro questo conflitto e ha chiesto la creazione di uno stato palestinese indipendente basato sui confini del 1967, con Gerusalemme Est come capitale, “se vogliamo pace e sicurezza”.

Il rappresentante permanente dell’Egitto presso le Nazioni Unite, Osama Abdelkhalek, ha descritto l’attacco all’ospedale Al-Ahli come un “tentativo di sradicare il popolo palestinese e allontanarlo dal proprio territorio”.

Ha aggiunto: “Questa guerra non è iniziata l’8 ottobre ma molto prima. È iniziato quando è iniziata l’occupazione”.

Ha avvertito che “l’occupazione non può continuare. I crimini di Israele non possono essere trascurati”.

Gilad Erdan, ambasciatore di Israele presso l’ONU, ha chiesto ai membri del consiglio: “Cosa sta succedendo qui? Gli attacchi terroristici più barbari degli ultimi decenni, più grandi dell’11 settembre, sono avvenuti 10 giorni fa e sembra che questo consiglio lo abbia già dimenticato, e devo ricordare ad alcuni di voi cosa è successo.

“Hamas ha ucciso i sopravvissuti all’Olocausto che scappavano dai nazisti solo per essere uccisi nel loro soggiorno”.

Respingendo le richieste di una soluzione a due Stati, ha affermato che l’unica soluzione per “curare un cancro è l’eviscerazione di ogni cellula cancerosa, proprio come è stato fatto con l’Isis e Al-Qaeda”. ISIS è un nome alternativo per il gruppo terroristico Daesh.

Erdan ha condannato il Consiglio di Sicurezza per non aver fatto “la cosa più elementare”, aggiungendo: “Voi non avete condannato, come consiglio, i brutali attacchi terroristici di Hamas. È insondabile che non possiate unirvi nemmeno su questo aspetto fondamentale”.

Ha anche accusato i membri del consiglio di interpretare “l’esatto ruolo che Hamas ha scritto per voi nel loro copione di morte e terrore”.

Ha aggiunto: “Dov’erano le Nazioni Unite quando Hamas ha sfruttato miliardi di dollari in aiuti internazionali per incorporare infrastrutture terroristiche all’interno e al di sotto di aree residenziali densamente popolate? Dove eravate? L’ONU sapeva tutto questo ma è rimasta in silenzio”.

Erdan ha detto che è “ridicolo” che il consiglio stia discutendo di corridoi umanitari invece di condannare le atrocità di Hamas.

“Chiedere calma, moderazione e cessate il fuoco è come mettere un cerotto su una ferita da proiettile”, ha aggiunto.

Per quanto riguarda l’attacco all’ospedale battista Al-Ahli di martedì, Erdan ha accusato il Consiglio di sicurezza e il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres di prendere per oro colato le affermazioni fatte da “terroristi che uccidono bambini”, senza pensarci due volte.

L’ospedale è stato colpito “e solo da” un razzo palestinese della Jihad islamica, ha aggiunto, e Israele ha filmati che lo dimostrano “al di là di ogni dubbio”.

Sorgente: Killing Palestinians will ‘never, never’ make Israel more secure, Palestine envoy tells UNSC


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.