0 10 minuti 9 mesi

(elpais.com) – La spirale di guerra scatenata dal barbaro attacco di Hamas ad Israele il 7 ottobre è per il momento confinata al conflitto tra lo Stato israeliano e la Striscia di Gaza. Ma la natura del conflitto e la risposta del governo Netanyahu, che ha suscitato un’ondata di indignazione per caratteristiche incompatibili con i principi del diritto internazionale umanitario – ad esempio, l’interruzione delle forniture di acqua, cibo, medicine ed elettricità per diversi giorni – stanno alimentando un incendio che rischia seriamente di estendersi.

“La regione sta per precipitare nell’abisso”, ha avvertito martedì il re di Giordania Abdullah, prima dell’esplosione che ha colpito un ospedale di Gaza, causando numerose vittime e infiammando ulteriormente gli animi.

Le possibili vie di propagazione dell’incendio sono chiare. La principale è l’ingresso nel conflitto di Hezbollah, un partito-milizia libanese con una forza militare di gran lunga superiore a quella di Hamas e con stretti legami con l’Iran.

La mezzaluna che collega il Libano meridionale e Teheran comprende altri punti di rischio, come le milizie presenti in Siria e in Iraq, che includono membri dello stesso Hezbollah, la Guardia rivoluzionaria iraniana o gruppi combattenti con truppe provenienti dall’Afghanistan o dal Pakistan.

Altre conseguenze sono, ovviamente, lo scoppio di violente proteste in Cisgiordania, con la possibile destabilizzazione dell’Autorità palestinese, nonché un rinnovato impulso ad azioni terroristiche.

Per quanto riguarda gli Stati del mondo arabo, che da tempo si stanno muovendo verso la normalizzazione delle relazioni con Israele, il rischio non è militare, ma il ribollire della rabbia dei cittadini che potrebbe rientrare nel calcolo di altri attori.

Di seguito, una breve radiografia delle capacità militari di quattro attori chiave in questo contesto: i due protagonisti del conflitto – Hamas e Israele -, quello che rappresenta la più probabile via di espansione – Hezbollah – e il suo sostenitore di cortile – l’Iran, forte di un asse di confronto sempre più esplicito con l’Occidente, con la Russia in testa e la Cina in coda.

Israele

È la prima potenza militare, con un chiaro vantaggio sui suoi avversari in termini di capacità. La sua spesa annuale per la difesa è quasi quattro volte superiore a quella dell’Iran ed è incomparabile con le limitate risorse a disposizione di Hamas o Hezbollah.

Fin dalla sua fondazione, Israele è stato fortemente sostenuto dagli Stati Uniti, che lo sostengono con aiuti militari per circa 3,8 miliardi di dollari all’anno (circa 3,6 miliardi di euro). Il sostegno di Washington ha derivati militari di grande importanza: un’aviazione con aerei da combattimento di alta qualità come l’F-35 e un sistema di difesa antimissile leader a livello mondiale noto come Iron Dome.

Una storia segnata dai conflitti si riflette anche in una forza armata con un’enorme esperienza di combattimento, ma anche in una società con un notevole grado di addestramento all’uso delle armi e un’enorme disponibilità a serrare i ranghi.

Naturalmente, il fondamento ultimo della superiorità israeliana è l’arma nucleare. Le autorità israeliane non confermano né smentiscono che sia presente nei loro arsenali, ma gli esperti concordano sul fatto che lo sia. L’Istituto Internazionale di Ricerca sulla Pace di Stoccolma stima che Israele abbia circa 90 testate nucleari.

Tutto ciò non significa che Israele non mostri limiti e non corra rischi molto seri. L’attacco di Hamas, come quello dello Yom Kippur di 50 anni fa, ha colto il Paese completamente di sorpresa, dimostrando le carenze nella capacità di raccolta di informazioni. La prospettiva di dover gestire due fronti contemporaneamente – Hamas a Gaza e Hezbollah in Libano – rappresenta una sfida importante, tanto più se accompagnata da un’esplosione di violenza in Cisgiordania e da eventuali schermaglie dalla Siria.

Hamas

È un attore con capacità limitate. Ma combinate con la volontà di agire in violazione delle regole di base della guerra, sono sufficienti per infliggere gravi danni a Israele in azioni offensive e certamente anche in un’operazione difensiva in caso di invasione.

Sul primo piano, l’attacco del 7 ottobre ha dimostrato la capacità di eludere la sorveglianza di Israele e di preparare meticolosamente una terribile offensiva senza essere scoperti o respinti rapidamente. In secondo luogo, gli esperti sottolineano la notevole capacità difensiva di cui disporrà se Israele deciderà di invadere la Striscia.

Le forze israeliane dispongono di carri armati principali di buona qualità – circa 400 Merkava IV di produzione nazionale – ma i combattimenti urbani offrono sempre vantaggi in termini di difesa, soprattutto in un territorio denso come quello di Gaza, dove peraltro Hamas si è preparata costantemente nel tempo a tali prospettive, con tunnel e altre precauzioni logistiche. Con armi anticarro e un adeguato posizionamento nei punti strategici, il suo potenziale non va sottovalutato.

Naturalmente, tutto ciò che riguarda i loro mezzi è avvolto nel mistero e non esistono dati precisi. Secondo le stime dell’Istituto Internazionale per gli Studi Strategici, pubblicate nel 2022, Hamas aveva circa 15.000-20.000 uomini nelle Brigate Al Qassam. Prima dello scoppio aveva un grande arsenale di razzi di bassa qualità. Ora è difficile dire quanti ne siano rimasti dopo una dozzina di giorni di ostilità.

Nella Striscia operano anche altri gruppi, come la Jihad islamica, che Israele accusa di aver lanciato il razzo che ha colpito l’ospedale martedì, mentre le autorità gazane accusano lo Stato ebraico. In ogni caso, anche con l’aggiunta di gruppi collaterali, la forza militare di Hamas è ridotta.

Hezbollah

La milizia sciita libanese è talvolta definita il fratello maggiore di Hamas, con più truppe, un arsenale migliore e una grande profondità strategica grazie al corridoio Libano-Siria-Iraq-Iran.

La sua principale risorsa è l’arsenale missilistico. Come per Hamas, non c’è trasparenza e non ci sono prove. Secondo Alma, un centro di ricerca israeliano, il gruppo possiede diverse centinaia di missili ad alta precisione, circa 5.000 missili con una gittata superiore ai 200 chilometri (con il Fateh-110 in grado di raggiungere i 300 chilometri), circa 65.000 razzi con una gittata fino a 45 chilometri e missili con una gittata inferiore ai 200 chilometri, e circa 2.000 droni.

Anche una radiografia del Centro per gli studi strategici internazionali sottolinea la rilevanza dei Fateh-110. Esistono altre stime e alcuni ritengono che l’arsenale sia di 150.000 unità.

Anche se non ammontano a tanto, la gamma di numeri che gli esperti hanno in mente è, in ogni caso, abbastanza grande da rappresentare una seria minaccia. Durante la guerra dei 34 giorni nel 2006, Hezbollah ha sparato circa 4.000 razzi contro Israele, con un arsenale precedente alle ostilità di circa 15.000, secondo le stime israeliane. Ora è più preparato di allora.

In termini numerici, si va dai 25.000 combattenti stimati dalla rivista specializzata Jane’s nel 2017 ai 100.000 dichiarati dallo stesso capo di Hezbollah, Hassan Nasrallah, nel 2021, cifra considerata esagerata dagli esperti.

Indubbiamente, il loro intenso coinvolgimento nella guerra siriana al fianco di Assad ha portato a pesanti perdite negli ultimi anni, ma hanno anche sviluppato un’esperienza di combattimento che è sempre un bene prezioso per qualsiasi forza armata. La presenza continua in Siria delle cellule del gruppo e di altre simili è una risorsa potenziale.

L’Iran

L’Iran è il grande avversario ombra di Israele. Dopo gli accordi di pace con l’Egitto nel 1979 e con la Giordania nel 1994 e il processo di normalizzazione delle relazioni con i Paesi arabi, Teheran è il punto di riferimento dello Stato per sfidare lo Stato israeliano. Sebbene il confronto diretto sia molto meno probabile rispetto al coinvolgimento di Hezbollah o delle milizie in Siria, deve essere preso in considerazione come sostenitore di questi gruppi e come punto di riferimento strategico.

L’Iran dispone di forze armate con notevoli risorse. Il suo programma missilistico si è notevolmente sviluppato e dispone di missili a lungo raggio in grado di colpire Israele. È una minaccia seria. Ha anche sviluppato un’efficace industria di droni, in grado di produrre abbastanza da dirottare una parte della produzione verso altri attori, come la Russia, e abbastanza efficace da colpire gli impianti petroliferi sauditi qualche anno fa.

La sua aviazione è chiaramente inferiore a quella israeliana, con una flotta di caccia in gran parte obsoleta composta da modelli russi MiG o Sukhoi di qualità limitata.

Sebbene non sia stata coinvolta in un conflitto totale dagli anni ’80 – guerra Iran-Iraq – la sua Guardia Rivoluzionaria ha esperienza attraverso la proiezione regionale, i contatti e l’azione in altri conflitti.

Questa esperienza, la sua capacità produttiva, la sua esperienza nella fornitura clandestina di materiali, nella consulenza strategica e nell’addestramento sono l’elemento chiave finché non ci sarà un confronto diretto.

L’elemento di fondo è, ovviamente, la prospettiva nucleare. Il fallimento dell’accordo nucleare da cui l’amministrazione Trump si è ritirata ha portato a un’accelerazione delle attività di arricchimento dell’uranio e a un ammorbidimento del regime di controllo. È noto che l’Iran ha la capacità di raggiungere il livello di arricchimento necessario per armare una bomba e di produrre la quantità necessaria in breve tempo. Tuttavia, la sua capacità operativa di produrre un simile proiettile è sconosciuta e gli esperti non sono d’accordo.

Sorgente: Scenari da un’escalation: la guerra in medioriente è destinata ad allargarsi


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.