0 5 minuti 8 mesi

L’operazione Al-Aqsa Flood è stata provocata dall’aggressione e dall’occupazione israeliana. È un atto di resistenza.

Il sistema antimissile israeliano Iron Dome intercetta i razzi lanciati dalla Striscia di Gaza, visti da Ashkelon, nel sud di Israele
Il sistema antimissile israeliano Iron Dome intercetta i razzi lanciati dalla Striscia di Gaza, visti da Ashkelon, nel sud di Israele, l’8 ottobre 2023. [Reuters/Amir Cohen]

Sembra che le autorità israeliane siano state colte di sorpresa dall’operazione Al-Aqsa Flood di Hamas avvenuta sabato. Oltre a lanciare razzi, la fazione palestinese ha anche inviato i suoi combattenti dalla Striscia di Gaza nel sud di Israele, dove hanno attaccato obiettivi militari, preso brevemente il controllo di alcuni insediamenti israeliani e preso in ostaggio dozzine di civili e soldati.

Alcuni hanno definito l’attacco di Hamas un “colossale fallimento” dell’apparato militare e di intelligence israeliano. Altri, soprattutto diplomatici e leader politici occidentali e non solo, lo hanno etichettato come un atto “terroristico” “non provocato”, insistendo sul fatto che Israele ha il “diritto di difendersi”.

Ma nulla di questa operazione sorprende o è immotivato. Né è solo il risultato delle lacune nelle misure di sicurezza israeliane. È una risposta che c’è da aspettarsi dal popolo palestinese, che da decenni affronta il dominio coloniale e l’occupazione dei coloni israeliani.

Il diritto internazionale vieta agli Stati “qualsiasi occupazione militare, per quanto temporanea”. La Risoluzione 37/43 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite riafferma inoltre che le persone che lottano per l’indipendenza e la liberazione dal dominio coloniale hanno il diritto di farlo utilizzando “tutti i mezzi disponibili, compresa la lotta armata”. In altre parole, l’operazione Al-Aqsa Flood è parte della lotta armata palestinese provocata dall’occupazione e dal colonialismo israeliani.

Inoltre, non sorprende che le fazioni armate palestinesi facciano affidamento su tattiche asimmetriche e furtive. Questo perché si trovano ad affrontare una delle forze armate più sofisticate e ben finanziate del mondo.

Anche il fatto che l’operazione sia stata lanciata da Gaza non sorprende. Il defunto studioso palestinese-americano Edward Said una volta definì Gaza il “nucleo essenziale” della lotta palestinese. È un luogo impoverito e congestionato, abitato in gran parte da rifugiati palestinesi espulsi dalle loro case durante la Nakba del 1948. In precedenza ha dato vita alla prima Intifada e ha ospitato la maggior parte della resistenza armata palestinese negli ultimi decenni.

Anche Gaza è sotto un estenuante assedio da 16 anni, che ha avuto un pesante tributo sulla sua popolazione, ma non è riuscito a distruggere la loro volontà di resistere. Il blocco è stato imposto dopo che Hamas ha vinto le elezioni del Consiglio legislativo palestinese nel 2006, ma il suo rivale palestinese, Fatah, insieme a Israele e ai suoi sostenitori hanno cospirato per impedirgli di prendere il potere.

Dopo diversi mesi di combattimenti, Hamas è riuscita a prendere il pieno controllo di Gaza nel giugno 2007, per cui Israele e i suoi partner hanno deciso di punire collettivamente i palestinesi che vivono lì.

Per più di 16 anni gli abitanti di Gaza non hanno avuto libertà di movimento . Possono uscire attraverso i checkpoint controllati da Israele se hanno un permesso di lavoro israeliano o, in rari casi, se hanno ricevuto permessi speciali da Israele per ricevere cure mediche nella Cisgiordania occupata per condizioni di pericolo di vita. Per partire per qualsiasi altra parte del mondo devono avere un visto valido, difficile da ottenere per gli apolidi, e poi affrontare le decisioni arbitrarie delle autorità egiziane di chiudere il valico di Rafah e negare l’ingresso ai palestinesi.

Il blocco ha portato l’economia di Gaza quasi a un punto morto . Oggi quasi la metà della popolazione è disoccupata. Tra i giovani il tasso di disoccupazione supera il 60%. Anche la fornitura di cibo è limitata dall’assedio. Dal 2007 al 2010, le autorità israeliane hanno tenuto conto delle calorie del fabbisogno nutrizionale dei palestinesi per evitare al minimo la malnutrizione, limitando al tempo stesso l’accesso al cibo per la popolazione di Gaza.

Sorgente: There is nothing surprising about Hamas’s operation | Gaza | Al Jazeera