0 8 minuti 8 mesi

La posizione degli Stati Uniti rischia di minare gli sforzi volti a disinnescare la tensione tra Israele e Gaza
L’invio segnalato della seconda portaerei potrebbe peggiorare la situazione: esperto
Pubblicato: 11 ottobre 2023 23:37

(Foto: Xinhua)  attacco aereo israeliano nella città di Gaza, il 10 ottobre 2023.

Almeno 900 palestinesi sono stati uccisi dagli attacchi israeliani in corso sulla Striscia di Gaza, secondo il ministero della Sanità di Gaza martedì. Nel frattempo, almeno 1.008 persone sono state uccise in Israele da quando Hamas ha lanciato un attacco a sorpresa, ha riferito martedì la Kan TV news di proprietà statale israeliana.

Nonostante le crescenti preoccupazioni che la loro azione possa esacerbare la situazione e coinvolgere altre parti nel conflitto Israele-Gaza, gli Stati Uniti stanno prendendo in considerazione l’invio di una seconda portaerei nella regione del Medio Oriente mentre altri paesi tentano di allentare le tensioni come la guerra ha rivendicato in passato. almeno 1.900 vite da entrambe le parti a partire da mercoledì.

Israele ha ripetutamente bombardato Gaza con attacchi aerei mentre il conflitto entrava nel quinto giorno. Secondo i media, i bombardamenti hanno distrutto centinaia di obiettivi, tra cui case, scuole e ospedali, uccidendo almeno 950 persone.

Nel mezzo delle tensioni latenti a Gaza, alcuni media hanno riferito che gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di inviare una seconda portaerei per unirsi alla USS Gerald R. Ford nel Mediterraneo orientale come dimostrazione di solidarietà per Israele e “un avvertimento per gli attori regionali”. 

Il segretario di Stato americano Antony Blinken arriverà in Israele giovedì per incontrare gli alti leader israeliani e poi si recherà in Giordania, per inviare “un messaggio di solidarietà e sostegno”, ha riferito mercoledì Reuters.

Secondo gli analisti, il sostegno unilaterale degli Stati Uniti a Israele non aiuterebbe né a porre fine al conflitto nella Striscia di Gaza né a far capire alle due parti che l’uso della violenza per fermare la violenza non farebbe altro che prolungare il circolo vizioso nella zona. Inoltre, la faida tra Palestina e Israele potrebbe intensificarsi a causa del conflitto in corso, e le tensioni tra i paesi che sostengono la Palestina, come Iran, Siria e Turchia, e Israele saranno più visibili.

“Gli Stati Uniti stanno alimentando il fuoco”, ha detto al Global Times Li Weijian, ricercatore presso l’Istituto per gli studi di politica estera dell’Istituto di studi internazionali di Shanghai, sottolineando che Israele sarà più risoluto nel portare avanti le operazioni militari con il sostegno degli Stati Uniti. , che intensificherà l’ostilità tra Palestina e Israele e renderà più difficili i futuri negoziati.

Israele continua a essere guidato dalla rabbia e dalle ritorsioni e sta perseguendo risolutamente un’azione militare a Gaza. La lotta potrebbe continuare finché una delle parti non sarà completamente distrutta o finché Israele non deciderà che è sufficiente scoraggiare coloro che tentano di mettere in pericolo la sua sicurezza, ha detto al Global Times Tian Wenlin, ricercatore presso il China Institutes of Contemporary International Relations.

Tuttavia, potrebbe non raggiungere la sicurezza e la deterrenza desiderate, e finché non ci sarà una soluzione definitiva alla questione palestinese, il conflitto tra Israele e Palestina continuerà. Tian ha osservato che, poiché alcuni funzionari israeliani hanno affermato di far pagare alla Striscia di Gaza un prezzo molto alto che cambierà la realtà per generazioni, il risultato dell’attuale conflitto potrebbe essere molto tragico.

Non vi è alcuna indicazione che la situazione si stia allentando; invece, sta diventando più grave. Secondo quanto riferito, anche le forze israeliane e i combattenti Hezbollah con sede in Libano si sono scontrati. L’esercito israeliano ha affermato che i proiettili lanciati dalla Siria sono caduti in aree aperte all’interno di Israele, ha riferito Al Jazeera.

Il conflitto israelo-palestinese è peggiorato a causa della loro forza asimmetrica, che rende Israele riluttante a raggiungere una soluzione. Ha anche l’aiuto degli Stati Uniti. Inoltre, la strategia di riconciliazione degli Stati Uniti in Medio Oriente è ingiusta e irragionevole nei confronti della Palestina a causa del suo forte sostegno a Israele, ha detto Li. 

Molte potenze globali e regionali, tra cui Cina, Russia e paesi arabi, stanno cercando di contribuire a disinnescare le tensioni poiché più vittime e una situazione umanitaria più catastrofica non sono ciò che la comunità internazionale vuole vedere, ha affermato Li. 

Mercoledì, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha ribadito la posizione della Cina sull’attuale conflitto, affermando che per porre fine al ciclo di conflitto tra Palestina e Israele, è essenziale riavviare i colloqui di pace, attuare la soluzione dei due Stati e cercare una soluzione globale e una soluzione adeguata e tempestiva della questione palestinese attraverso mezzi politici, in modo che le legittime preoccupazioni delle parti possano essere prese in considerazione.

Mercoledì Zhai Jun, inviato speciale del governo cinese per il Medio Oriente, ha avuto una telefonata con Amal Jadou, viceministro degli Esteri palestinese, e ha detto che la questione urgente al momento è cessare il fuoco e proteggere i civili.

Martedì il presidente russo Vladimir Putin ha avuto un colloquio telefonico con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan per discutere le misure per allentare le tensioni e hanno espresso preoccupazione per gli attacchi agli insediamenti civili. 

Nel frattempo, la Lega Araba ha annunciato una riunione d’emergenza per mercoledì. I ministri degli Esteri dei paesi membri della Lega Araba avrebbero dovuto discutere le strategie volte a ridurre l’escalation del conflitto e prevenire ulteriori danni ai civili.

Il capo delle Nazioni Unite per i diritti umani Volker Turk ha dichiarato martedì che gli “assedi” di Israele sono illegali secondo il diritto internazionale e ha anche condannato “orribili uccisioni di massa da parte di membri di gruppi armati palestinesi” e ha affermato che anche il rapimento di ostaggi da parte dei militanti è vietato dal diritto internazionale, Reuters segnalato. 

Sebbene negli ultimi anni in Medio Oriente si sia registrata una tendenza alla riconciliazione, con alcuni rapporti in miglioramento e tensioni in diminuzione, questo nuovo ciclo di conflitti fa sapere al mondo che la riconciliazione senza risolvere la questione palestinese è incompleta e fragile, ha affermato Li.

Gli analisti hanno osservato che il mondo arabo, il Medio Oriente e la comunità internazionale dovrebbero riconsiderare la questione e inserirla all’ordine del giorno. Palestina e Israele hanno ancora bisogno della mediazione e dell’aiuto della comunità internazionale per uscire quanto prima dal circolo vizioso dei conflitti violenti.

Sorgente: La posizione parziale degli Stati Uniti rischia di minare gli sforzi volti a disinnescare la tensione tra Israele e Gaza – Global Times


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Rispondi