0 4 minuti 8 mesi

Il bilancio delle vittime a Gaza è salito a 4.651, secondo il ministero della Sanità, con 1.873 bambini tra le vittime. Israele ha annunciato che sta “intensificando” il bombardamento dell’enclave palestinese assediata. Nelle ultime 24 ore sono stati uccisi 266 palestinesi, di cui 117 bambini. 

Per il secondo giorno consecutivo, gli aiuti sono riusciti ad arrivare a Gaza dall’Egitto, con 17 camion che si sono fatti strada nel territorio. Tuttavia, anche se gli aiuti aiuteranno alcuni, l’UNRWA ha affermato che non sono ancora abbastanza vicini, con Israele che continua a bloccare le forniture di carburante e cibo. 

Senza carburante, le strutture idriche e gli ospedali non possono funzionare. L’UNRWA, l’agenzia ufficiale delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, ha affermato che finirà il carburante entro 3 giorni, il che porterà a una chiusura senza precedenti dei suoi servizi.

Israele ha ammassato decine di migliaia di truppe intorno a Gaza per un’invasione di terra ampiamente prevista. Afferma che i suoi raid quotidiani hanno già ucciso molti leader e comandanti militari di Hamas.

“Da oggi aumenteremo gli attacchi e minimizzeremo il pericolo”, ha detto sabato sera un portavoce militare israeliano. “Aumenteremo gli attacchi e quindi ho invitato i residenti di Gaza City a continuare a spostarsi verso sud per la loro sicurezza”.

Israele ha ripetutamente esortato gli 1,1 milioni di persone che vivono nel nord di Gaza a spostarsi a sud prima di qualsiasi operazione di terra. Secondo volantini e telefonate fatte da Israele ai residenti di Gaza, se non lasceranno il nord di Gaza verranno trattati come “terroristi” e “collaboratori” e “ne affronteranno le conseguenze”.

Tuttavia, ci sono ancora centinaia di migliaia di civili palestinesi nel nord di Gaza, mentre Israele continua a bombardare il sud, compresa Rafah.

17:24
Il nuovo bastone arabo

L’ala armata di Hamas afferma di aver respinto un attacco di terra israeliano contro Khan Younis a Gaza

Le Brigate Qassam, l’ala militare di Hamas, afferma di aver respinto un attacco di terra israeliano vicino a Khan Younis nella Striscia di Gaza, distruggendo un carro armato israeliano e due bulldozer, riferisce Al Jazeera .

In una dichiarazione sull’app di messaggistica Telegram, le Brigate Qassam hanno affermato che i loro “combattenti hanno ingaggiato una forza israeliana corazzata in un’imboscata ben preparata a est di Khan Yunis, pochi istanti dopo aver attraversato il confine di pochi metri”.

“I combattenti si sono confrontati coraggiosamente con le forze infiltrate… e sono tornati sani e salvi alle loro basi”, si legge inoltre nella dichiarazione.

Non ci sono state dichiarazioni ufficiali israeliane sulla questione.

17:10
Il nuovo personale e le nuove agenzie arabe

Il primo ministro palestinese chiede un “fronte unito” per fermare gli attacchi israeliani a Gaza Il

primo ministro palestinese Mohammad Shtayyeh ha invitato domenica la comunità internazionale a creare un “fronte unito” per fermare gli attacchi israeliani nella Striscia di Gaza.

“Mettiamo in cima alle nostre priorità fermare l’aggressione israeliana (…) e portare aiuti medici e umanitari per prevenire una grave catastrofe umanitaria”, ha detto Shtayyeh durante un incontro con 25 ambasciatori, rappresentanti e consoli.

Sorgente: Aid enters Gaza, as Israel strikes kill almost 2000 children