0 7 minuti 4 mesi

 

di Giulio Chinappi

da https://giuliochinappi.wordpress.com/

Il presidente kazako Qasym-Jomart Toqaev ha tenuto un intervento al terzo Belt and Road Forum per la cooperazione internazionale in cui ha elogiato il ruolo della Cina e ha promosso il proprio Paese come fulcro dei collegamenti eurasiatici. Di seguito la traduzione del rapporto pubblicato dal sito ufficiale della presidenza kazaka.

Il secondo giorno della visita ufficiale di Qasym-Jomart Toqaev a Pechino è iniziato con la partecipazione alla cerimonia di apertura del terzo Belt and Road Forum per la cooperazione internazionale.

Il leader kazako ha ringraziato il presidente cinese Xi Jinping per la tradizionale calorosa ospitalità e l’impeccabile organizzazione del forum.

Nel suo discorso, Kassym-Jomart Tokayev ha sottolineato il ruolo chiave della Cina nel garantire la sicurezza globale e l’ha definita la locomotiva dello sviluppo economico e tecnologico.

Nell’attuale contesto geopolitico, l’iniziativa Belt and Road è diventata un progetto internazionale ricercato e un’importante piattaforma di cooperazione. Il progetto riflette il potere economico della Cina e la sua aspirazione a nuovi traguardi a livello globale. È altamente simbolico che dieci anni fa sia stato in Kazakistan che lei [Xi Jinping, ndtha delineato per la prima volta l’iniziativa di vasta portata Belt and Road, diventandone così la principale forza trainante. In occasione di questo importante anniversario, oggi possiamo affermare con sicurezza che la vostra iniziativa ha dimostrato la sua rilevanza, è stata riconosciuta dalla comunità internazionale e si è trasformata in un grande progetto di scala globale“, ha affermato il capo dello Stato.

Come ha osservato Qasym-Jomart Toqaev, il progetto Belt and Road è diventato una piattaforma efficace per una cooperazione internazionale su larga scala senza precedenti.

Grazie agli investimenti dei Paesi che partecipano a questo progetto, oltre 150 Paesi in Asia, Europa e Africa sono collegati da una vasta rete di ferrovie, autostrade ad alta velocità e rotte marittime. Il progetto è diventato un bene comune per i nostri Stati, che nelle condizioni di colossale turbolenza dell’economia mondiale possono fornire una risposta efficace alle sfide più complesse del nostro tempo“, ha indicato il presidente.

È stato inoltre notato che questa iniziativa fornisce un contributo inestimabile allo sviluppo dei legami culturali e umanitari, rafforzando il buon vicinato, l’amicizia e la comprensione reciproca tra i Paesi che partecipano al progetto.

Non sarebbe un’esagerazione affermare che la Belt and Road ha dato impulso alla rinascita della Grande Via della Seta. Pertanto, l’iniziativa cinese è giustamente definita un megaprogetto del XXI secolo“, ha affermato il leader del Kazakistan.

Il capo dello Stato ha condiviso i risultati del Kazakistan, che, a suo avviso, essendo al centro dell’Eurasia, collegando Nord e Sud, Ovest ed Est, svolge un ruolo speciale nella realizzazione dell’iniziativa. Secondo lui, essendo un enorme Stato senza sbocco sul mare e con un lungo confine in comune con la Cina, il Kazakistan sta facendo seri sforzi per diventare un centro logistico e di trasporto di importanza internazionale.

Attualmente, il Kazakistan rappresenta circa l’85% di tutto il traffico di transito terrestre dalla Cina all’Europa. Attribuendo grande importanza allo sviluppo del settore dei trasporti di transito, negli ultimi 15 anni abbiamo stanziato oltre 35 miliardi di dollari a questo scopo. Abbiamo lanciato importanti progetti infrastrutturali come il centro logistico kazako-cinese a Lianyungang, il porto di Khorgos, l’autostrada di transito Europa occidentale-Cina occidentale e il corridoio ferroviario dalla Cina all’Iran. Allo stesso tempo, non ci fermiamo a ciò che abbiamo ottenuto“, ha affermato Qasym-Jomart Toqaev.

Ha condiviso i piani per costruire 1.300 chilometri di nuovi binari ferroviari entro tre anni, aprire un terzo posto di blocco ferroviario al confine con la Cina e costruire nuovi porti a Bakhty e Kalzhat. Questi sono esempi reali dei grandi progetti economici del Kazakistan abbinati all’iniziativa globale cinese.

Nel suo discorso il Capo dello Stato ha sottolineato il ruolo chiave del progetto faro: la via di trasporto internazionale transcaspica. Collegando Cina, Asia centrale ed Europa, può diventare il “ponte continentale della Belt and Road”, dimezzando i tempi del traffico merci e riducendo notevolmente i costi di trasporto.

Tra il Kazakistan e la Cina sono stati firmati due accordi intergovernativi sullo sviluppo della rotta transcaspica. Sono fiducioso che presto porteranno risultati tangibili. Per un coordinamento più efficace dei nostri sforzi, propongo di creare una rete di partenariato dei principali porti strategici, centri logistici e hub postali. Siamo anche interessati ad avviare una produzione congiunta di navi da trasporto e container. Il Kazakistan è pronto a diventare un ponte aereo affidabile e uno scalo conveniente per le principali compagnie aeree del mondo, garantendo un flusso costante di passeggeri e merci“, ha affermato il presidente.

A suo avviso, la partnership nel quadro dell’iniziativa della Via della Seta Digitale, che è un nuovo progetto globale, offre grandi opportunità.

Sono fiducioso che la costruzione di un nuovo modello di interazione digitale e intellettuale darà un contributo significativo allo sviluppo innovativo delle nostre economie. Nel nuovo decennio dell’iniziativa Belt and Road, il Kazakistan continuerà a contribuire pienamente al nostro successo comune. Sono fiducioso che sotto la sua saggia guida, caro presidente Xi Jinping, la Repubblica Popolare Cinese otterrà un successo ancora maggiore nella costruzione di una nuova era della Cina basata sul concetto di destini storici comuni di popoli diversi“, ha concluso Qasym-Jomart Toqaev.

Al forum sono intervenuti anche il presidente cinese Xi Jinping, il presidente russo Vladimir Putin, il presidente indonesiano Joko Widodo, il presidente argentino Alberto Fernández, il primo ministro etiope Ahmed Abiy e il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres. Agli eventi del forum partecipano più di 20 capi di Stato e rappresentanti di oltre 130 Paesi e organizzazioni internazionali.

Sorgente: Il Kazakistan fulcro dell’iniziativa Belt and Road, secondo il presidente Toqaev – Marx21