0 2 minuti 6 mesi

Moni Ovadia

foto Ansa

“Le due cose sono distinte: la dichiarazione di Moni Ovadia è quella di una persona libera in un Paese libero. Lui è caduto in un inganno per cui si è ritenuto che abbia espresso la sua opinione in una funzione istituzionale, quella del direttore del teatro di Ferrara, ma in realtà non è così e questo non ha compromesso il teatro”. Lo dice all’Adnkronos il sottosegretario alla Cultura Vittorio Sgarbi, commentando l’annuncio delle dimissioni da parte di Moni Ovadia da direttore generale del teatro Comunale di Ferrara.

Il retroscena: “Ecco le reali motivazioni di Ovadia”

“Io mantengo la distinzione dicendo che non doveva fare quella dichiarazione, ma lo difendo chiedendo al sindaco di rifiutare le dimissioni”, sottolinea Sgarbi. Che rivela all’Adnkronos un retroscena che secondo il sottosegretario spiegherebbe le reali motivazioni delle dimissioni di Ovadia, decise all’ultimo nella serata di ieri. “E’ nata la sensazione che il consiglio comunale di Ferrara, essendo tutto contro di lui, dal Pd a Fratelli d’Italia, e da ultimo anche Italia Viva, potesse bocciare la richiesta di fondi per il teatro. Così lui si è dimesso per evitare che il teatro avesse un limite di finanziamenti per colpa sua“, spiega il sottosegretario alla Cultura. Che ribadisce: “Io chiedo al sindaco dunque di respingere le sue dimissioni”.

Sorgente: Critiche a Israele, Moni Ovadia costretto a dimettersi. Sgarbi: ‘sconfitta della democrazia’ • Imola Oggi

Please follow and like us:
0
fb-share-icon0
Tweet 20
Pin Share20