0 3 minuti 5 mesi

Principio di realtà e approccio razionale: questi sono gli strumenti imprescindibili con cui, secondo il filosofo Massimo Cacciari, va affrontato il conflitto tra Israele e Palestina.

Ospite di Giovanni Floris a Dimartedì (La7), Cacciari ricalca quanto affermato dall’ex ambasciatrice Elena Basile a Otto e mezzo: “Ragionare, secondo la razionalità occidentale, significa sempre risalire alle cause. Non si sa nulla finché non si conoscono le cause di un fenomeno. E di ogni guerra bisogna sempre comprendere le ragioni, nei limiti del possibile e con la massima obiettività, perché le guerre hanno sempre una storia – continua – Non puoi sempre andare avanti a occasioni: oggi c’è l’11 settembre. E prima? Non c’è niente. Oggi c’è l’invasione russa in Ucraina. E prima? Non c’è niente. Oggi c’è Hamas che invade Israele. E prima? Non c’è niente. Questo non è ragionare, è puro infantilismo“.

Cacciari si sofferma poi sul principio di realtà: “Lo so che non è semplice, ma da una parte occorre riconoscere il diritto del popolo palestinese a uno Stato che non sia un ghetto e dall’altra riconoscere pienamente lo Stato d’Israele. Ma come si fa? Le decisioni fondamentali possono essere assunte solo attraverso un patto tra potenze globali. È sempre stato così e oggi lo è ancora. Non è realistico – continua – pensare che si possa tenere un popolo nelle condizioni in cui versa attualmente quello palestinese, né che si possa abbattere lo Stato d’Israele. Quindi, da parte dei contendenti o vi è un principio di realtà oppure si rischiano tragedie perenni con la speranza che non deflagrino in un conflitto mondiale“.

Circa il diffuso automatismo di bollare come putiniani quelli che analizzano le cause dell’invasione russa o come amici di Hamas coloro che osano evidenziare le responsabilità di Israele, Cacciari è tranchant: “Questa è la mentalità succube tipica dei provinciali, dei poveretti, di quelli che devono stare sempre con un padrone per poter sopravvivere. Ma scherziamo? Gli Usa, per esempio, sono pieni di intellettuali e di politologi – chiosa – che criticano la politica americana in Ucraina senza che ciò susciti il minimo scandalo. In Israele non ci sono forse forze politiche che hanno fatto una strenua battaglia contro le politiche di Netanyahu? Parliamo di grandi democrazie dove c’è chi contende radicalmente le politiche di quei governi, e soprattutto oggi quelle di Biden e di Netanyahu“.

da: il fattoquotidiano.it

Sorgente: Cacciari: “Bollare come amico di Hamas chi critica Israele è da poveretti provinciali che non sanno sopravvivere senza un padrone” – infosannio – notizie online