0 6 minuti 12 mesi

La Russia iniziail processo per prendere il pieno controllo dell ‘”impero globale” costruito dal leader del gruppo mercenario Wagner, ha riferito mercoledì il Wall Street Journal , riporta l’agenzia Anadolu .

Personaggi di spicco del Ministero degli Affari Esteri russo hanno contattato i governi di Siria, Repubblica Centrafricana e Mali, secondo il Journal .

Il rapporto afferma che il viceministro degli Esteri russo, Sergey Vershinin, è volato a Damasco per stabilire un contatto diretto con il presidente siriano, Bashar Al-Assad, esortandolo a impedire alle forze di Wagner di lasciare la Siria senza la supervisione di Mosca.

Una dichiarazione rilasciata dall’ufficio di Assad dopo l’incontro afferma che gli sviluppi riguardanti la presenza di Wagner in Siria sono stati discussi “alla luce dei recenti eventi”.

LEGGI: ​​Gli Stati Uniti accusano la Russia Wagner di fornire missili alle forze paramilitari sudanesi

Secondo due persone vicine all’argomento, alle forze di Wagner, che agiscono in gran parte in modo indipendente in Siria, è stato ordinato di recarsi in una base aerea nella città portuale siriana di Latakia sotto il controllo del Ministero della Difesa russo e hanno seguito questa istruzione.

I funzionari russi chiamano il presidente della Repubblica Centrafricana

La fase successiva dei tentativi del Cremlino di prendere il controllo di Wagner e di garantire la continuazione delle operazioni sostenute da Wagner in Africa è stata la Repubblica Centrafricana, secondo il Journal .

In questo contesto, i funzionari del ministero degli Esteri russo hanno tenuto conversazioni telefoniche con il presidente della Repubblica centrafricana, Faustin-Archange Touadera, le cui guardie del corpo personali includono mercenari Wagner.

In questi colloqui, i funzionari russi hanno assicurato che la crisi scoppiata sabato non ostacolerà le attività della Russia in Africa.

Il consigliere presidenziale per la sicurezza, Fidele Gouandjika, ha sottolineato che la questione Wagner è una questione interna della Russia e ha osservato che gli sviluppi non sono di grande importanza per il suo Paese.

“È rassicurante vedere che non è cambiato nulla. Se Mosca decide di richiamarli e mandarci Beethoven o Mozart, li prenderemo”, ha detto Gouandjika.

I jet russi volano in Mali

Jet appartenenti al ministero russo per le situazioni di emergenza hanno fatto la spola tra la Siria e il Mali per garantire la continuità della presenza del gruppo Wagner in Mali e per proteggere i suoi interessi nella regione.

In Mali, le forze Wagner supportate da aerei da guerra ed elicotteri russi hanno aiutato a combattere un’insurrezione dal 2012.

“Wagner ha aiutato la Russia ad aumentare la sua influenza, e il governo è riluttante ad arrendersi”, ha dichiarato J. Peter Pham, ex inviato speciale degli Stati Uniti per l’Africa Sahel.

Circa 6.000 membri del personale Wagner svolgono attività al di fuori della Russia e dell’Ucraina, dalla sicurezza privata e lo sminamento nella Repubblica Centrafricana, la cui guerra civile risale a 10 anni fa, alla difesa dei pozzi petroliferi e delle aree controllate dal governo in Siria.

Mentre gli Stati Uniti e i paesi occidentali hanno adottato varie misure per fermare le attività di Wagner e ridurre la sua influenza, questa settimana gli Stati Uniti hanno annunciato sanzioni contro le società aurifere con sede in Africa che Wagner avrebbe utilizzato per finanziare le sue operazioni in Ucraina.

LEGGI: ​​Wagner passa dall’ombra ai riflettori

Funzionari statunitensi hanno sottolineato che ulteriori sanzioni contro Wagner saranno annunciate nei prossimi giorni.

Rivolta del gruppo Wagner contro il dominio russo

Yevgeny Prigozhin, il fondatore della compagnia di sicurezza privata, ha accusato l’esercito russo di aver effettuato un attacco a Wagner e ha minacciato di vendicarsi.

I combattenti di Wagner lasciarono l’Ucraina ed entrarono nella città della Russia meridionale di Rostov sul Don.

Tra le tensioni, il Servizio di sicurezza federale russo (FSB) ha aperto un procedimento penale contro Prigozhin e i combattenti Wagner con l’accusa di “rivolta armata”.

Il presidente russo, Vladimir Putin, ha descritto la ribellione di Wagner come “tradimento”.

Prigozhin ha annunciato che sarebbero andati a Mosca e l’amministrazione del Cremlino aveva aumentato le misure di sicurezza in molte parti del paese.

È stato riferito che Prigozhin ha accettato la proposta del presidente bielorusso Alexander Lukashenko di allentare le tensioni in Russia. Prigozhin ha anche annunciato che avrebbero riportato indietro i loro convogli e sarebbero tornati ai campi secondo i piani.

Il Cremlino ha detto che il procedimento penale contro Prigozhin sarebbe stato chiuso e ha annunciato che il “leader ribelle” sarebbe andato in Bielorussia.

“Oggi hai l’opportunità di continuare a servire la Russia o di tornare dalla tua famiglia e dai tuoi amici, concludendo un contratto con il Ministero della Difesa o altre forze dell’ordine. Se vuoi, puoi andare in Bielorussia”, ha detto Putin in un discorso pubblico discorso televisivo del 26 giugno.

Sorgente: Russia begins efforts to seize full control of Wagner abroad: WSJ – Middle East Monitor