0 7 minuti 8 mesi

di Chen Qinhqing e Qi Xijia – Global Times

 

Dopo che la scorsa settimana la visita a Pechino del Segretario di Stato USA Antony Blinken, a lungo rimandata, ha riaperto il canale per gli scambi ad alto livello tra Stati Uniti e Cina, il Segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen starebbe pianificando una visita in Cina a luglio, in quanto gli addetti ai lavori ritengono che l’impegno economico ufficiale sia pronto ad assumere un ruolo centrale in mezzo all’inasprimento dei legami bilaterali, causato principalmente dall’errata percezione di Washington.

Il viaggio sarà probabilmente motivato dalle questioni legate al tetto del debito degli Stati Uniti, ma alcuni esperti cinesi hanno avvertito che, sebbene ci sia ancora una finestra di opportunità per riparare le relazioni tra Stati Uniti e Cina, essa non rimarrà aperta a lungo, quindi Washington deve fare mosse sincere piuttosto che creare nuovi problemi.

La Yellen ha in programma una visita a Pechino all’inizio di luglio per i primi colloqui economici di alto livello con il suo nuovo omologo cinese Liu Kun, ha riferito Bloomberg, citando persone che hanno familiarità con la questione. Il capo del Tesoro sarebbe il secondo funzionario statunitense a recarsi a Pechino dopo che le relazioni tra i due Paesi si sono inasprite all’inizio dell’anno.

Nel frattempo, un ordine esecutivo dell’amministrazione Biden che regolamenterebbe e potenzialmente taglierebbe alcuni investimenti statunitensi in Cina è in fase di completamento e, secondo l’articolo, i funzionari mirano a renderlo pronto già a fine luglio.

In qualità di macroeconomista professionista con un passato nella Federal Reserve statunitense, la Yellen è considerata un funzionario statunitense razionale con una visione meno da falco sulla Cina, in quanto comprende l’importanza della cooperazione bilaterale per l’economia statunitense, soprattutto perché i persistenti dazi dell’era Trump stanno danneggiando gravemente i consumatori USA e gli Stati Uniti stanno affrontando un’inflazione elevata e crescenti problemi di tetto del debito, hanno affermato gli esperti cinesi.

La Yellen, che in precedenza aveva espresso la volontà di visitare la Cina, in una recente testimonianza al Congresso ha anche invocato una relazione economica sana con la Cina, affermando che il disaccoppiamento con la Cina sarebbe un grosso errore. Ma in un discorso tenuto ad aprile ha sottolineato che la sicurezza nazionale viene prima di tutto, anche se ha un impatto sulle relazioni economiche con la Cina.

All’ora di stampa di martedì, il Ministero degli Esteri cinese non ha confermato questa visita. Ma Mao Ning, portavoce del ministero, ha dichiarato che “Cina e Stati Uniti sono in contatto per il dialogo e lo scambio a vari livelli”.

“La visita della Yellen è probabilmente motivata dalle preoccupazioni per il debito degli Stati Uniti”, ha dichiarato martedì al Global Times Gao Lingyun, esperto dell’Accademia cinese delle scienze sociali di Pechino.

Poiché gli Stati Uniti hanno alzato il tetto del debito, è necessario trovare acquirenti per il debito. Inoltre, potrebbero esserci discussioni sul rimborso del debito dei Paesi in via di sviluppo, che non possono essere risolte senza il coinvolgimento della Cina, ha osservato Gao.

All’inizio di giugno, il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato una legge che sospende il limite del debito nazionale, allora pari a 31.400 miliardi di dollari, fino al 1° gennaio 2025. I mercati hanno letto questo fatto come un preludio a una nuova ondata di emissioni obbligazionarie.

L’eventuale visita della Yellen arriverebbe dopo che Blinken ha concluso il suo viaggio di due giorni a Pechino la scorsa settimana, che è stato seguito con attenzione quando le relazioni bilaterali sono scese al punto più basso degli ultimi decenni. Sebbene alcuni esperti si aspettino che la visita della Yellen possa dare qualche risultato positivo in campo economico, hanno affermato che l’amministrazione Biden non cambierà la sua strategia di contenimento nei confronti della Cina, che ha sempre considerato il Paese come la principale componente strategica.

Sebbene l’aperta ostilità di Washington nei confronti di Pechino sia in qualche modo diminuita dopo la visita di Blinken, negli ultimi tempi ha continuato a provocare problemi, come la questione del fentanyl, il clamore per la presenza di una base spionistica cinese a Cuba e persino un feroce attacco al leader cinese, gettando delle ombre sui già complessi legami bilaterali.

‘Finestra di opportunità’ 

Dopo il consenso raggiunto dai due capi di Stato a Bali, in Indonesia, nel novembre 2022, i team commerciali delle due parti avrebbero dovuto dare seguito alla fase successiva degli scambi, ma non sono riusciti a farlo a causa delle interferenze dei funzionari diplomatici e della sicurezza nazionale, tra cui l’enfatizzazione dell’incidente del pallone aerostatico, ha dichiarato martedì al Global Times Lü Xiang, ricercatore presso l’Accademia cinese delle scienze sociali. “Dopo la visita di Blinken, le condizioni per il viaggio della Yellen in Cina sono mature”, ha dichiarato.

“Come economista professionista che sa quali sono i problemi degli Stati Uniti e comprende quanto sia importante una relazione stabile tra Stati Uniti e Cina per l’economia del Paese, la Yellen non si comporterebbe come quei funzionari statunitensi responsabili della diplomazia e della sicurezza che capiscono poco o nulla dell’economia cinese. Possiamo percepire l’urgenza della sua visita”, ha detto Lü.

Lunedì, il diplomatico cinese Wang Yi ha incontrato il presidente del Comitato nazionale per le relazioni tra Stati Uniti e Cina, Jacob Lew, ex segretario al Tesoro degli Stati Uniti, sottolineando che le radici delle difficoltà delle relazioni tra Cina e Stati Uniti risiedono nella grave deviazione della posizione degli Stati Uniti nei confronti della Cina, che ha portato a una serie di misure sbagliate contro la Cina.

Sorgente: Global Times – Il viaggio della Yellen in Cina è probabilmente motivato dalla questione del debito USA – OP-ED – L’Antidiplomatico