0 2 minuti 8 mesi

Il Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza di Milano, in un’inchiesta del pm Paolo Storari, ha eseguito un sequestro preventivo d’urgenza per quasi 48 milioni di euro nei confronti di Esselunga in un’indagine con al centro una presunta «somministrazione illecita di manodopera». È stata accertata, secondo l’accusa, «una complessa frode fiscale» col meccanismo dei «serbatoi di manodopera». Secondo quanto riferito in una nota della Procura di Milano, dalle indagini eseguite dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Milano con la collaborazione del Settore Contrasto Illeciti dell’Agenzia delle Entrate è emersa «una complessa frode fiscale caratterizzata dall’utilizzo, da parte della beneficiaria finale del meccanismo illecito, di fatture per operazioni giuridicamente inesistenti e dalla stipula di fittizi contratti di appalto per la somministrazione di manodopera in violazione della normativa di settore, che ha portato all’emissione e al conseguente utilizzo di fatture inesistenti per un ammontare complessivo di oltre 221 milioni di euro, più IVA superiore a 47 milioni di euro».

Sorgente: Esselunga, sequestrati quasi 48 milioni per frode fiscale. La Procura di Milano: «Sfruttamento sistematico dei lavoratori» – Open