0 4 minuti 10 mesi

La Resistenza palestinese continua i suoi attacchi di rappresaglia sparando una nuova raffica di razzi e missili contro gli insediamenti israeliani illegali vicino alla Striscia di Gaza.

Nelle prime ore di questo giovedì, i gruppi della Resistenza palestinese hanno lanciato una raffica di missili contro una base militare israeliana nella regione di Sufa, situata ad est della città palestinese di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza assediata, come riportato dal Canale del Qatar Al Jazeera .

I palestinesi continuano gli attacchi di rappresaglia con missili “più potenti”.

Secondo i media israeliani, le sirene dei raid aerei sono state attivate in tutto il sud di Israele e lo scudo antimissile ‘Iron Dome’ avrebbe intercettato alcuni razzi lanciati dalla Striscia di Gaza verso gli insediamenti.

Inoltre, l’esercito del regime occupante ha dichiarato che in meno di un’ora sono stati lanciati almeno 60 proiettili. Finora non sono state segnalate perdite umane o danni materiali.

In risposta, come ha precisato il corrispondente della catena libanese Al Mayadeen , gli aerei di occupazione hanno preso di mira una base militare della resistenza nella città di Khan Yunes (sud-est di Gaza), nonché abitazioni civili nella città palestinese di Beit Lahiya (a nord della Striscia assediata).

Sono già 22 i morti in due giorni di attacchi indiscriminati israeliani su Gaza
Inoltre, fonti dell’intelligence israeliana hanno affermato che un drone di quel regime ha attaccato la casa di uno dei leader della resistenza palestinese a Khan Youne
s.

I gruppi palestinesi insediati a Gaza, creando un fronte unito, hanno iniziato questo mercoledì mattina a colpire centinaia di missili e proiettili in diversi punti dei territori occupati, il che ha portato molti coloni a fuggire dalle loro case.

Gli attacchi sono una risposta ai bombardamenti indiscriminati effettuati da martedì dal regime israeliano contro l’enclave costiera che ha causato la morte di dozzine di palestinesi, tra cui donne, bambini e tre comandanti di alto rango della Jihad islamica palestinese.

Massiccio attacco israeliano in Cisgiordania e risposta della Resistenza
Secondo i media palestinesi, stamattina presto le forze israeliane hanno effettuato una serie di raid militari nelle città di Jenin, Nablus, Tulcarem e Tubas nella Cisgiordania occupata, ma la loro aggressione è stata respinta dai gruppi della Resistenza palestinese.

Le Brigate Al-Quds (Saraya Al-Quds), il ramo militare della Jihad islamica palestinese, hanno riferito di un feroce scontro con le truppe israeliane nel campo di Nur Shams a Tulcarem e della loro ritirata dall’assedio.

I rapporti indicano che le forze di occupazione, furiose per quanto accaduto, hanno dispiegato un bulldozer militare nella piazza del campo e hanno deliberatamente attaccato e danneggiato le auto dei residenti in risposta alla loro sconfitta da parte dei combattenti della Resistenza.
Gli scontri di oggi hanno lasciato un giovane palestinese martirizzato a Jenin e due soldati israeliani feriti a Tubas.

La Resistenza palestinese ha assicurato che Israele pagherà un prezzo elevato per i suoi attacchi alla Striscia di Gaza e ha promesso una “risposta dolorosa” ai crimini del regime .

Fonte: HispanTv

Traduzione: Luciano Lago

Sorgente: Razzi e missili della resistenza palestinese seminano il panico in Israele – controinformazione.info