0 5 minuti 1 anno

L’arresto di Imran Khan scatena il caos, non risolve i veri problemi del Paese, dice p. Mendes

di Shafique Khokhar

I sostenitori del Pakistan Tehreek-e-Insaf hanno dato fuoco a diverse proprietà dell’esercito. I militari sono stati schierati in due province. Almeno mille persone sono state arrestate. Diversi osservatori avvertono che la repressione potrebbe peggiorare le cose a causa della diffusa instabilità economica e politica.

Islamabad (AsiaNews) – Nonostante l’ex primo ministro pakistano Imran Khan sia comparso oggi davanti a un giudice, le proteste a suo favore sono continuate in tutto il Pakistan dopo il suo arresto di ieri.

I soldati sono stati schierati nella provincia orientale del Punjab, mentre le autorità provinciali di Khyber Pakhtunkhwa hanno scritto al governo federale chiedendo truppe.

Da ieri i sostenitori del Pakistan Tehreek-e-Insaf (PTI), guidato dal 70enne Imran Khan, continuano a ribellarsi, incendiando veicoli e vandalizzando proprietà governative e private, gridando slogan antimilitari.

A Lahore, una folla ha preso d’assalto la Lahore Corps Commander House. A Rawalpindi i manifestanti hanno assediato il quartier generale dell’esercito, mentre a Peshawar è stato incendiato l’edificio di Radio Pakistan .

La Pakistan Telecommunication Authority (PTA) ha dichiarato che i servizi Internet rimarranno sospesi fino a nuovo avviso.

Circa un migliaio di persone sono state arrestate in Punjab, ha annunciato la polizia locale, tra cui il segretario generale Pti Asad Umar.

Il primo ministro provvisorio del Punjab, Mohsin Naqvi, ha condannato fermamente gli atti di vandalismo da parte dei sostenitori del PTI, definendoli puro terrorismo piuttosto che espressione politica.

Nell’aprile dello scorso anno, Imran Khan è stato sostituito da Shahbaz Sharif come primo ministro dopo aver perso un voto di fiducia in parlamento. Per molti osservatori, la sua cacciata deriva dalla perdita di favore presso l’esercito pakistano, vera sede del potere nel Paese.

Khan, ex star del cricket, sarà processato per una dozzina di accuse di corruzione, che secondo lui sono politicamente motivate.

In particolare, il suo arresto di ieri segue le accuse secondo cui Khan e sua moglie hanno ricevuto un terreno del valore di milioni di dollari come tangente da uno sviluppatore immobiliare attraverso un ente di beneficenza.

La polizia ha annunciato che il signor Khan comparirà davanti a un tribunale speciale istituito presso il quartier generale della polizia dove è detenuto. Molti dei suoi sostenitori temono che in caso di condanna verrà definitivamente escluso dalla vita politica.

Già a marzo la polizia ha tentato di arrestare l’ex premier, ma è stata costretta a desistere dalla resistenza dei suoi sostenitori.

Dopo aver perso il voto di fiducia, Khan ha chiesto elezioni anticipate, poiché il sostegno a lui è aumentato notevolmente; secondo gli ultimi sondaggi, se le elezioni si tenessero ora, potrebbe ottenere circa il 60 per cento dei voti.

“Il Pakistan ha già abbastanza problemi senza l’arresto dell’ex primo ministro Imran Khan. Il suo arresto non fa che rendere le cose più difficili per le forze dell’ordine”, afferma ad AsiaNews p. Bonnie Mendes .

“Il Paese ha già un alto tasso di inflazione. Questa situazione non farà che peggiorare le cose. Chi soffre di più sono i poveri. Nessuno sembra preoccuparsi per loro”, ha aggiunto.

In linea di principio, “i politici entrano in politica per servire i poveri ma fanno tutto il resto tranne servire i poveri. Il governo dovrebbe intraprendere azioni concrete per proteggere i suoi cittadini e le loro proprietà”.

Naveed Walter, presidente di Human Rights Focus Pakistan (HRFP), avverte che “le violazioni durante gli attacchi potrebbero trasformarsi in una serie inarrestabile di violenze”.

Per lui “Il saccheggio di banche e negozi, l’incendio di veicoli e proprietà, la chiusura delle scuole e il rinvio degli esami hanno colpito la società” e “I pochi omicidi finora sono scioccanti e tristi”.

Invece, “dovrebbe esserci una soluzione pacifica attraverso il dialogo tra i partiti politici piuttosto che l’uso del potere statale contro gli oppositori. Il Paese è nella sua peggiore crisi economica e l’instabilità politica potrebbe peggiorare le cose per la gente comune”, ha aggiunto.

Sorgente: PAKISTAN L’arresto di Imran Khan scatena il caos, non risolve i veri problemi del Paese, dice p. Mendes


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Rispondi