0 1 minuto 1 anno

di Claudio Paudice

Nel Documento diffuso dal Tesoro, ritornano gli avanzi primari e la politica di bilancio “neutrale”. Prende forma il “sentiero stretto” coniato dall’ex ministro Padoan, e allora criticato da Lega e FdI. Nessuna traccia dello choc fiscale promesso in campagna elettorale, solo spiccioli sul cuneo e un inno all’austerity

13 Aprile 2023 alle 20:25

Il ritorno agli avanzi primari, nessuna risorsa per i rinnovi contrattuali contro l’inflazione, l’uscita graduale ma costante dalle misure di sostegno per il caro energia e il caro carburanti, e un taglio del cuneo fatto col contagocce. Il Documento di Economia e Finanza, il primo varato dal Governo guidato da Giorgia Meloni, è un inno al rigore fiscale e al contenimento della spesa pubblica.

…. continua

Sorgente: Rigore netto. Tagli, meno aiuti e niente aumenti contrattuali: il primo Def di Meloni (di C. Paudice) – HuffPost Italia