0 2 minuti 1 anno

Citando i documenti del Pentagono, il New York Times ha riferito che l’Occidente non ha consegnato i carri armati, le munizioni di artiglieria e altri rifornimenti di cui l‘Ucraina aveva bisogno per l’offensiva di primavera contro la Russia. Ha inoltre rivelato che i pianificatori militari statunitensi stimavano che Kiev avrebbe avuto bisogno di 253 carri armati per l’imminente assalto, ma solo 200 erano stati radunati alla fine di febbraio.

L’Occidente sta lottando per mantenere il suo impegno di fornire all’Ucraina carri armati, sistemi di difesa aerea, aerei da combattimento e altre armi, ha affermato il giornale. Al 28 febbraio, tre brigate ucraine che si preparavano all’attacco erano a corto di “almeno una dozzina di carri armati ciascuna”.

Secondo quanto riferito, Washington ha accelerato la consegna dei 31 carri armati M1 Abrams promessi all’Ucraina, ma presumibilmente non saranno pronti prima della fine di quest’anno. Sono già arrivati ​​una dozzina di carri armati britannici Challenger 2, mentre la maggior parte dei carri armati Leopard di fabbricazione tedesca sono ancora in fase di ristrutturazione.

La fornitura di proiettili di artiglieria da 155 millimetri a Kiev è scesa al 1° marzo a 9.800, ma gli Stati Uniti ne hanno consegnati altri 30mila nei successivi 12 giorni. A questo punto, ha osservato il Times, l’appetito ucraino per le munizioni di artiglieria è “essenzialmente illimitato” mentre l’industria dell’Ue e degli Stati Uniti “avranno bisogno di anni per soddisfare la domanda”.

Secondo l’agenzia, gli Stati Uniti hanno solo “offerto” all’Ucraina bombe di piccolo diametro lanciate da terra [GLSDB], che hanno una portata di circa 140 km. Nel frattempo, ci sono state segnalazioni di GLSDB già in uso e intercettate dalle difese aeree russe.

di Redazione ( Il Faro sul Mondo ) 

Sorgente: Occidente non riesce a rifornire l’Ucraina – Il Faro sul Mondo