Giovane diabetico 34enne muore un’ora dopo la quinta dose. Il Ministero della Salute: “Stiamo indagando” – eVenti Avversi

Giovane diabetico 34enne muore un’ora dopo la quinta dose. Il Ministero della Salute: “Stiamo indagando” – eVenti Avversi
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Ogur soffriva di diabete ma la sua situazione era sotto controllo ed era monitorato dal medico di famiglia. Aveva ricevuto quattro dosi, ma come molti si era ammalato di covid in passato. Quando voleva fare la quinta, circa un mese e mezzo fa, si è ammalato per la seconda volta, quindi il medico di famiglia gli ha consigliato di aspettare.Aveva preso appuntamento per la dose per lui e per la mamma il 5 gennaio. All’ultimo minuto la madre non è potuta andare e Moshe è andato da solo intorno alle 12:00 per ricevere il quinto v. Circa un’ora dopo è crollato ed è morto. Il suo funerale si è tenuto domenica scorsa e la sua famiglia ha difficoltà ad accettare la tragedia che l’ha colpita.Guarda anche-20 kg in un mese! Impossibile? No, basta solo fare questoKeton AktivÈ stata trovata la migliore medicina per la pressione altaCardioBalanceUn cucchiaio a stomaco vuoto brucia 4 kg in una settimanaKeton AktivSponsorizzato daDice sua madre Malka. “Erano le 12:00. Dopo 15 minuti ha chiamato di nuovo e mi ha detto che non si sentiva bene e che la sua pressione era aumentata e aveva anche vomitato. Gli ho detto di riposare perché poteva essere stato eccitato da qualcosa. Dopo 20 minuti ha chiamato di nuovo e ha detto che aveva un battito cardiaco accelerato e lo hanno riscontrato in un esame. Aveva riferito a sua madre che lo stavano trasferendo di urgenza al Kaplan Hospital“. Da quel momento inizia una catena di eventi che solleva molti interrogativi in ​​famiglia.“Dal momento in cui Moshe non si è sentito bene, ha aspettato più di un’ora finché non lo hanno soccorso. Mi ha chiamato più volte durante quell’ora. L’ambulanza è arrivata solo dopo mezz’ora, e poi Moshe ha chiamato e mi ha detto che avevano fatto un errore con l’ambulanza e per sbaglio ne avevano inviata una che non era di terapia intensiva, cioè un’ambulanza bianca invece di una gialla. Solo dopo altri 20 minuti è arrivata un’ambulanza di terapia intensiva, ma aveva già perso conoscenza. Era morto! Se lo avessero soccorso in tempo, ora sarebbe vivo”, si lamenta Malka in lacrime. “Mi hanno portato via mio figlio, la pupilla dei miei occhi, la mia anima. Perché l’avete lasciato aspettare? La normale ambulanza avrebbe dovuto portarlo subito in ospedale e loro lo avrebbero salvato. Quando ho chiamato dopo un’ora non mi ha più risposto. Ho chiamato la clinica, l’infermiera mi ha risposto e mi ha detto che Moshe non si era sentito bene e che stavano praticando manovre di rianimazione su di lui e che dovevamo andare lì, anche se non mi hanno chiamato per informarmi che era svenuto.’“Come può essere che proprio quando ha ricevuto il v. improvvisamente non si è sentito bene?” chiede S., un caro amico di famiglia: “Il giorno prima Moshe ha giocato con i suoi nipoti, per qualche ora, è uscito con loro e si sentiva benissimo.”Dopo la sua morte, i media hanno affermato che soffriva di altre patologie. Ma la famiglia insiste sul fatto che soffrisse solo di diabete e colesterolo alto. I suoi parenti spiegano che ogni tre mesi faceva un test dello zucchero e ogni tanto doveva iniettarsi l’insulina. “Il diabete era molto ben compensato e Moshe è stato sempre attentamente monitorato dal medico di famiglia, non ci sono state complicazioni con la malattia”, spiega Malka. “Aveva anche fegato grasso e colesterolo abbastanza alto e il medico di famiglia gli aveva dato una dieta, il colesterolo è rimasto stabile e non è peggiorato. Moshe non aveva malattie cardiache, non aveva problemi cardiaci”.“Subito dopo la morte di Moshe, la figlia di mio fratello mi ha detto che era importante chiedere l’autopsia. Abbiamo deciso di inviare il corpo all’istituto di medicina legale Abu Kabir di Tel Aviv, ma ci vorranno 3 mesi per completare l’autopsia. Aspetterò e pubblicherò la verità. C’è una sequenza di eventi molto sconcertante qui. Ha iniziato a sentirsi male subito dopo la v. – come mai? È vero, non riesco ad avere nulla di certo, ma anche il soccorso è stato ritardato di un’ora. Ma aspetterò l’autopsia, ho promesso a Moshe sulla tomba al funerale che avrei portato alla luce la giustizia. Non voglio che questo accada ad altre famiglie”, conclude la madre.Il corpo di Ogur è stato esaminato presso l’Istituto di Medicina Legale lo scorso fine settimana e il Ministero della Salute continua ad indagare sulle circostanze della sua morte.La clinica Clalit ha risposto: “Condividiamo il dolore della famiglia. Immediatamente dopo l’arrivo del paziente e la sua denuncia del malessere, il personale ha immediatamente intrapreso tutte le azioni mediche richieste dalla sua condizione. Sfortunatamente, tutti gli sforzi non hanno avuto successo. Prendiamo atto che i funzionari autorizzati stanno indagando sull’incidente e aspetteremo la fine delle indagini.’Il portavoce della servizi di soccorso Zachi Heller ha risposto: “Il call center ha ricevuto una chiamata per un uomo di 35 anni che non si sentiva bene dopo aver ricevuto una v. presso la clinica Clalit a Nes Ziona. Il team è arrivato entro 12 minuti

Sorgente: Giovane diabetico 34enne muore un’ora dopo la quinta dose. Il Ministero della Salute: “Stiamo indagando” – eVenti Avversi

Spread the love
seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

ken sharo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: