0 4 minuti 1 anno

Povero come quello narrato in “Canto di Natale”, nella parte che precede la conversione del tirchio Scrooge. Una ricerca diffusa oggi dice che il 19% degli inglesi mangia poco, un quarto non può permettersi il riscaldamento

Si profila, per i britannici, un Natale difficile, povero come quello narrato da Dickens in “Canto di Natale”, nella parte di racconto che precede la conversione del tirchio Scrooge. Fame e freddo, in sostanza, e sono le statistiche che fioccano da qualche settimana a questa parte a dirlo. Allarmi ripetuti da quando il numero delle persone che fa fatica a fare la spesa e a pagare le bollette di gas e luce ha raggiunto una percentuale impressionante. Una condizione destinata a peggiorare, le previsioni meteo dicono che nelle prossime ore buona parte della Gran Bretagna toccherà i 18 gradi sotto lo zero.

L’ultima ricerca, diffusa in queste ore, indica addirittura che un gran numero di inglesi sta già avendo grosse difficoltà di sostentamento. Tra il 22 novembre e il 4 dicembre, prima cioè dell’ultima ondata di freddo, il 19% degli adulti ha riferito di aver consumato porzioni di cibo più piccole a causa dell’aumento del costo della vita, mentre il 17% ha dichiarato di consumare cibo oltre la data di scadenza. Una persona su sei si è detta preoccupata che il cibo finisca prima di avere i soldi per comprarne altro, e il 6% ha dichiarato che la propria famiglia resta con il frigorifero vuoto per diversi giorni. Due terzi degli intervistati ha riferito di utilizzare meno gas ed elettricità, il 96% di questi ha scelto di evitare del tutto il riscaldamento.

Sarah Coles, analista senior di finanza personale Hargreaves Lansdown, ha dichiarato: “Milioni di persone affronteranno un Natale decisamente dickensiano, costrette a sfidare il freddo e la fame e ad affrontare le crescenti preoccupazioni su come possano provvedere alla propria famiglia. In tantissimi sono stati costretti semplicemente a spegnere il riscaldamento e ad affrontarne le conseguenze, che per qualcuno possono essere gravi, pensiamo ad esempio ai fragili e ai malati”.

Il governo britannico ha messo in campo alcune iniziative per aiutare le persone in difficoltà. “Se stai lottando, non ci sono risposte facili, ma è fondamentale vedere se c’è qualche aiuto extra che puoi ottenere” aggiunge Coles, suggerendo ai cittadini di controllare se possono “fare domanda per qualsiasi sussidio basato sul reddito, che non solo porterà un po’ di denaro extra, ma aprirà la porta ad altra assistenza, tra cui aiuti forfettari da parte del governo, e darà l’accesso al programma di sconti per il riscaldamento”.

“Se le bollette energetiche stanno causando incubi- continua Coles- controlla se il tuo fornitore offre supporto o, in caso contrario, se puoi ottenere aiuto dal British Gas Energy Support Fund, non devi essere un loro cliente per averlo. Potresti anche essere in grado di ricevere un pagamento dal fondo per le difficoltà del tuo consiglio locale”.

Il sostegno del governo include la garanzia del prezzo dell’energia, che limita i costi energetici.

Sorgente: Per i britannici si profila un Natale “dickensiano”: si soffrirà di fame e di freddo