There is no alternative to the Palestinian struggle – Middle East Monitor

There is no alternative to the Palestinian struggle – Middle East Monitor

17 Novembre 2022 0 Di ken sharo
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Non c’è alternativa alla lotta palestinese

Itamar ben Gvir (sinistra) e Bezalel Smotrich (destra) alla Knesset (parlamento israeliano) a Gerusalemme, il 15 novembre 2022, membri della Knesset di destra israeliana [ABIR SULTAN/POOL/AFP via Getty Images]
condividi questo pulsante di condivisione

Il primo ministro eletto israeliano Benjamin Netanyahu non permetterà ai suoi alleati della coalizione del partito di estrema destra del sionismo religioso, Bezalel Smotrich e Itamar Ben-Gvir, di metterlo in imbarazzo o superarlo in termini di lealtà al progetto coloniale espansionista.

Non lascerà che sembrino più israeliani di lui in termini di espansione, crescita degli insediamenti e ancora più radicamento dell’occupazione; o nell’affermare che la Cisgiordania palestinese non è né palestinese, né araba né occupata, ma è “Giudea e Samaria” e parte dello stato coloniale sionista di Israele, che ha una Gerusalemme unita come capitale coloniale. Inoltre, non li lascerà andare avanti con alcuna azione estrema che suggerisca che stanno facendo qualcosa che non vuole.

Netanyahu è il “re di Israele” agli occhi della comunità internazionale; è stato primo ministro più a lungo di tutti i suoi predecessori. Vuole poter svolgere i suoi doveri senza essere messo in imbarazzo da Smotrich e Ben-Gvir, o da chiunque altro, davanti agli americani, agli europei e agli stati arabi che hanno normalizzato i rapporti con lo stato di occupazione attraverso gli Accordi di Abramo. Deve essere il top dog, non loro.

LEGGI: ​​I generali israeliani si rifiutano di avere Smotrich come ministro della Difesa

Ha ritardato la formazione del suo nuovo governo per rafforzare la sua posizione negoziale con i partiti religiosi di estrema destra inviando messaggi al primo ministro uscente Yair Lapid, leader di Yesh Atid con 24 seggi in Parlamento; Benny Gantz, leader della lista State Camp, che conta 14 deputati in parlamento; e ad Avigdor Lieberman, capo di Yisrael Beiteinu, con sei seggi alla Knesset. Lo scopo è far sapere ai leader del sionismo religioso che ha delle alternative se non rispondono adeguatamente agli interessi comuni che li accomunano. Ciò che è certo, tuttavia, è che non è seriamente intenzionato ad allearsi con il suo partito Likud con nessun altro, tranne quelli che erano con lui nell’estrema destra durante la campagna elettorale, tra cui il sionismo religioso, lo Shas guidato da Aryeh Deri e il giudaismo della Torah unita. guidato da Moshe Gafni.

Lo stesso Netanyahu è l’epitome dell’estremismo. Sotto la sua sorveglianza sono stati costruiti e ampliati insediamenti illegali; La terra palestinese è stata sequestrata; e la pulizia etnica è continuata con espulsioni, uccisioni, fame e instabilità. La struttura dell’Autorità palestinese si è gradualmente indebolita tanto da perdere valore, influenza e coesione, e rafforzare la divisione politica all’interno della società palestinese.

È stato Netanyahu a dire alla conferenza del Likud, quando è stato criticato per aver consentito l’invio di denaro ad Hamas, che “chiunque sia contrario a uno stato palestinese dovrebbe essere favorevole al trasferimento di fondi a Gaza, perché mantenere una separazione tra l’AP in Cisgiordania e Hamas a Gaza aiuta a impedire la creazione di uno stato palestinese”. Non vorrebbe altro che vedere un’Autorità palestinese a Ramallah prigioniera del coordinamento della sicurezza, e un’altra autorità de facto a Gaza, prigioniera della tregua di sicurezza.

LEGGI: ​​Gli Stati Uniti chiedono a Netanyahu di non dare lavoro di difesa all’estremista Smotrich

Non importa chi guida lo stato coloniale: Netanyahu, Lapid, Gantz, Smotrich o anche Ben-Gvir; sono tutti uguali alla fine della giornata. C’è solo un modo per rispondere a loro: la lotta palestinese, per la quale non c’è alternativa.

Questo articolo è apparso per la prima volta in arabo su  Addustour  il 16 novembre 2022

Sorgente: There is no alternative to the Palestinian struggle – Middle East Monitor

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot