I membri europei della NATO, tesi ad aiutare l’Ucraina, perdono la fiducia negli Stati Uniti – Global Times

I membri europei della NATO, tesi ad aiutare l’Ucraina, perdono la fiducia negli Stati Uniti – Global Times
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Pubblicato: 29 novembre 2022 00:32

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg parla durante una conferenza stampa in vista della riunione dei ministri della Difesa dell’alleanza presso la sede della NATO a Bruxelles il 15 marzo 2022. Foto: AFP

Uno dei motivi principali per cui l’Ucraina può resistere al conflitto in corso con la Russia fino ad oggi è la continua assistenza della NATO. Tuttavia, i funzionari della NATO nei giorni scorsi hanno riconosciuto che i membri europei del blocco stanno incontrando difficoltà nell’aiutare l’Ucraina. Una tale circostanza può aiutare la crisi ucraina a inaugurare l’alba dei colloqui di pace?

In un’intervista al quotidiano tedesco Welt am Sonntag, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha ammesso che il sostegno militare e finanziario dei paesi occidentali a Kiev sta costando caro alle loro società. “L’aumento delle bollette alimentari ed energetiche significa tempi difficili per molte famiglie in Europa”, ha affermato. Tuttavia, i paesi europei dovrebbero continuare a fornire forniture militari a Kiev nonostante il prezzo, perché “il modo migliore per mantenere la pace è sostenere l’Ucraina”, ha continuato.

Allo stesso modo, un articolo del New York Times di sabato, intitolato “USA e NATO si affrettano ad armare l’Ucraina e riempire i propri arsenali”, ha citato un funzionario della NATO che ha affermato che in termini di fornitura di armi all’Ucraina, i paesi più piccoli hanno esaurito il loro potenziale, con 20 dei suoi 30 membri “abbastanza sfruttati”. Ma i restanti 10 possono ancora fornire di più, ha suggerito, soprattutto alleati più grandi. 

Nonostante la retorica, la NATO stia al passo con gli Stati Uniti nel fornire aiuti all’Ucraina, gli stati membri della NATO, specialmente quelli in Europa, stanno mostrando segni di esaurimento. I paesi europei sono davvero i più colpiti dalla crisi Russia-Ucraina e hanno pagato un prezzo enorme per fornire aiuto all’Ucraina, non solo consumando gli armamenti esistenti, ma anche soffrendo per le bollette energetiche alle stelle e per l’inflazione decennale. In molti paesi europei, il sostegno pubblico per continuare ad aiutare l’Ucraina è fragile. A giudicare dalla difficile situazione dell’Europa di oggi, è difficile per i membri europei della NATO sostenere gli aiuti all’Ucraina.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, che guidano il blocco, all’indomani delle elezioni di medio termine, con i repubblicani che prenderanno il controllo della Camera dei Rappresentanti, l’incentivo di Washington a offrire aiuti all’Ucraina sarà notevolmente ridotto.

“Si ritiene che i funzionari della NATO, Stoltenberg in particolare, incontreranno presto crescenti pressioni. Anche se ha esortato i paesi europei a continuare a fornire rifornimenti all’Ucraina, a giudicare dalla situazione attuale dei paesi europei, se continuano, sarà un peso insopportabile per se stessi. Tale assistenza non è certamente sostenibile “, ha dichiarato al Global Times Lü Xiang, esperto di studi statunitensi e ricercatore presso l’Accademia cinese delle scienze sociali.

Non solo l’Ucraina, ma anche l’Europa dovrà affrontare un inverno molto difficile e impegnativo. I leader dei paesi europei non vogliono che questi problemi persistano poiché li tratterrà nell’ottenere più sostegno alle elezioni.

Di conseguenza, il forte calo della NATO nell’aiutare l’Ucraina è uno scenario probabile, con forniture che si mantengono solo a un livello simbolico. Successivamente, la NATO o i paesi europei potrebbero avviare negoziati con la Russia, nel tentativo di placare la crisi e far tornare il popolo dell’Ucraina e dell’Europa a una vita relativamente normale, ha osservato Lü.

La probabilità di negoziati di pace con la Russia dipende da come gli Stati membri della NATO negoziano con gli Stati Uniti. Il presidente francese Emmanuel Macron potrebbe anche discutere la questione con il suo omologo statunitense Joe Biden durante la sua visita negli Stati Uniti questa settimana.

Poiché la NATO è un gruppo militare dominato da Washington, la retorica dei funzionari della NATO in realtà rappresenta maggiormente gli interessi di Washington. Le parole dei funzionari della NATO nell’invitare gli stati europei a continuare ad aiutare l’Ucraina nonostante le loro difficoltà potrebbero ulteriormente allargare il divario tra Stati Uniti ed Europa.

La contraddizione tra Stati Uniti ed Europa è diventata evidente. I paesi europei sono delusi dal fatto che gli Stati Uniti vendano loro energia a prezzi alle stelle sullo sfondo della crisi energetica. E l’Inflation Reduction Act di Washington ha gravemente danneggiato gli interessi dell’Europa.

Alcuni politici in Europa hanno già visto chiaramente che gli Stati Uniti sperano di trascinare la Russia, indebolire l’Europa e rafforzare la dipendenza dell’Europa dagli Stati Uniti, in modo da mantenere la loro egemonia in Europa approfittando della crisi ucraina, che di fatto sta sacrificando gli interessi degli alleati. Ciò indurrà i paesi europei a comprendere meglio che gli Stati Uniti sono inaffidabili e ridurrà la coesione all’interno della NATO.

Sorgente: I membri europei della NATO, tesi ad aiutare l’Ucraina, perdono la fiducia negli Stati Uniti – Global Times

Spread the love
seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

ken sharo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: