Il divieto del Mali di tutte le ONG finanziate dalla Francia difenderà la sua democrazia dall’ingerenza di Parigi – Marx21

Il divieto del Mali di tutte le ONG finanziate dalla Francia difenderà la sua democrazia dall’ingerenza di Parigi – Marx21
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Il divieto del Mali di tutte le ONG finanziate dalla Francia difenderà la sua democrazia dall’ingerenza di Parigi

di Andrew Korybko

da https://korybko.substack.com

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

Il governo di transizione del Mali ha appena vietato tutte le ONG finanziate dalla Francia come parte della sua ultima mossa di “sicurezza democratica”, questo concetto si riferisce all’ampia gamma di tattiche e strategie di controguerra ibrida per difendere i modelli nazionali di democrazia dalle minacce straniere. In questo caso, Bamako si è finalmente resa conto che i gruppi legati finanziariamente al suo ex colonizzatore funzionano in realtà come quinte colonne per organizzare una Rivoluzione Colorata e addestrare i terroristi a condurre una guerra non convenzionale.

I legami tra Mali e Francia si sono deteriorati da quando l’anno scorso sono saliti al potere elementi antimperialisti e multipolar-patriottici delle forze armate del Paese dell’Africa Occidentale, con una tendenza che si è accelerata nel corso dell’estate, dopo che la leadership militare ha iniziato a respingere con forza tutte le forme di neo-imperialismo. Diventando pionieri regionali, hanno scatenato l’ira dell’egemone in declino, che a sua volta ha cercato di destabilizzarli appoggiando gli stessi gruppi terroristici che Parigi aveva combattuto in precedenza.

Negli ultimi mesi Macron si è arrabbiato a tal punto da insultare due volte gli africani in modo molto razzista, nel disperato tentativo di screditare la leadership di transizione di quel Paese, per poi essere rimesso al suo posto proprio da queste dirigenze. Ciò ha ulteriormente rafforzato le credenziali antimperialiste e multipolar-patriottiche del Mali, mettendo così in moto la rapida e completa espansione delle sue relazioni strategiche con la Russia, culminata col sostegno da parte di Mosca all’agricoltura e alla “sicurezza democratica”.

Il leader de facto del Movimento Rivoluzionario Globale (GRM) si è impegnato in precedenza ad aiutare tutti i suoi partner africani a completare i loro processi di decolonizzazione e, poiché il Mali è un pioniere africano in questo senso, ne consegue che il Cremlino è desideroso di trasformarlo in un esempio positivo per tutti. A tal fine, le nuove relazioni mirano non solo a difendere la democrazia del Mali da tutte le minacce della guerra ibrida sostenuta dalla Francia, ma anche a trasformare il Paese in un faro di influenza regionale anti-imperialista.

Axios ha esposto il mese scorso i piani della Francia per respingere la Russia nella sua ex “sfera di influenza” coloniale, che si basa su narrazioni di guerra dell’informazione guidate dal gas, sostenendo che Mosca e non Parigi è presumibilmente la fonte di tutti i problemi degli africani. Quell’approccio controfattuale e manipolativo ha screditato i piani della Francia fin dall’inizio e ha mostrato quanto sia disperato aggrapparsi alla sua egemonia in declino nello stesso continente in cui era solita esercitare un dominio senza precedenti.

Il ruolo dell’Africa nella nuova guerra fredda si sta purtroppo delineando come un campo di battaglia tra il ‘Miliardo d’Oro’ dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti, di cui la Francia è un “junior partner”, e il Sud del Mondo guidato congiuntamente dai BRICS e dalla SCO, dove la Russia esercita una leadership influente, con questi due blocchi de facto che si scontrano per procura in tutto il continente sulla direzione della transizione sistemica globale. Il primo vuole ritardare indefinitamente il declino dell’unipolarismo, mentre il secondo vuole accelerare l’evoluzione verso il multipolarismo.

Nel perseguire i rispettivi obiettivi, la Francia vuole mantenere il dominio neo-imperiale sulla sua ex “sfera d’influenza” coloniale, mentre il Presidente Putin ha spiegato, durante il suo discorso al Valdai Club alla fine del mese scorso, che la Russia vuole aiutare tutti i Paesi africani a rafforzare in modo completo la loro sovranità. La competizione sempre più tesa in Mali ha già tutti i tratti di una guerra per procura in corso, soprattutto perché questo Stato in posizione geostrategica è uno Stato guida regionale.

Il crollo del suo governo di transizione antimperialista e multipolare-patriottico di fronte all’incipiente guerra ibrida del terrore della Francia potrebbe condannare il resto dell’Africa occidentale a languire per un futuro indefinito. Al contrario, la sua resistenza assistita dai russi costituirebbe un potente esempio per i suoi vicini, che potrebbe ispirare gli elementi più affini delle loro forze armate a seguirne l’esempio per liberare il loro popolo dal giogo di Parigi, come sembrano essere pronti a fare quelli del Burkina Faso.

Il futuro del Mali ha quindi un’importanza sproporzionata nel determinare i contorni della lotta per procura della Nuova Guerra Fredda tra la Francia del ‘Miliardo d’Oro’ e la Russia del Sud del Mondo in Africa. La leadership pionieristica del Paese è consapevole del proprio ruolo in questo grande contesto strategico e si è quindi saggiamente mossa per difendere ulteriormente la propria democrazia vietando tutte le ONG finanziate dalla Francia. Se da un lato questo ridurrà la probabilità di minacce latenti della Rivoluzione Colorata, dall’altro potrebbe provocare un raddoppio del terrorismo da parte di Parigi.

Alla luce di ciò, sarebbe prematuro dichiarare che il Mali è riuscito a liberarsi dal giogo neocoloniale della Francia con questa sola mossa, anche se non c’è dubbio che abbia appena compiuto un importante balzo in quella direzione. Si prevede che le minacce collegate alla Francia si moltiplicheranno presto, poiché Parigi cerca di punire Bamoko per aver creato un precedente regionale in base al quale altri Stati dell’Africa occidentale potrebbero essere ispirati a seguirne l’esempio, mettendo al bando anche gli agenti di guerra ibrida mascherati da ONG dell’egemone in declino.

In prospettiva, queste prevedibili minacce terroristiche serviranno probabilmente a catalizzare ulteriormente l’espansione globale delle relazioni strategiche con la Russia, con un’attenzione particolare alla cooperazione in materia di “sicurezza democratica” in tutti gli ambiti. Questo, a sua volta, spingerà la Francia a dare priorità alle sue operazioni di guerra d’informazione guidate dal gas contro questi due Paesi, oltre a raddoppiare l’addestramento di altri terroristi, ponendo così probabilmente le basi per un’importante lotta per procura della Nuova Guerra Fredda in Africa Occidentale, prima di quanto si possa pensare.

Unisciti al nostro canale teleg

Sorgente: Il divieto del Mali di tutte le ONG finanziate dalla Francia difenderà la sua democrazia dall’ingerenza di Parigi – Marx21

Spread the love
seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

ken sharo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: