0 4 minuti 2 anni

I documenti ottenuti da The Grayzone rivelano i piani di una cellula di figure dell’intelligence militare britannica per organizzare e addestrare un esercito “partigiano” ucraino segreto con istruzioni esplicite per attaccare obiettivi russi in Crimea.

Il 28 ottobre, un attacco di droni ucraini ha danneggiato la nave ammiraglia della flotta russa del Mar Nero nel porto di Sebastopoli in Crimea. Mosca ha immediatamente incolpato la Gran Bretagna per aver assistito e orchestrato lo sciopero, oltre che per aver fatto saltare in aria gli oleodotti del Nord Stream – i peggiori atti di sabotaggio industriale di recente memoria.

Il ministero della Difesa britannico ha risposto con una sfacciata smentita , bollando le accuse come “false affermazioni di portata epica”. Chiunque fosse dietro quegli attacchi specifici, i sospetti di una mano nascosta britannica nella distruzione non sono infondati. La Grayzone ha ottenuto documenti trapelati che descrivono in dettaglio gli agenti dell’intelligence militare britannica che firmano un accordo con il servizio di sicurezza della filiale ucraina di Odessa, per creare e addestrare un esercito terroristico partigiano ucraino segreto.

I loro piani prevedevano che l’esercito segreto conducesse operazioni di sabotaggio e ricognizione contro la Crimea per conto del Servizio di sicurezza ucraino (SSU), esattamente il tipo di attacchi a cui si è assistito nelle ultime settimane.

Come riportato in precedenza da The Grazyone , lo stesso gruppo di agenti dell’intelligence militare era responsabile dell’elaborazione di piani per far saltare in aria il ponte di Kerch in Crimea. Quell’obiettivo è stato raggiunto l’8 ottobre sotto forma di un attentato suicida con un camion, disabilitando temporaneamente l’unico punto di collegamento tra la Russia continentale e la Crimea e innescando una grande escalation negli attacchi di Mosca alle infrastrutture ucraine.

Questi progetti sono stati prodotti da un veterano militare di nome Hugh Ward, su richiesta di Chris Donnelly, un agente dell’intelligence militare britannico noto per aver ideato il programma segreto di guerra dell’informazione Integrity Initiative finanziato dal Foreign Office.

I piani sono stati diffusi attraverso la rete transnazionale privata di Donnelly di funzionari militari, legislatori e funzionari dell’intelligence. Tali connessioni di alto livello sottolineano che è tutt’altro che un osservatore passivo in questo conflitto. Ha usato la sua posizione e i suoi contatti per assicurarsi le risorse necessarie per addestrare il battaglione di sabotatori segreti al fine di attaccare obiettivi russi in Crimea. Questa strategia di distruzione farà sicuramente intensificare la guerra e ridurrà qualsiasi slancio verso i negoziati.

Definito “sostegno alle operazioni di raid marittimo”, l’ assalto pianificato alla Crimea mira a “degradare” la capacità della Russia di bloccare Kiev, “erodere” la “capacità di combattimento” di Mosca e isolare le forze terrestri e marittime russe in Crimea “negando il rifornimento via mare e via terra via Kerch.

Sorgente: Documenti trapelati: spie britanniche che costruiscono un esercito segreto del terrore in Ucraina – The Greyzone


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.