0 4 minuti 2 anni

di Andrew Korybko

da https://oneworld.press

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

Il conflitto ucraino, che in realtà è una guerra per procura della NATO guidata dagli Stati Uniti contro la Russia che si svolge all’interno e attraverso l’ex Repubblica sovietica, si sta avviando verso uno stallo militare. Questa osservazione si basa sulla probabilità che la parziale mobilitazione di riservisti da parte della Russia finisca per stabilizzare la linea di controllo (LOC) tra le regioni recentemente riunificate di Mosca in Novorossia e i suoi avversari sostenuti dalla NATO ma fronteggiati dall’Ucraina.

Non si prevedono grandi passi avanti da entrambe le parti. La NATO è in grado di evitarlo, continuando a investire infinite risorse nei suoi proxy, mentre Mosca può ricorrere alle armi nucleari tattiche per autodifesa come ultima risorsa assoluta per difendere la propria integrità territoriale. Per questi motivi, la LOC rimarrà probabilmente più o meno la stessa, con solo piccole revisioni che potrebbero al massimo portare la Russia a estendere il suo mandato ai confini amministrativi delle sue quattro regioni.

Dato che questo risultato non soddisferebbe gli obiettivi dichiarati dalla Russia all’inizio della sua operazione speciale riguardo alla smilitarizzazione, alla denazificazione e alla neutralità militare dell’Ucraina, per non parlare della piena liberazione del Donbass, è comprensibile che la maggior parte degli osservatori concluda che uno stallo militare equivale a una perdita strategica per la Russia. C’è anche un’altra ragione per questa opinione, ovvero il fatto che gli Stati Uniti hanno sfruttato il conflitto per riaffermare con successo la loro egemonia sull’Europa.

L’UE non può più essere considerata un attore strategicamente autonomo nella transizione sistemica globale verso il multipolarismo, essendo invece diventata il più grande Stato vassallo degli Stati Uniti e quindi una piattaforma continentale per minacciare costantemente gli interessi di sicurezza nazionale della Russia, anche attraverso mezzi ibridi. In altre parole, le stesse minacce alla sicurezza che la Russia considerava provenienti dall’Ucraina sono state estese all’intera Europa, il che rafforza la conclusione di cui sopra.

Tuttavia, questa stessa conclusione è falsa per ragioni che verranno ora spiegate. In primo luogo, la Russia rimane più che in grado di proteggere i suoi interessi fondamentali di sicurezza nazionale, soprattutto grazie alla sua leadership globale nelle tecnologie ipersoniche che assicurano l’integrità delle sue capacità di secondo colpo nucleare, impedendole così di diventare suscettibile al ricatto nucleare degli Stati Uniti. Ciò significa che la sua autonomia strategica nel corso della transizione sistemica globale è garantita.

In secondo luogo, la suddetta transizione ha subito un’accelerazione senza precedenti grazie alle conseguenze che hanno cambiato l’intero spettro dei paradigmi, in particolare nel Sud del mondo. I tre risultati rilevanti sono che i Paesi in via di sviluppo hanno riaffermato la loro autonomia strategica rifiutandosi di sanzionare la Russia; l’India è intervenuta in modo decisivo per scongiurare preventivamente la dipendenza sproporzionata della Russia dalla Cina.

In terzo luogo, l’attuale fase intermedia bi-multipolare della transizione sistemica globale sta quindi evolvendo verso la tripolarità molto più rapidamente del previsto, prima della sua forma finale di multipolarità complessa (“multiplexity”). Sia la superpotenza americana che quella (aspirante) cinese, associate al concetto di bi-multipolarismo, stanno quindi perdendo la loro influenza fuori misura nel plasmare le relazioni internazionali, a causa dell’accelerazione dell’ascesa di grandi potenze multipolari come India, Iran, Turchia e altre.

[… continua dalla sorgente]

Sorgente: La Russia vincerà anche nello scenario di stallo militare in Ucraina – Marx21


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Subscribe to get the latest posts sent to your email.

Rispondi