Jeddah, un milione di persone sfollate con la forza – Il Faro sul Mondo

24 Ottobre 2022 0 Di ken sharo
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Jeddah, un milione di persone sfollate con la forza

Democracy for the Arab World Now (DAWN), un gruppo per i diritti umani con sede negli Stati Uniti creato dal dissidente saudita e giornalista del Washington Post. Jamal Khashoggi, ha riferito che mentre il regime di Riyadh prevede di spendere più di 20 miliardi di dollari per l’ambizioso piano, molto poco di tale importo è stato stanziato per risarcire 1,5 milioni di persone che hanno perso o perderanno la propria casa e mezzi di sussistenza.

Il gruppo per i diritti umani ha riferito che le demolizioni sono iniziate nell’ottobre 2021, ma a dicembre dello scorso anno le autorità saudite avevano iniziato a demolire gran parte di diversi quartieri, sfollando con la forza i residenti senza preavviso e senza previa consultazione o compensazione sufficiente in seguito.

DAWN ha evidenziato che i funzionari sauditi hanno demolito da 16 a 20 quartieri tra ottobre 2021 e maggio 2022, coprendo un’area di oltre 4mila chilometri quadrati.

La velocità e l’entità delle demolizioni all’interno di Jeddah non hanno precedenti nella storia saudita e l’impatto delle demolizioni sui cittadini sauditi sarà significativo, ha affermato il gruppo per i diritti umani. Inoltre, una mappa del progetto pubblicata di recente mostra che le demolizioni, che dovrebbero essere completate questo mese, interesseranno 1,5 milioni di persone in 63 quartieri.

Sfollamenti forzati sauditi a Jeddah violano il diritto internazionale

La ricerca condotta da DAWN ha concluso che gli sfollamenti forzati sauditi violano il diritto internazionale poiché le misure sono incompatibili con i principi legali internazionalmente riconosciuti per garantire e proteggere i diritti della popolazione.

I funzionari sauditi non hanno adottato alternative appropriate allo sfollamento e non hanno seguito le procedure legali, incluso il preavviso e l’opportunità di presentare ricorso o fornire un risarcimento tempestivo, adeguato ed efficace.

DAWN ha sottolineato che le autorità saudite devono fermare tutte le demolizioni dentro e intorno a Jeddah fino a quando non saranno in grado di garantire che i progetti di sviluppo siano conformi agli standard legali internazionali.

Il gruppo per i diritti umani con sede a Londra ALQST, un’organizzazione non governativa indipendente che difende i diritti umani in Arabia Saudita, ha riferito che i residenti sfrattati sono stati cacciati con la forza o minacciati di prigione per aver disobbedito a un ordine di sfratto.

Un residente del quartiere meridionale di Jeddah, Galil, che ha assistito alle prime demolizioni lo scorso ottobre, ha affermato che le forze di sicurezza hanno sequestrato i telefoni cellulari per impedire la diffusione delle riprese.

Funzionari sauditi hanno affermato che il regno risarcirà le famiglie per le perdite subite e hanno annunciato a febbraio che il governo avrebbe completato 5mila unità abitative sostitutive entro la fine dell’anno. Ma i residenti, compresi quelli sfrattati all’inizio, hanno affermato di non aver ricevuto finora nulla e che non esisteva un modo chiaro per valutare il valore delle loro case distrutte.

di Redazione

Sorgente: Jeddah, un milione di persone sfollate con la forza – Il Faro sul Mondo

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot