0 11 minuti 1 anno

Edizione del 4 ottobre 2022

Università iraniane in sciopero contro l’assedio e l’arresto di decine di studenti al Politecnico di Teheran. Prosegue anche così la rivolta innescata dalla morte di Mahsa Amini. Khamenei accusa: «C’è la regia di Usa e Israele». In cella anche l’italiana Alessia Piperno

Tehran, una protesta in piazza per la morte di Mahsa Amini, foto Ap
Tehran, una protesta in piazza per la morte di Mahsa Amini, foto Ap
INTERNAZIONALE

I giorni dell’Iran

Farian Sabahi

Università iraniane in sciopero contro l’assedio e l’arresto di decine di studenti al Politecnico di Teheran. Prosegue anche così la rivolta innescata dalla morte di Mahsa Amini. Khamenei accusa: «C’è la regia di Usa e Israele». In cella anche l’italiana Alessia Piperno

Governo, Meloni tenta il ko tecnico
POLITICA

Governo, Meloni tenta il ko tecnico

Andrea Colombo

La presidente del Consiglio prepara la squadra e sfida Lega e Forza Italia: ai ministeri chiave non parlamentari. Per non spaventare l’Europa e non sguarnire le, ormai ridotte, camere

Se la non destra si univa, ovviamente vinceva
POLITICA

Se la non destra si univa, ovviamente vinceva

A. Fab.

L’analisi dell’Istituto Cattaneo è un giochino perché fa una somma che non ha senso politico. Ma serve a dimostrare che nella distribuzione del voto Pd, M5S e Azione hanno elettorati complementari

Ambasciatore russo convocato alla Farnesina
POLITICA

Ambasciatore russo convocato alla Farnesina

Redazione

L’ambasciatore della Federazione Russa, Sergej Razov, è stato convocato ieri alla Farnesina, una decisione concordata con gli altri stati membri dell’Ue per respingere formalmente l’annessione dei territori occupati dalle forze […]

Firme digitali, Colao attiva la piattaforma
POLITICA

Firme digitali, Colao attiva la piattaforma

Eleonora Martini

Diventa definitiva la norma transitoria approvata nel 2021 con l’«emendamento Magi» che ha permesso di raccogliere le firme digitali per i referendum cannabis ed eutanasia (poi bocciati dalla Consulta, il […]

Nove anni dopo Lampedusa ricorda la strage più grande. Da allora 25mila morti
ITALIA

Nove anni dopo Lampedusa ricorda la strage più grande. Da allora 25mila morti

Giansandro Merli

Sulla maggiore delle Pelagie la commemorazione organizzata dal Comitato 3 Ottobre. Partecipa il presidente della Camera Roberto Fico. Al parlamento Ue la presidente Roberta Metsola menziona la tragedia. Ma oltre le parole di circostanza delle istituzioni restano i numeri diffusi dall’Oim. Stati costieri e Ue si sono disinteressati delle vittime del mare e ostacolano le Ong. La Sea-Watch 3 nuovamente fermata con l’accusa di aver salvato troppe persone

A Firenze muore un rider e domani si sciopera
LAVORO

A Firenze muore un rider e domani si sciopera

Riccardo Chiari

Ad incrociare le braccia buona parte dei circa 1.500 fattorini dell’area metropolitana, non soltanto per ricordare il terzo collega ucciso dal lavoro dall’inizio dell’anno in Toscana, Sebastian Galassi. “Si fermano per chiedere una volta ancora un modello che superi la paga a cottimo – avvertono Filcams, Filt e Nidil Cgil – e assicuri un corretto inquadramento contrattuale, così come sancito dalle sentenze emesse da diversi tribunali”.

Confindustria, Bonomi boccia la Flat Tax e i prepensionamenti
ECONOMIA

Confindustria, Bonomi boccia la Flat Tax e i prepensionamenti

Mario Pierro

Il presidente di Confindustria Confindustria Carlo Bonomi boccia i tre progetti sulla Flat Tax delle destre che comporranno il governo Meloni e difende la legge Fornero che rischia di entrare pienamente in vigore all’inizio dell’anno prossimo. FdI, lega e Forza Italia in difficoltà

Elezioni in Bosnia-Erzegovina, si stempera il nazionalismo
EUROPA

Elezioni in Bosnia-Erzegovina, si stempera il nazionalismo

Giovanni Vale

Nuova presidenza moderata di centrosinistra, ostacolata però dalla serba Cvijanović. Appena un’ora dopo la chiusura dei seggi, l’Alto rappresentante internazionale Christian Schmidt ha annunciato l’introduzione di una nuova legge elettorale, che influenzerà il modo in cui saranno formati i vari esecutivi

Il golpe è fatto: Traoré nuovo uomo forte del Burkina Faso
INTERNAZIONALE

Il golpe è fatto: Traoré nuovo uomo forte del Burkina Faso

Stefano Mauro

L’ex presidente, il tenente colonnello Damiba, accetta di dimettersi ponendo sette condizioni, tutte accettate: il proseguimento delle operazioni militari sul campo e del percorso di riconciliazione nazionale. Dubbi sul ruolo di Francia e Russia: il portavoce dei golpisti parla di «desiderio di rivolgerci ad altri partner pronti ad aiutarci nella lotta al terrorismo». Ovvero, Mosca

L’angoscia del papa per l’Ucraina: basta «schemi di guerra»
INTERNAZIONALE

L’angoscia del papa per l’Ucraina: basta «schemi di guerra»

Luca Kocci

Una sorta di interpretazione autentica delle parole del pontefice nell’editoriale di Andrea Tornielli, direttore del dicastero per la comunicazione. E nel colloquio con i gesuiti russi Francesco confermava la complessità dell’analisi: «Imperialismi contrapposti, è sbagliato pensare che sia un film di cowboy con buoni e cattivi»

Nobel per la medicina a Pääbo che ha studiato il genoma dei Neanderthal
CULTURA

Nobel per la medicina a Pääbo che ha studiato il genoma dei Neanderthal

Luca Tancredi Barone

Il Comitato del Karolinska Institutet ieri si è preso per una volta la soddisfazione di premiare un connazionale per il più famoso dei riconoscimenti: il biologo svedese Svante Pääbo, 67 anni, premiato per «le sue scoperte riguardanti i genomi degli ominidi estinti e l’evoluzione umana»

Verso un frugale spazio dell’abitare
CULTURA

Verso un frugale spazio dell’abitare

Maurizio Giufrè

Nello studio milanese dell’architetto e urbanista Vittorio Magnago Lampugnani. Un’intervista in occasione dell’uscita di «A Radical Normal. Propositions for the Architecture in the City». «Dobbiamo orientarci a riflettere sul sistema circolare delle risorse. In sintesi, non è più possibile adottare il criterio dell’”usa e getta” in ciò che si costruisce»

Si fa presto a dire congresso e a finire nei gazebo
COMMENTI

Si fa presto a dire congresso e a finire nei gazebo

Antonio Floridia

Giunge così ad una stretta oramai ineludibile uno dei vizi d’origine del Pd: ossia, il fatto che il suo regime interno non è ispirato ai principi della democrazia rappresentativa. È un misto di plebiscitarismo e di feudalizzazione.

Perché ci riguarda lo scontro tra Lula e Bolsonaro
COMMENTI

Perché ci riguarda lo scontro tra Lula e Bolsonaro

Gianni Fresu *

Le attuali elezioni brasiliane, per ragioni interne e internazionali, rappresentano una situazione molto delicata, il loro esito avrà infatti ripercussioni che vanno ben al di là delle vicende politiche di quel Paese