0 3 minuti 1 anno

Il Cremlino ha rivelato quando il presidente russo Vladimir Putin firmerà trattati sull’inclusione delle due repubbliche del Donbass, così come degli stati autoproclamati a Kherson e Zaporozhye, nella Federazione Russa. La mossa segue i referendum tenuti nei rispettivi territori.

La firma cerimoniale avrà luogo nella St. George Hall all’interno del Palazzo del Cremlino venerdì alle 15:00 ora di Mosca, dopo di che Putin pronuncerà un “volumente discorso”, secondo il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. Il presidente russo incontrerà personalmente anche i capi dei nuovi territori.

L’annuncio arriva dopo che le due repubbliche e due stati autoproclamati hanno presentato richieste ufficiali di adesione alla Federazione Russa dopo aver tenuto referendum pubblici sulla questione tra il 23 e il 27 settembre. La mossa è stata sostenuta in modo schiacciante dalla popolazione locale, secondo i risultati ufficiali annunciati martedì in ritardo.

Peskov ha osservato separatamente che il discorso di Putin di venerdì non sarà un discorso formale all’Assemblea federale – il parlamento del paese – affermando che un tale discorso si terrà in un formato completamente diverso e deve ancora essere annunciato.

Quattro regioni votano per unirsi alla Russia: quali sono le prospettive?

Leggi di più

Quattro regioni votano per unirsi alla Russia: quali sono le prospettive?

Come ha spiegato il senatore Konstantin Kosachev, vicepresidente della camera alta del parlamento russo, la firma dei trattati è solo uno dei passaggi chiave necessari per incorporare ufficialmente i nuovi territori nella Federazione Russa.

Dopo che Putin ha firmato i trattati, devono essere presentati alla Corte costituzionale del paese per assicurarsi che rispettino la legge russa. Una volta sdoganati, gli atti devono essere ratificati dalla camera bassa, la Duma di Stato, e dalla camera alta del parlamento, il Consiglio federale. Solo in seguito la DPR, la LPR e le regioni di Kherson e Zaporozhye diventeranno ufficialmente integrate nella Federazione Russa.

La prossima sessione del Consiglio federale è prevista per il 4 ottobre, secondo la presidente Valentina Matvienko, che ha affermato che se “tutto sarà confermato” l’organismo prenderà in considerazione i trattati sull’accettazione dei nuovi territori.

L’UE e gli Stati Uniti hanno ripetutamente rifiutato di accettare i risultati dei referendum, definendoli una “falsa”. I leader occidentali hanno anche promesso di non riconoscere mai “nessun tipo di annessione in Ucraina”. La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato di essere “determinata a far pagare al Cremlino questa ulteriore escalation”, mentre il segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato che Kiev aveva “tutto il diritto” di riprendersi i territori che stanno cercando di separarsi dal suo governo .

Sorgente: Il Cremlino rivela il prossimo passo su Donbass, Kherson e Zaporozhye — RT Russia & Ex Unione Sovietica