«Trasportava 11 tonnellate di armi»: mistero sull’Antonov ucraino precipitato in Grecia

«Trasportava 11 tonnellate di armi»: mistero sull’Antonov ucraino precipitato in Grecia

18 Luglio 2022 0 Di Luna Rossa
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Dalla zona dell’incidente si è alzato del fumo tossico. Il ministro della difesa serbo: «Trasportava 11,5 tonnellate di armi destinate per il Bangladesh»

Disastro nei cieli di Grecia. Un cargo della compagnia ucraina Meridian Air è precipitato nel nord del Paese. Otto le vittime. Un episodio dalle cause imprecisate e con tanti interrogativi sul carico, probabilmente anche esplosivi. Il quadrimotore Antonov 12 era decollato da Nis (Serbia) ed era diretto – secondo il piano di volo ufficiale – a Dacca, Bangladesh, con scalo intermedio ad Amman, in Giordania. Quando il velivolo ha raggiunto la parte settentrionale dell’Egeo – quasi all’altezza del celebre Monte Athos – il pilota ha segnalato un’emergenza, chiedendo di poter atterrare nello scalo più vicino. I controllori gli hanno indicato due possibilità: Salonicco o Kavala.

Il comandante, dopo aver compiuto un’ampia virata, ha scelto il secondo scalo, ma non è riuscito a raggiungerlo. Un video registrato da alcuni abitanti mostra l’aereo in fiamme perdere quota rapidamente per poi schiantarsi al suolo. Pochi secondi dopo un’enorme vampata ha rischiarato la notte. Le squadre di soccorso hanno raggiunto la zona dell’impatto, a circa 40 chilometri dalla pista, nella municipalità di Paggaio. Tuttavia il loro intervento è stato ostacolato da un fumo intenso che ha creato problemi di respirazione a diversi pompieri. I “vigili” hanno allora deciso di ripiegare ed hanno usato i respiratori, quindi hanno “lanciato” dei droni per sorvegliare da distanza il rogo. I particolari, insieme a indiscrezioni, hanno alimentato l’ipotesi che l’AN 12 stesse trasportando sostanze pericolose. Poi, domenica mattina, un portavoce del ministero della Difesa serbo ha precisato che nella stiva c’erano 11 tonnellate di materiale bellico gestito da una ditta autorizzata e destinato al Bangladesh: nelle casse bombe per mortaio, proiettili traccianti, mine. La popolazione è stata comunque invitata a restare in casa mentre è stata vietata l’attività nei campi circostanti in quanto vi sono molti ordigni inesplosi. Sembra invece rientrato l’allarme per una sostanza bianca rivenuta vicino ai rottami, in base alle verifiche degli esperti non presenterebbe pericoli. Ulteriore analisi saranno condotte lunedì.

 

L’inchiesta ripartirà in queste ore, per far luce su cause e circostanze. Intanto, però, possiamo segnalare alcuni punti. Primo. Le compagnie ucraine sono da sempre attive nel settore cargo, facile seguire anche sul web le rotte seguite dagli Antonov noleggiati da governi, istituzioni internazionali (Nato, ONU), società private. Attività perfettamente lecite. Dopo l’invasione i mezzi sono stati rischierati in altri paesi. Secondo. L’Est Europa è uno dei grandi mercati di armamenti, i fornitori vendono ovunque e c’è grande richiesta. Terzo. Naturalmente ci sono state speculazioni (inevitabili) su possibili legami con il conflitto in Ucraina anche se stando alle prime informazioni andava dalla parte opposta e da Belgrado hanno sostenuto che la spedizione riguardava lo stato asiatico.

di Guido Olimpio

Sorgente: «Trasportava 11 tonnellate di armi»: mistero sull’Antonov ucraino precipitato in Grecia

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot