Alcune verità sull’omicidio di Shireen Abu Akleh | Libertà di stampa | Al Jazeera

Alcune verità sull’omicidio di Shireen Abu Akleh | Libertà di stampa | Al Jazeera

12 Maggio 2022 0 Di ken sharo

Alcune verità sull’omicidio di Shireen Abu Akleh

Non è stata ‘uccisa’. È stata assassinata.

Shireen Abu Akleh è statA assassinatA.

Non è stata “uccisa”. È stata assassinata.

Le hanno sparato in faccia . Non nel braccio o in una gamba. In faccia. nON è UN COLPO CHE UCCIDE  Questo è un colpo omicida.

Abu Akleh è stata sparata in faccia, apposta, mentre faceva quello che fa dal 1997 per Al Jazeera: dire la verità.

È stata uccisa per aver detto, ancora una volta, la verità su come Israele ha rinchiuso, bastonato, “razziato”, sfrattato, incarcerato, traumatizzato, torturato, assassinato e terrorizzato un palestinese dopo l’altro, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, mese dopo mese , anno dopo anno, decennio dopo decennio.

Abu Akleh ha fatto bene il suo lavoro. Lo ha fatto con grazia, pazienza e resilienza nonostante le umiliazioni, gli orrori ei pericoli. Era suo dovere, obbligo e responsabilità rendere testimonianza.

Ogni giorno i palestinesi rischiano di essere assassinati perché palestinesi.

Non importa dove vivono – a Gaza, Gerusalemme o in Cisgiordania – ogni giorno i palestinesi rischiano di essere assassinati perché palestinesi.

Non importa cosa fanno per vivere – se riescono a trovare lavoro – ogni giorno i palestinesi rischiano di essere assassinati perché palestinesi.

Non importa se sono giovani o vecchi, un uomo o una donna, musulmani o cristiani, ogni giorno i palestinesi rischiano di essere assassinati perché palestinesi.

Privacy Policy

Guarda caso, ieri mattina Abu Akleh, una palestinese di 51 anni, era a Jenin quando è stata uccisa.

Era lì per fare il suo lavoro: riferire su come più soldati israeliani stavano “razziando” – un eufemismo per terrorizzare – più palestinesi.

Indossava un elmo e un’armatura con la scritta “Press”.

Era in piedi a una rotonda con altri giornalisti palestinesi quando le hanno sparato in faccia. Un produttore di Al Jazeera, sopravvissuto, è stato colpito alla schiena.

Il corpo di Abu Akleh giaceva sul ciglio di una strada, vicino a un muro. I suoi colleghi hanno gridato aiuto mentre la tiravano via dal mirino di un cecchino. Più tardi è arrivata un’ambulanza. È morta in ospedale. Solo.

Un altro giorno, un altro palestinese ucciso.

Ma, a differenza di tanti altri palestinesi assassinati , inclusi quattro ragazzi che sono stati smembrati da un missile israeliano mentre giocavano a calcio su una spiaggia, Abu Akleh era famoso. Era in TV. Era popolare. Era ammirata e rispettata perché diceva la verità sulla crudeltà che i palestinesi subiscono e subiscono ogni giorno.

Quindi, il suo omicidio, a differenza degli omicidi di tanti altri palestinesi, ha fatto notizia in Europa e Nord America.

Dubito che il suo omicidio avrebbe fatto molte notizie in Europa e in Nord America, tranne per un fatto scomodo: anche Abu Akleh era americano.

Dubito che il suo assassino sapesse che era americana quando le hanno sparato, apposta, in faccia. Ora lo sanno. Dannazione. Ciò significava che le persone e le istituzioni potenti a cui normalmente non frega niente quando i palestinesi vengono assassinati hanno dovuto dire qualcosa poiché Abu Akleh era un americano.

Non ricordo che gli ambasciatori statunitensi in Israele o le Nazioni Unite, il Dipartimento di Stato o la Casa Bianca abbiano riconosciuto, per non parlare della condanna, nessuno degli omicidi , dal 2000, di 46 giornalisti palestinesi o detto qualcosa sui 144 giornalisti palestinesi che hanno , dal 2018, è stato colpito da proiettili di gomma o d’acciaio, ha lanciato lacrimogeni o ha sparato contro di loro granate assordanti.

Fai?

Ovviamente no. Non erano americani. Ciò significava che non erano nessuno. irrilevante. Dimenticabile. Peggio ancora, erano palestinesi. Non erano niente. Probabilmente strumenti di Hamas. Ad ogni modo, come ogni altro palestinese che vive, lavora e va a scuola ogni giorno nella Palestina imprigionata, quei falsi giornalisti palestinesi lo hanno chiesto e l’hanno ottenuto – bene.

Niente da vedere quì. Vai avanti.

Sorgente: Alcune verità sull’omicidio di Shireen Abu Akleh | Libertà di stampa | Al Jazeera