Le spettacolari armi biologiche dello Zio Sam – Come Don Chisciotte

Le spettacolari armi biologiche dello Zio Sam – Come Don Chisciotte

29 Aprile 2022 0 Di ken sharo
AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell’ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Mike Whitney
unz.com

Domanda – Gli Stati Uniti stanno fabbricando armi biologiche in Ucraina?

Risposta – Questa è la domanda da un milione di dollari. Sfortunatamente, non c’è una risposta semplice, tipo “sì o no.” È un po’ più complicato di così.

Domanda – Può spiegare cosa intende?

Risposta – Certo, ma alcune persone potrebbero trovarlo un po’ ostico.

Innanzitutto, la maggior parte di ciò che sappiamo proviene dai Russi, che hanno condotto indagini sui laboratori biologici abbandonati dopo l’invasione dell’Ucraina. Queste sono le persone che hanno scoperto gli agenti patogeni e le altre sostanze tossiche che erano conservate in una trentina di strutture in tutto il Paese. Il gruppo di ricerca russo ha anche studiato i documenti “ricevuti dai dipendenti dei laboratori ucraini riguardanti l’attuazione dei programmi biologici militari degli Stati Uniti.” In altre parole, i Russi hanno raccolto le prove che gli Stati Uniti stanno violando i termini della Convenzione sulle armi biologiche da loro stessi ratificata.

In secondo luogo, sappiamo che il Pentagono, attraverso vari canali, ha pompato 32 milioni di dollari nei laboratori situati a Kiev, Odessa, Lvov e Kharkov.

Questi laboratori erano stati scelti per supervisionare un “progetto volto a studiare gli agenti patogeni della febbre emorragica Congo-Crimea, leptospirosi e hantavirus.” I Russi credono che l’interesse per questi agenti patogeni fosse dovuto al fatto che “il loro uso può essere mascherato da focolai patologici naturali,” motivo per cui il progetto aveva ricevuto ulteriori finanziamenti. In altre parole, i Russi pensano che il finanziamento degli Stati Uniti fosse principalmente finalizzato allo sviluppo di armi biologiche. I Cinesi sembrano essere d’accordo. Ecco cosa ha detto il portavoce del ministero degli esteri cinese:

“Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian … ha chiesto agli Stati Uniti di rilasciare ‘il più presto possibile dettagli rilevanti’ sui presunti laboratori biologici statunitensi in Ucraina…. ‘Gli Stati Uniti hanno 336 laboratori in 30 paesi sotto il loro controllo, di cui 26 solo in Ucraina. Dovrebbe fornire un resoconto completo delle loro attività militari biologiche in patria e all’estero e sottoporsi a verifiche multilaterali.’

Secondo i rapporti, in queste strutture sono conservate grandi quantità di virus pericolosi. La Russia, durante la sua operazione militare, ha scoperto che gli Stati Uniti usavano queste strutture per progetti di carattere militare.” (“La Cina… esige un resoconto completo delle loro attività militari biologiche“, opindie.com)

Si può vedere che c’è una notevole preoccupazione in molti Paesi che gli Stati Uniti considerano loro rivali. E la preoccupazione non si limita al fatto che gli Stati Uniti stanno giocando con agenti patogeni altamente contagiosi e letali, ma anche all’evidenza che questi 336 laboratori biologici fanno parte di una rete integrata sotto il controllo operativo del Pentagono. Questo è il campanello d’allarme più grande di tutti!

I Russi sono stati abbastanza schietti su ciò che, secondo loro, sta accadendo. Ecco la sintesi della loro dichiarazione ufficiale: “Crediamo che sul territorio dell’Ucraina siano stati creati componenti per armi biologiche.”

Questo riassume perfettamente la situazione. E, dopo tutto, dovrebbero saperlo molto bene, perchè sono loro che hanno scoperto le scorte di agenti patogeni e la documentazione a sostegno della loro analisi.

Naturalmente, tutto questo potrebbe essere solo un caso di “disinformazione russa” e questo è ciò che i media vorrebbero farvi credere. Ma ciò che i media non riescono a giustificare è che molti dei documenti raccolti dai Russi portano la firma di “veri funzionari e sono certificati dai sigilli delle loro organizzazioni.” In altre parole, i Russi possono sostenere la loro analisi con prove concrete.

Ecco un altro estratto dal rapporto russo che aiuta a far luce su ciò che stava realmente accadendo in queste fabbriche ucraine di virus:

“Durante la realizzazione di questi progetti, sono state identificate sei famiglie di virus (compresi i coronavirus) e tre tipi di batteri patogeni (patogeni della peste, brucellosi e leptospirosi). [La scelta di questi ceppi infettivi] è dovuta alle principali caratteristiche di questi patogeni: alta infettività, resistenza ai farmaci, rapida velocità di diffusione dagli animali all’uomo, ecc…..

Uno studio dei documenti riguardanti il progetto P-781 sullo studio delle modalità di trasmissione delle malattie all’uomo attraverso i pipistrelli ha mostrato che il lavoro era stato svolto in un laboratorio di Kharkov“. (“Ministero della Difesa russo: Briefing sull’analisi dei documenti relativi alle attività militari e biologiche degli Stati Uniti in Ucraina“, The Saker)

Carino, eh? Quindi, i ricercatori di queste strutture avevano scelto gli agenti patogeni che, secondo loro, erano:

1. I più infettivi

2. I più mortali

3.I più resistenti ai farmaci

Quando diventa appropriato usare un termine come “diabolico”? È troppo esagerato? Qui c’è di più:

Nell’ambito del progetto FLU-FLYWAY, l’Istituto di Medicina Veterinaria di Kharkov ha studiato i volatili selvatici come vettori di diffusione di un tipo di influenza aviaria altamente patogena. Allo stesso tempo, sono state valutate le condizioni in cui i processi di diffusione possono diventare ingestibili, causare danni economici e comportare rischi per la sicurezza alimentare.

Questi documenti confermano il coinvolgimento dell’Istituto di Kharkov nella raccolta di ceppi virali dell’influenza aviaria ad alto potenziale epidemico e in grado di superare la barriera interspecifica….” (“Ministero della Difesa russo: Briefing sull’analisi dei documenti relativi alle attività militari e biologiche degli Stati Uniti in Ucraina“, The Saker)

Capite cosa stanno dicendo? I ricercatori stavano cercando il modo di usare gli uccelli migratori per trasportare agenti patogeni letali nei territori dei nemici di Washington. Questo è più che diabolico. È satanico.

Il rapporto del Ministero della Difesa continua spiegando come molte delle prove documentali sulle attività potenzialmente criminali siano state distrutte dopo l’invasione russa. Guardate qui:

“I materiali di cui il nostro Ministero della Difesa è entrato in possesso provano che tutte le ricerche importanti e ad alto rischio nei laboratori biologici ucraini erano direttamente supervisionate da esperti statunitensi… Il nostro Ministero della Difesa riferisce che, in questo momento, il regime di Kiev…. sta frettolosamente coprendo tutte le tracce, in modo che la parte russa non possa entrare in possesso di prove dirette della violazione dell’articolo 1 della BTWC da parte di USA e Ucraina. Si stanno affrettando a chiudere tutti i programmi biologici.

Il Ministero della Salute dell’Ucraina ha ordinato, a partire dal 24 febbraio 2022, la distruzione degli agenti biologici depositati nei biolaboratori. Dalle istruzioni al personale di laboratorio deduciamo che l’ordine di eliminazione delle raccolte suggeriva di distruggerle definitivamente. Avendo analizzato i certificati di distruzione, possiamo dire che il solo laboratorio di Lvov ha distrutto 232 contenitori con patogeni di leptospirosi, 30 di tularemia, 10 di brucellosi, 5 di peste. In totale, sono stati eliminati più di 320 contenitori. La qualità degli agenti patogeni e le quantità eccessive fanno pensare che questo lavoro facesse parte di programmi biologici militari.”(“USNC biolabs in Ucraina“, The Saker)

In altre parole, l’invasione russa ha scatenato il panico nei laboratori dove venivano conservati questi patogeni killer. I ricercatori hanno dovuto sbarazzarsi rapidamente delle prove prima che i Russi potessero arrivare e capire cosa stava succedendo. Il personale di laboratorio ha dovuto impegnarsi nello stesso, macabro rituale di un serial killer che pulisce scrupolosamente le impronte insanguinate dall’arma del delitto prima dell’arrivo dei poliziotti. In altre parole, hanno dovuto “coprire le loro tracce.” Allo stesso tempo, ai ricercatori era stato detto di addossare tutta la colpa  alla “propaganda russa.” (Probabilmente questo lo sapevate già).

Domanda: come hanno influito questi bio-laboratori sulla vita delle persone che vivono in Ucraina?

Secondo il Ministero della Difesa russo: “… si richiama l’attenzione su un forte aumento dei casi di tubercolosi causati da nuovi ceppi multi-resistenti tra i cittadini delle Repubbliche Popolari di Lugansk e Donetsk verificatosi nel 2018….erano stati rilevati più di 70 casi della malattia, che si erano rapidamente conclusi con un esito fatale. Questo può indicare un’infezione deliberata o una fuga accidentale dell’agente patogeno da uno dei laboratori situati sul territorio dell’Ucraina.” (“Russian MOD“, The Saker)

Quindi, un certo numero di persone che vivevano intorno a queste strutture erano misteriosamente morte a causa di strane forme di tubercolosi e di altre malattie, ma non sapremo mai con certezza se le morti erano volute o no. E, naturalmente, gli autori di questi crimini non saranno mai chiamati a risponderne. È una cosa tragica.

Naturalmente, il tutto potrebbe essere solo una strana coincidenza, ma sospetto di no. Sospetto che gli Ucraini siano stati gli ignari topi da laboratorio nel mortale progetto scientifico dello Zio Sam. E c’è dell’altro. Guardate questo trafiletto dell’amministratore delegato di Roscosmos, Dmitry Rogozin:

Non è nemmeno un segreto per la leadership del nostro Paese che lo scopo di questi esperimenti biologici condotti dal Pentagono utilizzando biomateriali ottenuti da soggetti slavi in Ucraina e in altri Paesi vicini alla Russia era quello di sviluppare ‘armi etniche’ contro la popolazione russa della Russia.” (“Rogozin: armi biologiche sviluppate in Ucraina…”, The Saker)

Questa idea che gli Stati Uniti stiano sviluppando bio-agenti selettivamente mirati a particolari gruppi etnici è un tema ricorrente tra i critici dei misteriosi bio-progetti dell’America. Secondo l’esperto militare cinese, Song Zhongping, “Gli Stati Uniti continuano ad allestire laboratori biologici intorno ai Paesi rivali con l’obiettivo di sviluppare armi virali mirate contro quei Paesi… Gli Stati Uniti insistono a sviluppare armi di distruzione di massa per cercare l’egemonia, un atto che è una grave violazione della Convenzione sulle armi biologiche ed un attentato alla civiltà umana.” Song Zhongping, esperto militare cinese“. (“Gli Stati Uniti evitano la riunione delle Nazioni Unite sulla sicurezza biologica,” Global Times)

Ed ecco come lo ha riassunto l’autore M.K. Bhadrakumar in un recente articolo intitolato “Uccelli migratori di distruzione di massa” [qui su CDC]:

In precedenza, la Russia aveva anche rilasciato una serie di documenti relativi alle attività militari biologiche del Pentagono, che indicavano un progetto globale per creare laboratori biologici in Paesi rivali con l’obiettivo di sviluppare armi biologiche virali mirate contro i suddetti Paesi “…

(Secondo) il generale Igor Kirillov, capo delle forze di difesa radiologica, chimica e biologica delle forze armate russe, Washington starebbe creando in diversi Paesi laboratori biologici, interconnessi in un sistema unificato.” (“Uccelli migratori di distruzione di massa,” Indian Punchline)

Infine, c’è questo dall’autore Matthew Ehret che spiega le probabili origini del “targeting etnico” con armi biologiche. Ecco cosa ha scritto in un articolo per la Unz Review [qui su CDC]:

Il precedente documento RAD dell’ottobre 2000 sottolineava l’importanza che la cabala neocon dava alle armi biologiche: “Il combattimento avrà probabilmente luogo in nuove dimensioni: Nello spazio, nel cyber-spazio e forse nel mondo dei microbi… forme avanzate di guerra biologica  in grado di “colpire” genotipi specifici potranno trasformare la guerra biologica da arma terroristica a strumento politicamente utile.” (“Il Progetto per un nuovo secolo americano e l’era delle armi biologiche: 20 anni di terrore psicologico“, Matthew Ehret, Unz Review)

Più avanti nell’articolo, Ehret indica le prove che i ricercatori potrebbero aver raggiunto il loro obiettivo di “colpire selettivamente particolari gruppi etnici.” Ecco la citazione:

…medici specialisti, come il Dr. Shankara Chetti del Sudafrica, il Dr. Soňa Peková della Repubblica Ceca e il Dr. Meryl Nass degli Stati Uniti hanno fornito prove abbondanti che le varie ondate dei ceppi patogeni non solo NON erano naturali, ma erano addirittura etnico-specifiche e generate in laboratorio.

Dopo aver esaminato oltre 7.000 pazienti, il dottor Chetty all’inizio aveva osservato che i pazienti che avevano sofferto di più durante ciascuna delle quattro ondate susseguitesi in Sud Africa appartenevano tutti ad etnie specifiche, con la prima ondata che aveva preso di mira solo i neri, la seconda solo gli Indiani e la terza i Caucasici e gli Arabi.” (“Il Progetto per un nuovo secolo americano e l’era delle armi biologiche: 20 anni di terrore psicologico“, Matthew Ehret, Unz Review)

È lì che siamo diretti? Armi biologiche etnico-specifiche per favorire il Nuovo Ordine Mondiale?

Ce lo si può solo chiedere.

Ci incuriosisce anche il fatto che questi 300 e più laboratori biologici (in tutto il mondo) facciano parte di un “sistema unificato” sotto il controllo del Pentagono. Di cosa si tratta? Perché il Pentagono avrebbe bisogno di un sistema unificato di laboratori biologici?

Mi viene in mente una ragione, anche se sono sicuro che ce ne sono molte altre. Diciamo che potenti élite vorrebbero trasformare il nostro sistema democratico in un modello più autoritario (Il Grande Reset) creando una crisi globale che potrebbe essere usata come pretesto per porre fine alla libertà personale, imporre la vaccinazione obbligatoria e instaurare la legge marziale. Se avessero una rete di laboratori biologici a loro disposizione, potrebbero facilmente rilasciare lo stesso identico agente patogeno in tutto il mondo e in luoghi diversi, creando la percezione di un virus a rapida diffusione. In altre parole, una rete diffusa di laboratori biologici potrebbe essere usata per simulare una pandemia globale.

È possibile una cosa del genere?

Potete scommetterci che lo è, infatti, gli ultimi due anni potrebbero essere l’esempio di come funziona effettivamente il sistema.

Un’ultima cosa: il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha recentemente convocato una riunione di emergenza per affrontare la questione dei laboratori biologici dell’Ucraina. (Arria Formula Meeting on Biological Security.) Ma qualcuno dell’amministrazione Biden vi ha forse partecipato?

No, nessuno. L’amministrazione ha boicottato interamente la riunione, il che significa che gli Stati Uniti, pur avendo l’opportunità di far valere le proprie ragioni di fronte alla comunità internazionale, hanno deciso di non presentarsi. Perché avrebbero fatto una cosa del genere, ci chiediamo?

Un membro della delegazione cinese ha detto che era un segno di “coscienza sporca.”

Questo mi sembra assolutamente corretto.

Mike Whitney

Fonte: unz.com
Link: https://www.unz.com/mwhitney/uncle-sams-bio-weapons-extravaganza/
26.04.2022
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Sorgente: Le spettacolari armi biologiche dello Zio Sam – Come Don Chisciotte