“Un branco di drogati e neonazisti”. – Come Don Chisciotte

“Un branco di drogati e neonazisti”. – Come Don Chisciotte

9 Marzo 2022 0 Di ken sharo

Evocando una banda di drogati e neonazisti al potere a Kiev, il presidente Putin ha scioccato molti. La stampa atlantista ha cercato di presentarlo come un malato di mente. Eppure i fatti sono lì: il potere in Ucraina è ben occupato da un gruppo di drogati che hanno rubato i proventi del gas. È stata approvata una legge razziale. Sono stati eretti monumenti al collaboratore nazista Stepan Bandera. E due battaglioni nazisti sono già stati incorporati nell’esercito regolare.La strategia militare della Russia è impossibile da decifrare oggi perché non abbiamo una registrazione accurata delle operazioni sul terreno. Solo lo staff russo e quello della NATO li hanno. Ciò che viene trasmesso è chiaramente falso, nel caso dei giornali occidentali e del governo ucraino, e non verificabile, nel caso degli eserciti della Russia, Donestz e Lugansk.L’unica cosa certa è che -per il momento- i combattimenti sono limitati al territorio ucraino, mentre il conflitto riguarda la Russia e gli Stati Uniti, e solo incidentalmente l’Ucraina.Ci aspettiamo che il 5 marzo 2022 la Russia alzi la voce e porti il conflitto in un secondo teatro di operazioni.Nel frattempo, spiegherò cosa intendeva il presidente Vladimir Putin quando ha descritto le autorità ucraine come “un branco di drogati e neonazisti”, una frase estremamente scioccante, ma molto fondata.Forse il presidente Putin sta enfatizzando troppo questi fatti, o forse noi occidentali li stiamo sottovalutando. “Un branco di tossici”Il governo di Viktor Yanukovych (2010-14) ha cercato di mantenere l’Ucraina in una via di mezzo tra il suo vicino russo e il suo amico americano. Tuttavia, nelle parole del presidente Bush Jr, “Chi non è con noi, è contro di noi”. Pertanto, è stato considerato dall’Occidente come “filorusso”. È stato rovesciato dagli Stati Uniti, sotto il comando dell’Assistente Segretario di Stato per l’Eurasia, la straussiana Victoria Nuland, durante la “Rivoluzione della Dignità” in piazza Maidan. Il regime transitorio era nelle mani di rivoltosi professionisti. La portata della corruzione della squadra di Yanukovych è stata scoperta e gli Straussiani hanno deciso di fare ancora più soldi.Il 3 aprile, uno degli ex consiglieri del segretario di Stato americano John Kerry, il truffatore David Archer, e il suo compagno d’avventura, il figlio del vicepresidente Joe Biden, Hunter Biden, hanno incontrato il miliardario Stephen Schwartzman, capo del fondo d’investimento Blackstone (da non confondere con Blackrock) in Italia, sulle rive del lago di Como, al Club Ambrosetti.Da sinistra a destra: David Archer e sua moglie, Joe Biden e suo figlio Hunter che giocano a golf.David Archer, era stato inserito nel consiglio di amministrazione di Burisma Holdings, un’importante società di gas ucraina il cui proprietario era sotto inchiesta da parte dell’FBI e del MI5 in Occidente. La polizia americana e britannica erano convinte che il proprietario di Bursima, l’oligarca Mykola Zlochevsky, che era il ministro delle risorse naturali del regime di Yanukovych, aveva concesso illegalmente le sue società di petrolio e gas. Archer è stato pagato 83.333 dollari al mese per questa posizione di frontman. Una foto di lui alla Casa Bianca con il vicepresidente Biden è stata messa sul sito web della società.Poi il vicepresidente Joe Biden e i suoi consiglieri Jake Sullivan e Antony Blinken arrivarono a Kiev per promettere l’assistenza degli Stati Uniti al nuovo regime e per organizzare elezioni credibili. Tuttavia, gli oblast di Donestzk e Lugansk respinsero il governo provvisorio, che comprendeva cinque ministri nazisti, e in un referendum proclamarono la loro indipendenza. Il giorno dopo, il 12 maggio 2014, il figlio del vicepresidente Biden, il drogato Hunter Biden, entrò a far parte del consiglio di amministrazione della Burisma Holding. Raggiunto successivamente da un terzo personaggio, il genero del segretario di Stato John Kerry, Christopher Heinz, che si unì a David e Hunter.Nella seconda metà del 2014, su istruzioni di David Archer e Hunter Biden, Burisma pagò una tangente di 7 milioni di dollari al nuovo procuratore generale dell’Ucraina del regime di Poroshenko per scrivere il falso e chiudere il caso contro la società e il suo proprietario oligarca. In un’intercettazione si sente il presidente Petro Poroshenko confermare al vicepresidente Biden che l’accordo era stato “stipulato”. Gli Stati Uniti avevano così riciclato l’ex ministro del “filorusso” Yanukovych. In seguito, l’avido procuratore generale fu estromesso da un voto parlamentare provocato da Stati Uniti, UE, FMI e Banca Mondiale, che volevano anche salvare l’oligarca ed ex primo ministro Yulia Tymoshenko, ma ad un prezzo inferiore.Tutti questi eventi sono stati ampiamente riportati dalla stampa ucraina, ma sono solo la punta dell’iceberg. Per esempio, secondo il Wall Street Journal, il segretario americano all’energia Rick Perry avrebbe fatto pressione sul presidente ucraino Volodymyr Zelensky per licenziare i direttori de

Sorgente: “Un branco di drogati e neonazisti”. – Come Don Chisciotte