Brasile: La Polizia Militare invade un’occupazione del MTST a Sergipe e assassina un residente

Brasile: La Polizia Militare invade un’occupazione del MTST a Sergipe e assassina un residente

21 Marzo 2022 0 Di Luna Rossa
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Nella notte del passato martedì 15 marzo, la Polizia Militare (PM) di Sergipe ha invaso l’Occupazione Valdice Teles, organizzata dal Movimento dei Lavoratori Senza Casa (MTST), ad Aracaju (SE), e ha ucciso un residente. Secondo il movimento, i poliziotti non avevano un ordine giudiziario e sono giunti sparando.

Quattro coordinatori dell’occupazione, che si trovavano nel quartiere Santa María, sono stati arrestati per oltraggio e, poche ore dopo, liberati. Secondo il MTST, un altro residente è stato anche torturato e, gravemente ferito, è stato portato in ospedale.

“Hanno sparato indiscriminatamente in tutte le direzioni. Solo al mattino siamo riusciti a raccogliere più di 20 bossoli. Immaginate quanti colpi non hanno sparato”, dice Izadora Brito, avvocata del MTST.

Secondo lei, quando la comunità ha visto una persona avvolta in un lenzuolo che era trasportata dalla polizia, molti si sono fatti avanti e hanno cominciato a gridare di fermarsi. “Continuavano a sparare, spruzzavano gas al peperoncino”, dice Brito.

Le versioni non coincidono

Cercata da Brasil de Fato, la Segreteria per la Sicurezza Pubblica (SSP) dello Stato di Sergipe, guidato da Belivaldo Chagas (PSD), ha affermato che l’azione è stata effettuata a seguito di informazioni che erano giunte attraverso una linea diretta.

Secondo le parole della SSP, la chiamata informava la polizia “sulla presenza di un gruppo di otto individui tra i quali ci sarebbero stati tre sospetti armati. L’informazione menzionava anche che progettavano di rubare delle moto per commettere altri delitti, come omicidi”.

Riguardo all’omicidio commesso dalla PM, la SSP ha detto che è il frutto della reazione dei poliziotti agli spari di “un gruppo”.

“Uno dei sospetti ha finito con l’essere colpito, lo hanno portato a Huse, ma è morto”, ha dichiarato l’agenzia statale, che ha anche detto che gli è stata sequestrata un’arma.

“Non c’è stato assolutamente nessuno scontro, nessuno scambio di fuoco. Non è stato sequestrato nulla nell’occupazione. È stata un’azione di sterminio”, risponde Izadora.

Criminalizzazione della povertà

Per l’avvocato, la motivazione degli interventi statali come questo segue un modello: “Utilizzano l’argomento della lotta contro il crimine e la guerra contro le droghe per continuare a sterminare la popolazione delle periferie, la gente nera. E questo è stato ciò che è successo”, dice.

Conosciuto come Will e residente nell’Occupazione Valdice Teles, stava festeggiando il compleanno di sua madre quando è stato assassinato.

Secondo il MTST, Will lavorava riparando cellulari ed era padre di due figli.

“È una pratica della polizia, fondata sul razzismo, in disprezzo della povertà. Non ha altro nome che la criminalizzazione della povertà, la criminalizzazione delle lotte”, dice Brito, che aggiunge: “Non ha altro nome…”.

Foto: @mtstrj

Traduzione in spagnolo: Resumen Latinoamericano

Fonte: Brasil de Fato

17 marzo 2022

Resumen Latinoamericano

Da Comitato Carlos Fonseca

Sorgente: Brasile: La Polizia Militare invade un’occupazione del MTST a Sergipe e assassina un residente

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot