il manifesto del 22.02.2022 – il manifesto

il manifesto del 22.02.2022 – il manifesto

22 Febbraio 2022 0 Di Luna Rossa

Putin firma il riconoscimento dell’indipendenza di Donetsk e Lugansk, sancendo la fine dei negoziati con Kiev sugli accordi di Minsk, dopo un lungo intervento in tv in cui definisce l’Ucraina un paese corrotto e pilotato dall’estero. L’Ue: «Sanzioni devastanti»

Editoriale

La crisi ucraina sul baratro

Tommaso Di Francesco

Se si voleva davvero salvaguardare in questo momento oscuro per la pace l’unica mediazione sul campo, quella degli accordi di Minsk che difendono giustamente l’integrità territoriale dell’Ucraina, ecco che la decisione di riconoscere le indipendenze di Lugansk e Donetsk azzera ogni sforzo diplomatico

La «delusione» di Macron. L’Ue: «Sanzioni devastanti»

Anna Maria Merlo

Dopo il riconoscimento delle repubbliche separatiste di Donetsk e Luhansk il cancelliere tedesco Olaf Scholz parla di «una rottura unilaterale» degli accordi di Minsk e cala il gelo sulle speranze di una soluzione diplomatica

Commenti

Diritto internazionale e falsi miti

Domenico Gallo

Ogni paese è sovrano quando è libero di fare le scelte di politica estera e militare che ritiene più opportune. Però da quando è stata stabilita la Carta delle Nazioni Unite, alla sovranità degli Stati sono stati tolti gli artigli nell’interesse superiore della convivenza pacifica fra le Nazioni.

Politica

Tre sì o tre forse, Pd diviso dai referendum

Andrea Fabozzi

Letta: no ai quesiti su abolizione della legge Severino e custodia cautelare, atteggiamento positivo verso gli altri ma le riforme vanno fatte in parlamento. Base riformista e Giovani turchi: se ci si arriva bisogna votare a favore

Internazionale

Un anno senza verità per l’ambasciatore Attanasio

Matteo Giusti

Il 22 febbraio 2021 l’agguato nel Kivu del Nord in cui morirono anche il carabiniere Iacovacci e l’autista Milambo. Le indagini della Procura di Roma sulle misure di sicurezza omesse e gli interrogatori pieni di punti oscuri dei due funzionari del World Food Programme indagati

Non uno Stato ma un casinò per i palestinesi

Michele Giorgio

Secondo le indiscrezioni riferite dalla tv Canale 12, l’esercito israeliano e l’Anp, bisognosa di fondi, stanno valutando seriamente la possibilità di riaprire l’Oasis di Gerico, un tempo meta di migliaia di israeliani e chiuso dal 2000.

Cultura

Famiglie in fuga incrociando la storia

Simone Pieranni

«Gli ultimi re di Shanghai. La straordinaria storia di due dinastie dalle guerre dell’oppio alla Cina dei nostri giorni» del premio pulitzer Jonathan Kaufman (Treccani libri) racconta l’avventurosa ascesa dei Sassoon e dei Kadoorie

Indagine nel laboratorio italiano del populismo memoriale

Guido Caldiron

«Sull’uso pubblico della storia» di Davide Conti, con le foto di Paolo Pandullo che illustrano le tracce della violenza di Stato, pubblicato da Forum. Un ragionamento sulla storia e il modo in cui ci rapportiamo ad essa per leggere fino in fondo il nostro presente

Dan Graham, la vita in un gioco di specchi

Redazione cultura

La scomparsa, all’età di 79 anni, dell’artista americano che ha seminato padiglioni trasparenti invertendo i concetti di dentro e fuori, pubblico e privato

Segnali di rinascita urbana: il Progetto Fori

Enzo Scandurra

Si tratta di costruire una città moderna, unica al mondo. Perché “moderno” è l’aggettivo adatto a questo progetto: una grande e accogliente piazza pubblica, come non ce ne sono altre, a disposizione non solo dei romani del centro ma aperta alle periferie

Rubriche

Vinceremo mai contro la guerra?

Alberto Leiss

La disgraziata passione per la guerra può tornare prima che si finisca davvero per ripudiarla (verbo scritto nella nostra Costituzione e sostanzialmente tradito). La scelta per l’Ucraina assume un valore generale importantissimo

L’Ultima

Umiliate e offese della Cina rurale

Sabrina Ardizzoni

Il ritrovamento di una donna prigioniera nelle campagne di Fengxian ha riacceso il dibattito sul guaimai: il traffico a scopo matrimoniale, fenomeno al contempo antico e frutto di una modernità deviata

Sorgente: il manifesto del 22.02.2022 – il manifesto