La Francia ha vietato le terapie di conversione dell’orientamento sessuale – Il Post

La Francia ha vietato le terapie di conversione dell’orientamento sessuale – Il Post

26 Gennaio 2022 0 Di Luna Rossa

Il Parlamento francese ha approvato in via definitiva una legge che vieta le terapie di conversione, pratiche ampiamente criticate dalla comunità scientifica che pretendono di “curare” l’orientamento sessuale delle persone non eterosessuali, bisessuali o transgender. Le terapie di conversione vengono fatte attraverso vari metodi, compreso quello dell’elettroshock. In Francia non esiste un’indagine nazionale per valutare l’entità del fenomeno, ma una relazione parlamentare del 2019 parla di un centinaio di casi recenti.

La nuova legge è stata presentata da Laurence Vanceunebrock, deputata de La République en Marche, il partito del presidente Emanuel Macron: introduce nel codice penale francese un nuovo reato per chi pratica questo tipo di terapie, con pene di 2 anni e 30mila euro di multa, che possono salire a 3 anni e 45mila euro nel caso in cui siano coinvolti dei minori. Fino ad ora, le terapie di conversione potevano essere punite in base ad altri reati come molestie morali o pratica illegale della medicina. Ma i sostenitori della nuova legge, che è stata approvata all’unanimità, dicono che un reato specifico aumenterà la consapevolezza della loro illegalità.

La Francia si aggiunge a diversi paesi in cui le terapie di conversione sono vietate, tra cui Germania, Malta, Brasile e Canada.

«Nessuno potrà più pretendere di essere in grado di curare le persone LGBT», ha detto Vanceunebrock. E Macron, ha scritto su Twitter che «queste pratiche indegne non hanno posto nella Repubblica. Perché essere se stessi non è un crimine, perché non c’è niente da curare».

fotografia: La parata del Pride a Parigi (AP Photo/Remy de la Mauviniere)

Sorgente: La Francia ha vietato le terapie di conversione dell’orientamento sessuale – Il Post