Ai combattenti stranieri della Siria viene detto: “Vai a casa o unisciti a HTS” – Middle East Monitor

Ai combattenti stranieri della Siria viene detto: “Vai a casa o unisciti a HTS” – Middle East Monitor

1 Luglio 2021 0 Di marco zinno

A centinaia di combattenti stranieri in prima linea è stato detto di cadere sotto il controllo diretto del principale gruppo ribelle che guida la guerra civile siriana nella regione di Idlib o di uscire dal paese. L’ordine schietto è stato emesso da Hay’at Tahrir Al-Sham (HTS) durante alcuni dei più pesanti bombardamenti russi visti nel nord-ovest della Siria.

La tempistica della direttiva ha sconcertato gli osservatori mediorientali. Si teme un contraccolpo interno tra i combattenti stranieri che semplicemente non hanno altro posto dove andare, essendo stati costretti ad abbandonare o rinunciare alla cittadinanza dei loro paesi d’origine.

I principali combattenti ribelli che si trovano ad affrontare la situazione di Catch22 provengono dai gruppi Sahaba e Khataab, dominati dagli egiziani, e dai gruppi ceceni Ajnad Al-Kavkaz. Tutti operano nel Sahel Alghab nella regione di Jabal Al-Zawiya.

Il leader ribelle musulmano “Abu Waleed” Shishani è uno di quelli a cui è stato lanciato un ultimatum dal capo di HTS, Abu Mohammad Al-Jolani, pochi giorni fa. L’offerta di cadere sotto la guida di HTS è stata respinta quando è stata presentata al gruppo di Shishani composto prevalentemente da combattenti ceceni. Shishani porta un enorme rispetto in alcuni ambienti come combattente veterano con 20 anni di esperienza in Cecenia e Siria. Ci sono state reazioni simili da parte degli altri gruppi che non hanno altra scelta, dicono, ma restare in Siria e combattere.

Il giornalista di On the Ground News ( OGN ) Bilal Abdul Kareem, che è caduto in fallo con HTS , ha seguito il dramma in corso. “Questi combattenti stranieri sono venuti in Siria per proteggere il popolo siriano nella loro lotta contro il brutale regime di Assad”, mi ha detto. “Naturalmente c’è molta agitazione a causa dell’incertezza del loro status futuro. Nessuno di questi combattenti può tornare nei loro paesi d’origine, molti hanno rinunciato alla loro cittadinanza o la loro cittadinanza è stata revocata e hanno problemi di fiducia con HTS. Ora sono esplorare le loro opzioni, ma l’unica cosa che non è cambiata è il loro impegno per la causa del popolo siriano”.

Il giornalista americano si è recentemente trasferito da Idlib nell’area dello Scudo dell’Eufrate, nel nord della Siria. È stato trattenuto in una prigione HTS senza accusa né processo per sei mesi dopo aver riferito per OGN sulle accuse secondo cui il gruppo militante ha torturato i detenuti. La sua detenzione ha seguito una serie di arresti da parte di HTS di operatori umanitari e giornalisti nella provincia di Idlib per tutto il 2020. “La maggior parte degli studiosi di spicco e delle persone di conoscenza islamica hanno lasciato HTS e questo vuoto ha creato alcuni problemi di fiducia, quindi c’è una riluttanza ad accettare un invito a rientrare nei loro ranghi”, ha aggiunto.

Un portavoce dei media per HTS ha respinto gran parte delle osservazioni di Abdul Kareem. Lo ha accusato di “calunnia e diffusione di bugie” ora che è fuori dalla portata del gruppo nell’area dello Scudo dell’Eufrate.

LEGGI: Non sparare al messaggero

A HTS non piacerà certamente l’ultima trasmissione dell’americano su YouTube dalla sua nuova base di media. Nella sua prima sessione di domande e risposte per OGN dal suo rilascio, il controverso giornalista discute il dilemma che affrontano i combattenti stranieri nella regione.

Altri osservatori sono stati più diretti del co-fondatore di OGN , sostenendo che la leadership di HTS assomiglia a una “mafia criminale”. Parlando a condizione di anonimato, uno mi ha detto: “Questo sta diventando un gioco molto brutto e sgradevole. I combattenti che hanno rinunciato ai loro paesi di origine ora vivono nella paura di HTS e non hanno un posto dove andare. pericoloso mix di persone armate che non hanno nulla da perdere. Possono succedere cose brutte”.

Hay’at Tahrir Al-Sham è stata costituita da Abu Mohammad Al-Jolani nel 2017 da una serie di gruppi, inclusi alcuni affiliati di Al-Qaeda. Ha fondato Jabhat Al-Nusra nel 2011, mantenendo legami con Al-Qaeda dopo la spaccatura molto pubblicizzata di quest’ultima con Daesh, il cui leader all’epoca, Abu Bakr Al-Baghdadi, si dice sia stato determinante nella creazione di Jabhat Al-Nusra.

Tuttavia, alla fine di luglio 2016, Al-Jolani ha affermato che stava fondando un nuovo gruppo chiamato Jabhat Fatah Al-Sham che non avrebbe più “legami esterni” con Al-Qaeda. La risposta del leader di Al-Qaeda Ayman Al-Zawahiri è stata definita concisa. Un anno dopo Al-Jolani ha rinominato ancora una volta il suo gruppo, fondendosi con molti altri – Harakat Nour Al-Din Al-Zinki, Liwa Al-Haq, Jaysh Al-Sunna e Jabhat Ansar Al-Din – per fondare HTS.

I manifestanti siriani si sono radunati nella città di Binnish, nella provincia nordoccidentale di Idlib, il 1° maggio 2020, per protestare contro un attacco segnalato da Hayat Tahrir al-Sham, un'alleanza guidata da un ex affiliato di Al-Qaeda, durante una protesta il giorno precedente.  [OMAR HAJ KADOUR/AFP via Getty Images]

I manifestanti siriani si sono radunati nella città di Binnish, nella provincia nordoccidentale di Idlib, il 1° maggio 2020, per protestare contro un attacco segnalato da Hayat Tahrir al-Sham, un’alleanza guidata da un ex affiliato di Al-Qaeda, durante una protesta il giorno precedente. (Foto di Omar HAJ KADOUR/AFP) (Foto di OMAR HAJ KADOUR/AFP via Getty Images)

Al-Zawahiri si è opposto alle fusioni e ha descritto HTS come un gruppo jihadista salafita indipendente che si era separato illegalmente da Al-Qaeda infrangendo il suo giuramento di fedeltà. Desideroso di prendere le distanze da se stesso e HTS da Al-Qaeda, si pensa che Al-Jolani abbia persino provato a cambiare marchio scambiando le sue tute con abiti e promuovendosi come leader politico piuttosto che come combattente ribelle. Tuttavia, i suoi tentativi di legittimarsi agli occhi degli Stati Uniti, dove il suo gruppo rimane in un registro dei terroristi , e di altri importanti paesi occidentali, finora sono falliti.

Sorgente: Ai combattenti stranieri della Siria viene detto: “Vai a casa o unisciti a HTS” – Middle East Monitor

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •