Ad Haiti è nata una “forza rivoluzionaria” armata | Haiti Liberte

Ad Haiti è nata una “forza rivoluzionaria” armata | Haiti Liberte

7 Luglio 2021 0 Di marco zinno

La “G-9 Family and Allies” , un’alleanza di organizzazioni armate di quartieri poveri fondata un anno fa , ha aggiunto le parole “Forze rivoluzionarie” al loro nome e ha detto che avrebbero usato le loro armi per “liberare il paese [dai suoi travagli] una volta e per tutti”, in una drammatica cerimonia televisiva mercoledì 23 giugno 2021 nella baraccopoli di Port-au-Prince di La Saline.

Uomini pesantemente armati che brandivano armi automatiche e machete hanno fornito lo sfondo per l’annuncio delle ” Forze rivoluzionarie della famiglia e degli alleati del G-9, Mess with One You Mess with All ” , il nome ufficiale completo del fronte che unisce le bande di quartiere in diverse parti della capitale di Haiti.

“Notiamo che da più di 40 anni il Paese è controllato da un piccolo gruppo di persone che decidono tutto ( fè e defè )”, ha affermato il leader e portavoce della FRG-9, Jimmy “Barbecue” Cherizier, ex polizia d’élite ufficiale , riferendosi alla piccola borghesia di Haiti.

“Hanno messo armi nei quartieri poveri per farci combattere l’un l’altro per il loro beneficio”.

Un murale di Che Guevara a Delmas 6 ad aprile, prima che il quartiere fosse attaccato e distrutto dalla polizia nazionale haitiana. Foto: Kim Ives/Haiti Liberté

Per la prima volta nelle sue dichiarazioni pubbliche, che appaiono frequentemente su YouTube e sui siti di social media, le osservazioni di Cherizier avevano un sapore antimperialista distinto, ma non esplicito. Ha iniziato il discorso salutando il padre fondatore haitiano Jean-Jacques Dessalines, famoso eroe dell’indipendenza Capois La Mort, e poi, cosa più significativa, Charlemagne Péralte, il leader della resistenza caco guerriglia che ha combattuto i marines statunitensi all’inizio del loro esercito 1915-1934 occupazione di Haiti.

“Hanno distrutto i nostri maiali creoli”, ha detto Cherizier, riferendosi al massacro del 1983 di milioni di maiali indigeni haitiani sospettati di essere stati infettati dalla peste suina africana. Lo sterminio spartiacque, in cui l’Agenzia per lo sviluppo internazionale del Dipartimento di Stato americano (USAID) ha svolto un ruolo di primo piano, è spesso citato dalla sinistra haitiana come l’inizio della fine dell’agricoltura contadina di Haiti.

“Hanno distrutto la nostra produzione nazionale”, ha anche detto, affrontando la decimazione dell’agricoltura haitiana da parte del dumping alimentare e l’abbassamento delle tariffe di importazione provocate dalle riforme neoliberali sponsorizzate da Washington a partire dalla metà degli anni ’80.Inoltre, ha esplicitamente criticato il partito al governo del presidente di fatto haitiano Jovenel Moïse, l’haitiano Bald-Headed Party (PHTK), per il quale è stato spesso accusato di lavorare, nonostante le sue ripetute smentite.”Il PHTK sta tenendo un referendum ed elezioni per difendere i propri interessi personali”, ha detto Cherizier nel discorso, che ha anche criticato l’opposizione borghese di Moïse. “L’opposizione ha bisogno di una ‘transizione’ [governo provvisorio] in modo da poter rubare denaro. Tutti i borghesi hanno franchising, [dove] non pagano le tasse. Alla fine, le persone sono lasciate a se stesse. Sono tutti contro di noi. Oggi è arrivato il momento in cui useremo le armi contro tutti loro”.

Sorgente: In Haiti, an Armed “Revolutionary Force” is Announced | Haiti Liberte

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •