La marcia delle bandiere israeliane ultranazionalista a Gerusalemme – Middle East Monitor

La marcia delle bandiere israeliane ultranazionalista a Gerusalemme – Middle East Monitor

17 Giugno 2021 0 Di marco zinno

Ieri coloni israeliani ultranazionalisti e di destra hanno svolto la loro “Marcia delle bandiere” a Gerusalemme. A causa di problemi di sicurezza, il percorso è stato modificato rispetto agli anni precedenti e hanno superato la Porta di Giaffa della Città Vecchia anziché la solita Porta di Damasco. Inoltre, come al solito, i coloni hanno cantato “Morte agli arabi” e “Gerusalemme è ebrea”. È stato estremamente provocatorio – che era l’intenzione, ovviamente – e ha fornito ai coloni ebrei l’opportunità di esprimere il loro odio per i palestinesi musulmani e cristiani.La marcia è un evento annuale per commemorare la presa di Gerusalemme da parte delle truppe israeliane nel 1967. La prima marcia si tenne un anno dopo. Quello e quelli che seguirono non furono mai pacifici.Originariamente prevista per il 10 maggio, la resistenza palestinese ha mantenuto il suo impegno di rappresaglia a meno che Israele non interrompesse i suoi attacchi contro il popolo di Gerusalemme, quindi è stato rinviato a giovedì scorso. Ancora una volta, è stato rinviato – forse in modo che il governo uscente di Netanyahu non debba prendere la decisione – e si è tenuto ieri. È stato il nuovo governo guidato da Naftali Bennett a dare il via libera.L’emittente pubblica israeliana Kan ha riferito che il governo ha inviato messaggi all’Autorità palestinese e alla Giordania che non stava cercando alcuna escalation attraverso l’approvazione della marcia delle bandiere. Channel 13 News ha riferito che un messaggio è stato inviato ad Hamas attraverso l’Egitto chiedendo al movimento di non aumentare la tensione e avvertendolo di una risposta dura se lo avesse fatto. Il Cairo ha detto ad Hamas che qualsiasi escalation in risposta alla marcia delle bandiere l’avrebbe “messa in imbarazzo”.LEGGI: La marcia della bandiera dei coloni israeliani arriva alla Porta di Damasco in mezzo alla tensioneLa resistenza palestinese a Gaza non è stata colpita dalle vuote minacce fatte dalle autorità di occupazione israeliane, ma ha affermato che avrebbe seguito la situazione e avrebbe intrapreso le azioni necessarie senza fare riferimento a nessuno, se e quando necessario. “Tutte le opzioni sono sul tavolo”, ha detto Hamas. Ha sottolineato che l’escalation potrebbe essere evitata “se la marcia delle bandiere non sfugge al controllo”.La controversia sulla marcia l’ha trasformata in una sfida che sembrava che l’occupazione israeliana avrebbe vinto. Sul campo, però, il risultato è stato l’esatto contrario. La marcia ha dimostrato che Israele è stato sconfitto dalla resistenza palestinese, la cui reputazione di piazza è stata sollevata tra il popolo della Palestina occupata, il mondo arabo in generale e i musulmani.Per far posto ai circa 2.500 coloni, la polizia israeliana e le forze di sicurezza hanno sparato gas lacrimogeni e proiettili di gomma contro i palestinesi locali lungo il percorso. Più di 30 sono stati feriti e alcuni sono stati arrestati.LEGGI: Israele dirotta i voli temendo missili da GazaTemendo una risposta di Hamas alla marcia, le autorità israeliane hanno deviato i voli civili da e per l’aeroporto Ben Gurion lontano dalla Striscia di Gaza. Il sistema di difesa missilistico Iron Dome è stato messo in standby.Sebbene gli estremisti che hanno preso parte alla marcia fossero felici, non solo hanno fatto arrabbiare i funzionari israeliani, ma probabilmente hanno anche spinto decine di giovani tra le braccia dei quadri della resistenza. I sergenti di reclutamento designati non avrebbero potuto fare un lavoro migliore.La resistenza palestinese ha celebrato quest’ultima vittoria, riconosciuta anche dai media e dagli analisti israeliani.”Le coraggiose posizioni e le decisioni della resistenza palestinese hanno costretto l’occupazione israeliana a cambiare il percorso della Moschea di Al-Aqsa, cambiare le rotte degli aerei civili e rafforzare lo spiegamento dell’Iron Dome”, ha affermato Hamas. “È iniziata una nuova era e una nuova formula di deterrenza nei confronti di Israele”.

Sorgente: L’ultranazionalista Flag March era un sergente di reclutamento per la resistenza palestinese – Middle East Monitor

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •